Project Gotham Racing 2Intervista ad Alan Mealor 

Intervista: Come nasce un gioco del calibro di Project Gotham Racing 2? L'abbiamo chiesto ad Alan Mealor, lead artist di Bizarre Creations che si è occupato di riprodurre fedelmente su schermo le città presenti nel gioco. Una gustosa intervista, e una copiosa galleria screenshots, in attesa dell'imminente recensione.

E in più: libera per tutti la lettura del nostro hands-on!

Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor

BK: Quando è arrivato il momento di dire a voi stessi che il lavoro era finito e che potevate essere soddisfatti del risultato ottenuto?
AM: (sospira, sorridendo) Quel momento non arriva mai, purtroppo. Vorresti sempre avere più tempo e aggiungere dettagli e particolari, ma dopo tanti mesi si arriva ad un punto in cui è semplicemente il momento di lasciar libero il progetto di prendere la sua forma definitiva e camminare da solo. Il lavoro che abbiamo fatto è stato immenso: ore ed ore a guardare montagne di fotografie e di filmati, a sovrapporre le immagini al video per vedere se le strade e i negozi corrispondevano alla realtà. A controllare se le sensazioni che si provavano durante il gioco erano le stesse che avevamo avuto nei sopralluoghi. Il motore che gestisce le luci è la cosa di cui andiamo più fieri, la resa sull’asfalto, le transizioni tra le zone d’ombra e di luce svolgono un lavoro sottile, ma fondamentale. I tanti dettagli animati, dai treni agli aerei nel cielo, passando dagli autobus agli uccelli, ogni aspetto è stato curato nei minimi dettagli.

BK: A parte le luci, quali sono i miglioramenti apportati al motore grafico?
AM: Sicuramente il dettaglio poligonale che è cresciuto notevolmente. Una delle più grandi critiche mosse a PGR è sempre stata quella secondo la quale in realtà i palazzi nel fondale non erano altro che dei parallelepipedi con texture applicate sopra. Questa volta sono ricchissimi di dettagli poligonali, da balconi a sporgenze, cornicioni e lampioni, il tutto per rendere le città nella maniera più fedele possibile. Altra parte importante è stata la resa delle condizioni climatiche ed anche qua i miglioramenti son stati notevoli. L’effetto del bagnato sulla pista con il riflesso degli elementi coreografici su di esso è davvero notevole, peccato non aver potuto inserire la neve, ma non c’era più tempo.

BK: In realtà una delle critiche mosse più spesso a PGR è l’assenza delle persone dalle città che sembrano un po’ vuote…
AM: Quella è una scelta precisa. Mettere dei personaggi animati nelle città avrebbe voluto dire aggravare il motore del gioco di un lavoro oneroso e che secondo noi non avrebbe ripagato del sacrificio in termini di dettaglio poligonale, sia delle vetture che delle città.

BK: A che punto del progetto vi siete resi conto che non sarebbe stato possibile inserire i passanti? E avete in progetto di inserirli in un eventuale seguito?
AM: Fin dall’inizio direi. E’ una scelta che è stata fatta nella fase di planning del gioco, quando abbiamo realizzato che non saremmo riusciti ad inserire per i passanti dei modelli poligonali all’altezza di quelli delle città e delle macchine. Io sono stato uno dei primi ad oppormi all’inserimento dei pedoni, non avrebbe avuto senso avere città ed auto così dettagliate e personaggi umani scarni che avrebbero solo rovinato l’effetto globale e nuociuto alla possibilità di rendere le città ancora più belle. Al momento non posso dirti se saranno implementati in un eventuale seguito, che comunque non è stato ancora annunciato.

BK: Riguardo il contenuto scaricabile tramite Xbox Live, si è parlato di nuove auto e tracciati, puoi dirci qualcosa a riguardo?
AM: Posso solo dirti che se n’è parlato e che ci stiamo lavorando, ma di più non posso proprio.

BK: Ok Alan, dopo questo tour promozionale sarai in vacanza?
AM: Ah sì, puoi ben dirlo. Una bella vacanza dopo tanto duro lavoro, almeno due mesi. Penso che andrò a Las Vegas.

BK: E scatterai delle fotografie?
AM: (ridendo) No di sicuro! Nessuna foto, mai più!

