Assembla che ti PassaAssembla che ti Passa #66 

Nel nuovo Assembla che ti Passa parliamo di ottimizzazione e della protagonista della settimana: la GeForce GTX 1050

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

I benchmark di Gears of War 4, titolo nato e pensato nel segno delle DirectX 12, ci forniscono qualche dato in più per provare a capire il comportamento delle nuove GPU con le librerie di nuova generazione. GeForce GTX 1080 e Titan X dominano inevitabilmente la scena, vista l'assenza di GPU di fascia alta AMD, ma la GTX 1060 deve vedersela con la Radeon RX 480 che gode di un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Quest'ultima esce sconfitta in 1080p e 1440p ma, anche grazie al calcolo asincrono gestito in modo migliore e agli 8GB di memoria contro i 6GB della soluzione di fascia media NVIDIA, riesce a far girare il pesante titolo Microsoft anche in 4K pur trovandosi poco al di sopra dei 20 frame per secondo, che in uno sparatutto rappresentano un grosso problema. Non si tratta, comunque, di schede destinate all'Ultra HD e questo significa che nel caso di Gears of War 4 la GTX 1060 porta comunque a casa la sfida della fascia media nonostante la défaillance con il 4K. In questo caso, insomma, emerge un quadro ben diverso da quello visto con Battlefield 1 che in modalità DirectX 12 vede la Radeon RX 480 trionfare di larga misura sulla GeForce GTX 1060. Assembla che ti Passa #66 Ma nel caso del titolo DICE tutte le schede AMD si comportano egregiamente, come è già successo con Battlefield 4, al contrario di quelle NVIDIA che già non brillano con le DirectX 11 e con le nuove librerie Microsoft soffrono di un calo prestazionale del 10%. Un calo importante grazie al quale la R9 Fury X si ritrova nettamente in vantaggio sulla GTX 1070 al contrario di quanto accade con Gears of War 4 che vede la scheda AMD avvicinarsi a quella NVIDIA solo in 4K. In questo caso il divario tra le diverse GPU è in linea con quello visto in parecchi titoli DirectX 11 e questo può significare che qualcuno ha finalmente iniziato a sfruttare il famigerato asynchronous compute anche con le schede nuove NVIDIA. Meglio aspettare, però, per festeggiare. Anche se Gears of War 4 è stato sviluppato pensando alle DirectX 12 non è detto che sfrutti al meglio le schede AMD e questo significa che per avere un quadro attendibile dovremo attendere qualche altro titolo sviluppato nel segno delle nuove librerie. Nel prossimo futuro, comunque, dovrebbero arrivarne sul mercato diversi vista la promessa dei grandi publisher di sfruttare al massimo tutte le tecnologie delle nuove GPU. Peculiarità che nel caso di NVIDIA includono anche la tecnologia Multi-Res Shading che è stata pensato per ottimizzare la grafica della realtà virtuale ma è tranquillamente applicabile ai giochi standard. Questa tecnologia consente di suddividere lo schermo in sezioni e di gestirne indipendentemente la risoluzione. Riducendo il dettaglio ai bordi dello schermo la resa complessiva diminuisce di poco, a patto che si tratti di un titolo che prevede l'attenzione concentrata nella parte centrale dello schermo, garantendo però aumenti prestazionali notevoli. Non è un caso che il debutto del Multi-Res Shading al di fuori della realtà virtuale sia avvenuto con uno sparatutto e sembra funzionare alla grande aggiungendo un parametro da non sottovalutare alla scalabilità. La guerra all'ottimizzazione, insomma, è aperta e siamo sicuri che ci regalerà grandi soddisfazioni. Tra l'altro tecnologie di questo tipo potrebbero dare un'ulteriore marcia in più alla fascia bassa che si è appena animata grazie alla presentazione delle GTX 1050 e GTX 1050 Ti. Assembla che ti Passa #66 Tra pochi giorni la Radeon RX 460, chip Polaris 11, non sarà più la sola opzione per le configurazioni economiche e dovrà fare i conti con le due neonate NVIDIA, entrambe incentrate sul chip Pascal GP107 che a differenza dei precedenti è basato sul processo produttivo a 14 nanometri già utilizzato da AMD con le nuove Radeon. Il chip in questione è composto da 3.3 miliardi di transistor, bus da 128-bit e 32 ROP ma nel caso della GTX 1050 i CUDA core sono 640 mentre la GTX 1050 Ti ne conta 768 e vanta 4GB di memoria GDDR5 contro i 2GB della sorella minore. In entrambi i casi il consumo tipico è di soli 75 Watt e, oltre ad abbassare il consumo tipico di un sistema a 320W, toglie di mezzo la necessità di un connettore ausiliario che è vincolato alle sole versioni custom pensate per l'overclock. La GTX 1050, in arrivo entro l'8 novembre, vanta frequenze più elevate raggiungendo 1445MHz in boost contro i 1392MHz di tetto massimo della GTX 1050 Ti, il cui debutto è previsto per il 25 ottobre, ma quest'ultima può comunque contare su performance superiori, a quanto pare sufficienti per cavarsela più che bene in 1080p. Purtroppo a essere superiore è anche il prezzo che sul mercato italiano si avvicinerà ai 160 euro piazzandosi, come previsto, non molto al di sotto di quello della Radeon RX 470 che potrebbe presto godere di un taglio andando a contrastare direttamente la neonata NVIDIA. Ma la scheda di fascia media AMD non potrà contrastare la GTX 1050 che costerà circa 130 euro e promette comunque potenza a sufficienza per misurarsi con la RX 460 da 2GB e permettere di giocare adeguatamente i titoli attualmente in circolazione. Purtroppo, almeno per ora, dobbiamo accontentarci dei benchmark ufficiali di NVIDIA che indicano 62 frame per secondo con Grand Theft Auto V e 65 con Gears of War 4, in entrambi i casi in 1080 con impostazioni grafiche medie. Overwatch arriva a 63 con i settaggi impostati su alto e World of Warcraft tocca quota 68 frame, esattamente come DOTA 2, con tutto impostato al massimo.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

