Expa che ti passa Weekly  12

L'E3 a Los Angeles si è appena concluso, ed è stata ricco di dettagli su alcuni MMORPG che giocheremo nei mesi a venire.

Il Signore degli Anelli Online
L'E3 è stata una buona occasione per mostrare qualcosa del nuovo Book che introdurrà la regione di Enedwaith, a sud di Eregion. Questo update sarà il primo a essere pesantamente influenzato dalla nuova filosofia F2P che caratterizzerà l'MMO di Turbine a partire da questo autunno: i giocatori VIP (cioè gli utenti che pagano la quota mensile o la sottoscrizione a vita) avranno accesso alla nuova zona e a tutte le sue quest, chi gioca gratuitamente potrà invece raggiungere la regione ma dovrà comprare il pacchetto di contenuti dallo Store.

Con la nuova patch non saranno aggiunti nuovi Skirmish, ma Turbine trasformerà in Skirmish le raid-instance delle "vecchie" zone per ogni tipologia di gruppo. Arriveranno nuovi Skirmish in futuro, ma saranno accessibili soltanto ai VIP mentre gli altri giocatori dovranno acquistarli. Un'altra aggiunta del nuovo Book è l'attesa opzione per le DirectX 11. Dovrebbe raggiungerci presto, ma non con il nuovo Book, anche un revamp del sistema di Housing e un nuovo Hobby. C'è molto in cantiere, insomma, e chi pensava che il passaggio a Free-to-play segnasse il declino de Il Signore degli Anelli Online, potrebbe dover ricredersi.

TERA
Non abbiamo mai dedicato molto spazio al MMO di En Masse Entertainment, ma la sua presenza in fiera ci è sembrata un'ottima occasione. La versione mostrata permetteva ai partecipanti di provare le varie classi insieme ad altri giocatori: gli sviluppatori sono stati abbastanza fedeli agli archetipi del genere, perciò il guerriero è una classe veloce e potente in grado di concatenare molteplici attacchi ma piuttosto suscettibile ai colpi nemici, richiedendo quindi una buona componente tattica; gli assassini assomigliano i guerrieri nel senso che infliggono molti danni ma ne ricevono altrettanti, in compenso i loro colpi hanno un raggio piuttosto ampio; stregoni e guaritori, invece, sono le canoniche classi a lungo raggio, specializzate ovviamente in attacco e cure.

TERA parrebbe giocarsi come un MMORPG piuttosto tradizionale, ci si muove con la tastiera e la telecamera è controllata dal mouse, quest'ultimo però permette anche di attivare una potente abilità di classe premendo il tasto destro. Il combattimento si è svolto nel più tradizionale dei modi: il Berserker è essenzialmente il tank del gruppo per via dell'alta difesa ed è quindi il primo ad attaccare, seguito dai "damage dealer" fisici e dalle magie curative e offensive del resto del gruppo. Lo scontro si evolve senza particolari sorprese, la strategia è però giocata particolarmente sulle animazioni: i mostri ad esempio si rivolgono verso il bersaglio che stanno per attaccare o caricano i loro colpi speciali prima di rilasciarli. E' importante il posizionamento poichè alcune magie, come per esempio quelle curative, richiedono che i giocatori entrino nella loro area d'azione: in questo senso è ovvio che TERA richiederà una buona comunicazione tra i giocatori. TERA appare dunque un MMORPG piuttosto tradizionale ma non privo di caratteristiche peculiari che lo rendono abbastanza interessante. Tecnicamente è uno spettacolo per gli occhi sotto ogni aspetto: creature, ambientazioni, effetti speciali. L'unico problema è che finora non è stato mostrato altro che il sistema di combattimento, non ci resta dunque che aspettare anche il resto dei contenuti per farci un'idea più chiara.

Secondo Voi...

... i MMORPG dovrebbero distanziarsi dalla tradizionale formula degli archetipi in un gruppo, o è un elemento imprescindibile del gameplay?