BK: Sicuro? Niente più foto nel tuo futuro?
AM: (sorride) Beh per due mesi niente foto, poi si vedrà…

Per chiudere questo primo appuntamento con la settimana che vedrà l’uscita nei negozi dell’attesissimo titolo dei Bizarre, ecco il link all'hands-on precedentemente pubblicato in formato Gold e ora accessibile a tutti i lettori. Buona lettura in attesa della nostra recensione. Nei prossimi giorni su Multiplayer.it.

E ora una ricca galleria screenshots!

Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor
Intervista ad Alan Mealor Intervista ad Alan Mealor

41

Mercoledì scorso, noi di Multiplayer.it ci siamo recati alla sede di Microsoft per l’evento presentazione di Project Gotham Racing 2. Il gioco già lo conoscevamo e l'hands-on aveva già fatto capolino sul nostro sito, abbiamo così potuto goderci la conferenza stampa e la presentazione fattaci da Alan Mealor, uno dei membri dei Bizarre Creations.

Al termine della presentazione abbiamo avuto l’occasione di scambiare due chiacchiere con una persona simpatica e disponibile, che ci ha permesso di capire quanto lavoro ci sia dietro un progetto come Project Gotham Racing 2.

Antonio “BK” Jodice: Project Gotham Racing 2 è un gioco che ha una lunga storia, essendo il primo capitolo nato su Dreamcast col titolo di Metropolis Street Racer. A che punto della vita del team sei entrato a farne parte?
Alan Mealor: Ho cominciato la mia collaborazione all’inizio di Project Gotham Racing 2, non ho quindi preso parte alla realizzazione dei precedenti progetti.

BK: Essendo comunque a contatto col team, come si è evoluto il progetto, il gruppo di lavoro e quale è stata l’influenza di Microsoft sull’ultimo episodio della serie?
AM: Il team, più che cambiare, si è ampliato. Il cuore dello staff è rimasto invariato, ma il progetto è diventato sempre più grande e ambizioso e il numero delle persone coinvolte è aumentato considerevolmente dai tempi di Sega. La collaborazione con Microsoft è stata assolutamente positiva, ci hanno dato input e una direzione per il progetto, ma l’idea e il gioco sono nati e cresciuti completamente sotto il controllo dei Bizarre Creations. Una grossa spinta ce l’ha data la possibilità di lavorare per il progetto Xbox Live, da lì in poi è stata una marcia fino al prodotto finito.

BK: Ci puoi parlare del tuo ruolo nei Bizarre Creations?
AM: Sono uno dei city lead artist al momento, il responsabile di uno dei team che ha trasformato le città, partendo da una serie di dati e di fotografie raccolte in giro per il mondo, fino ad arrivare al loro corrispettivo poligonale nel gioco. Le città sono 11 più il circuito di Nurburing e ad occuparsi della trasposizione in game sono stati chiamati quattro team ognuno capitanato da un responsabile. Ogni team era composto di tre, quattro persone che si sono occupate di prendere foto e filmati sul posto, foto sulle quali altrettante persone poi hanno lavorato per portarle su PC. Il mio compito è stato quello di supervisionare tutto il processo, dalla costruzione in wire frame delle città, fino alla mappatura delle stesse e alla scelta degli effetti e delle luci per renderle somiglianti il più possibile alle loro controparti reali.

BK: Hai quindi viaggiato in tutto il mondo per visionare le città e raccogliere i materiali?
AM: (ridendo) Magari! No, purtroppo, mi sono occupato solo di quattro delle città, tra cui Firenze, e queste sono le sole che ho potuto visitare. Sarebbe stato impossibile per un solo team occuparsi del lavoro svolto su tutte le città; pensa che solo per Sidney ci sono voluti diciotto mesi di lavoro…un anno e mezzo. Peccato che non mi sia stata data la possibilità di lavorarci, è da tanto che vorrei poterla visitare. E’ dall’altra parte del mondo!

BK: Quante persone, quindi, sono state impegnate in questo processo?
AM: Non ti posso dare un dato preciso, dato che il numero dei membri dei diversi “City Team” è variato durante la lavorazione. Da un minimo di sei fino a più di dieci quando ci si avvicinava alla data di consegna del codice, il momento oltre il quale non era possibile andare e la data d’uscita s’avvicinava.

TI POTREBBE INTERESSARE