In attesa dell'arrivo sul mercato delle due GTX 1050 e del calo di prezzo della RX 470, non possiamo far altro che affidarci per l'ennesima volta alla Radeon RX 460, unica soluzione di fascia bassa di nuova generazione a essere al momento disponibile.

Con il prezzo della versione XFX da 4GB che è sceso al di sotto dei 130 euro, torniamo a scegliere questa opzione che permette di giocare con qualche rinuncia a giochi come Grand Theft Auto e di spingere quasi al massimo diversi titoli non particolarmente esosi come Overwatch.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 110.00
Intel Core i3-6100 3.7 GHZ
SCHEDA MADRE € 60.00
ASUS H110M-K
SCHEDA VIDEO € 130.00
XFX Radeon RX 460 4GB
RAM € 40.00
Crucial 8GB (1 x 8GB) DDR4-2133 Memory
ALIMENTATORE € 45.00
XFX ProSeries 450W PSU 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 35.00
ZALMAN ZM-T1 PLUS
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 480.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Dopo aver ascoltato la voce del popolo, torniamo a proporre una soluzione lievemente più costosa ma capace di performance superiori nella maggior parte dei casi. Stiamo ovviamente parlando della GeForce GTX 1060 da 6GB che permette di giocare senza rinunce in 1080p e gode del rapporto tra prestazioni e prezzo migliore della serie di schede video Pascal.

Passando alla motherboard restiamo fedeli a quella scelta la scorsa settimana che garantisce piena compatibilità con i nuovi processori Kaby Lake. Va però detto che le nuove CPU sono imminenti e nel caso in cui ci sia l'intenzione di cambiare processore in un futuro non troppo lontano, è consigliabile aspettare le nuove opzioni che includeranno anche la serie AMD Zen resa interessanti dalla promessa di potersi confrontare con le soluzioni Intel.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 180.00
Intel Core i5-6400 2.7-3.3GHz
SCHEDA MADRE € 110.00
ASUS H170-PRO
SCHEDA VIDEO € 300.00
Asus GeForce GTX 1060 Strix 6GB
RAM € 75.00
Patriot Viper Elite Series DDR4 2400MHz 16GB
ALIMENTATORE € 45.00
XFX ProSeries 450W PSU 80+ Bronze
HARD DISK € 40.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 50.00
Thermaltake Commander MS-I
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 815.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni estreme, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Due rivenditori online, uno dei quali piuttosto affidabile, hanno messo in vendita la Galax GeForce GTX 1080 EX a meno di 600 euro e non ci facciamo scappare l'occasione visto che con un prezzo del genere il non esaltante rapporto tra spesa e prestazioni della potente scheda NVIDIA si riequilibra sensibilmente. Per bilanciare l'esborso comunque elevato abbassiamo il tiro sull'alimentatore, viste le necessità tutto sommato modeste della configurazione, puntando sull'EVGA SuperNOVA G2 da 650W che pur fermandosi all'efficienza Gold può vantare un rapporto tra qualità e prezzo molto elevato.

Per quanto riguarda il resto affidiamo ancora una volta alla ASUS Z170-PRO Gaming vista la compatibilità con Kaby Lake, l'ottimo prezzo e le qualità intrinseche della scheda. E nonostante la lunga permanenza restano anche le memorie G.Skill Ripjaws che, forti di ottime latenze e di un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello di lancio, continuano a essere una delle opzioni più appetibili in circolazione. Con il ritorno alla GTX 1080 e alla fascia estrema torniamo a includere un'unità a stato solido che non aiuta nel gaming, risultando rinunciabile, ma garantisce caricamenti fulminei.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 270.00
Intel Core i5-6600K 3.5-3.9GHz + Cooler Master Hyper 212 EVO
SCHEDA MADRE € 150.00
Asus Z170-PRO GAMING
SCHEDA VIDEO € 580.00
Galax GeForce GTX 1080 EX OC
RAM € 100.00
G.SKill Ripjaws 4 4x4GB DDR4-3000 CL 15 (F4-3000C15Q-16GVR)
ALIMENTATORE € 115.00
EVGA SuperNOVA G2 da 650W 80+ Gold
HARD DISK € 240.00
Western Digital Caviar Blue 7200 RPM 1TB / Samsung 950 PRO M.2 256GB
CASE € 130.00
Phanteks Enthoo Pro
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 1600.00

Nel nuovo Assembla che ti Passa parliamo del debutto delle GPU Pascal nel segmento di fascia bassa