Final Fantasy XIV
Mentre Square Enix mostrava all'E3 l'ultima versione del client di Final Fantasy XIV, su Internet veniva rilasciato il primo benchmark per chi fosse curioso di sapere se la sua macchina riesca a reggerlo o meno. Il software, che pesa circa 172 megabyte e richiede almeno le DirectX 9.0c nel sistema, permette la modifica di alcune opzioni, per esempio la resa in alta risoluzione o la razza del proprio personaggio, e una volta lanciato mostra la cutscene introduttiva del gioco. Alla fine della cutscene verrà assegnato un punteggio: se avete totalizzato più di 1500 punti la vostra macchina riuscirà a far girare Final Fantasy XIV senza particolari problemi alle impostazioni predefinite. Nel frattempo sono emersi nuovi dettagli sullo showfloor, in particolare dalle interviste al produttore esecutivo Hiromichi Tanaka, che ha sembrato confermare la piega più "casual" presa dal nuovo MMO, che permetterà ai giocatori di godersi l'esperienza sia da soli che in gruppo, anche se i contenuti endgame saranno pensati appositamente per party più o meno consistenti di giocatori: per questo motivo Square ha introdotto il sistema delle "company" che dovrebbero essere, essenzialmente, le gilde, anche se pare siano legate a una meccanica che ne permetterà la crescita o evoluzione. I Chocobo saranno inizialmente delle semplici cavalcature ma Square pare stia lavorando a qualcos'altro che li coinvolga, forse un sistema di gare come in Final Fantasy XI.

Per quanto riguarda le discipline, i giocatori saranno in grado di cambiarle in qualsiasi momento purchè non siano impegnati in combattimento, ma Tanaka ha sottolineato l'importanza di concentrarsi su una particolare disciplina piuttosto che non specializzarsi in nulla; il client mostrato all'E3 inoltre proponeva il nuovo sistema di combattimento, sensibilmente diverso da quello giocabile in Alpha, molto più movimentato e frenetico grazie alla rimozione del tempo di ricarica sulle azioni del giocatore. E' stata fatta un po' di chiarezza anche sulle guildleve, le "carte" che rappresentano le quest (o levequest) aperte dal giocatore: tuttavia, in caso si voglia partecipare alla quest di un altro giocatore, non sarà necessario possedere la relativa guildleve, di conseguenza il sistema sembrerebbe più flessibile del previsto. Infine, Tanaka promette una serie di storyline epiche, completamente doppiate, in puro stile Final Fantasy. La Beta dovrebbe essere imminente sia per la versione PC che PlayStation 3: non ci resta che attendere nella speranza che Square Enix rispetti la data di lancio, prevista per la fine del 2010.

DC Universe Online
Anche l'MMO basato sui fumetti DC era presente all'E3 in una build piuttosto avanzata che non ha mancato di stupire. Se già il trailer si era dimostrato piuttosto intrigante, la versione dimostrativa ha confermato la bontà di quello che sembrerebbe essere uno degli MMO più originali in arrivo. Il PvE per esempio sarà strutturato in episodi: in quello mostrato il Joker, accompagnato da Harley Quinn, si era impadronito dell'Amusement Mile, allertando Batman e Robin. Quest'ultimo però viene catturato e toccherà a noi salvargli la pelle. La demo mostrava un sistema di combattimento decisamente action, totalmente in tempo reale, che permette di eseguire combinazioni di attacchi o afferrae gli oggetti dello scenario per colpire i nemici.

I combattimenti contro i boss promettono di essere davvero interessanti: in questo caso Harley Quinn sfoderava un vasto repertorio di attacchi davvero fumettosi, che la lasciavano abbastanza vulnerabile, al termine dell'animazione, per essere colpita dal nostro super alter-ego. Questi scontri importanti sono generalmente introdotti e conclusi da una cutscene, disegnata a mano da Jim Lee, tramite la quale si evolve la storia dell'episodio. Come da tradizione i boss rilasciano oggetti ed equipaggiamento: a parte il fatto che è possibile mantenere le statistiche di un oggetto cambiandone però la forma, nel caso quella predefinita non ci piaccia, Sony ha anche spiegato la meccanica degli equipaggiamenti che potremo indossare nel corso dell'avventura. In sostanza, man mano che si evolverà un personaggio otterrà anche il rispetto di un supereroe o supercriminale in particolare. Di conseguenza sarà possibile indossare dei costumi che richiamano lo stile e le caratteristiche del nostro "mentore". Infine, si è menzionato il PvP, che sostanzialmente si verificherà in precisi punti della mappa e soltanto in certi momenti. Lo scontro tra giocatori seguirà determinate regole, per esempio si dovranno conquistare e difendere delle zone, ma la dinamica concessa dai bizzarri superpoteri a disposizione rende gli scontri decisamente divertenti e movimentati. In futuro ci aspettano degli aggiornamenti relativi all'economia, alle professioni e alla cosiddetta "identità segreta" che dovrebbe caratterizzare i personaggi. Ne sapremo di più nelle prossime settimane.