Serious Sam 2: The Second Encounter  0

Le prime informazioni rese note su Serious Sam 2: The Second Encounter sintetizzate in un articolo da Francesco Sorrentino.

Come sarà Serious Sam: The Second Encounter?

Il sequel sarà contraddistinto dalle seguenti novità:

  • Versione completamente Stand-Alone (non avrà bisogno del primo episodio per funzionare) venduta al prezzo irrisorio di 19.99 dollari (speriamo che stavolta i negozianti italiani si mantengano in proporzione con i costi)
  • Dodici nuovi livelli dal formato extra-large, ambientati in tre diverse ambientazioni: Sud America, Babilonia e Età Medioevale. Le civilità Maya ed Azteca prenderanno il posto di quella Egizia che ha permeato il primo episodio. Inoltre è stata migliorata l'interattività con le strutture di contorno presenti nelle mappe
  • Tre nuovissime armi (di classe vietate ai minori!), che aggiunte alle undici di prima, porterà l'arsenale a ben quattordici armi non convenzionali dall'effetto devastante! Una motosega (denominata la "spacca-ossa"), uno sniper rifle comprensivo di zoom ed un lanciafiamme faranno alzare il livello della violenza virtuale a vette mai raggiunte prima!
  • Sette nuove razze di nemici, con il ritocco di alcune di quelle presenti nel primo episodio. Su tutti Cucurbito The Pumpkin, uno spaventapasseri decapitato con la sua testa di zucca in una mano e nell'altra un "amichevole" motosega, pronta a tagliarvi a fettine! Poi demoniaci rettiloidi, sorte di rimescolamenti di razze aliene presenti nel primo episodio, che daranno vita a mostri dalla pelle scagliosa alti quasi sette metri e che vomiteranno palle di lava indistruttibili, le quali arrostiranno il vostro di dietro in men che non si dica
  • Venti mappe nuove per il multiplayer, con in più sei nuove modalità di gioco, fra cui un fantomatico "Serious Warped Deathmatch", che a detta della CroTeam dovrebbe portare una ventata di rinnovamento in questa settore da tempo stagnante. E ovviamente non poteva mancare la già consolidata ed emozionante modalità in cooperative per i livelli single-player
  • Il gioco supporterà sino a 16 giocatori nelle modalità in multiplayer e fino al massimo di 4 giocatori in un singolo computer con modalità split-screen
  • Un motore grafico ritoccato, con l'aggiunta di dettagli extra ai livelli ed un motore particellare rifatto, che darà la possibilità di riempire il terreno di erba, cespugli ed alberi, tutte calcolate con il solo ausilio di texture procedurali (praticamente basate soltanto su formule matematiche! Wow!). Inoltre aggiunta la possibilità di "incendiare" la quasi totalità degli oggetti, divisi fra modelli e strutture architettoniche
Tutto questo previsto per Novembre! Sarà un ottimo regalo di Natale per i Lan Party... questo è sicuro.

Cos'era il primo Serious Sam

Quando qualche annetto fa provai la prima versione test di Serious Sam pensai subito che sarebbe stato un successone. Tempo dopo fui smentito parzialmente dal fatto che il gioco fu dimezzato dei suoi livelli preventivati, diminuendone di fatto la sua longevità. Lo comprai comunque, anche se il suo prezzo "budget", che doveva essere applicato un po' in tutto il mondo, venne "dimenticato" in Italia e fu venduto "quasi" a prezzo pieno dalla maggior parte dei negozianti di videogiochi. Giocai a lungo in "solitario" e alla fine eliminare ondate di centinaia di alieni divenne un pò troppo monotono e abbandonai il gioco sulla scrivania a prender polvere.
Ma poi ci fu una svolta! Un pò stufi di scannarci a vicenda in DeathMatch e Capture The Flag vari in Q3A e UT, un giorno decidemmo io e ed il mio clan, nel bel mezzo di un lanparty, di provare la modalità cooperative di Serious Sam. Quella sera eravamo soltanto in quattro ma il divertimento provato valeva per cento persone.
Fu come un lampo a ciel sereno! D'un tratto Serious Sam ha mostrato tutto il suo splendore e candore con questa modalità di gioco, sopita da anni, da quella sua ultima apparizione in Quake 2...

Con un surplus di difficoltà del 50% per ogni giocatore aggiunto, le ondate di nemici si sono letteralmente tramutate in cavalloni di tonnellate e tonnellate di orripilanti forme aliene che ci investivano e circondavano! Non so spiegarvi a parole l'esaltazione che si prova a macellare (con un assortimento di armi fra i più forniti in assoluto nel settore degli FPS) tutta quella mole di bestie impazzite! In mappe vastissime, con un motore grafico eccellente, che non ha mostrato alcuna defezione con tutta quella mole di poligoni da calcolare ed una musica di accompagnamento fra le più adrenaliniche al mondo, ci siamo trovati completamente "sommersi" dagli avversari, con effetti esplosivi spettacolari accompagnati da rimbombi di cannonate che "rimbalzavano" sulle pareti della nostra stanza, creando un riverbero che nemmeno nella guerra del '15-'18 penso si sia sentito. Siamo andati avanti per oltre mezza giornata senza avere il minimo segno di stanchezza e siamo giunti infine all'ultimo livello. Stupore e basimento per quello che ci è arrivato addosso a noi quattro è dire poco. In una vasta arena siamo stati investiti dalla furia contemporanea di centinaia di tori siriani e mech semi-organici di grande e medio taglio. Non vi dico l'esaltante zompare di qua e di la schivando quelle locomotive viventi impazzite, dribblando raggi laser e palle di cannone sparate a profusione dai mie compagni!

Sembrava di vivere in una sorta di maxi flipper dove i tori caricavano con estrema furia e precisione sballottandoci a metri di distanza gli uni dagli altri! E dopo questo macello lo stupore si è tramutato in qualcosa di indicibile: un boss finale alto come una montagna ... anzi come l'Everest, con sullo sfondo un'astronave in tutto e per tutto paragonabile in grandezza a quella di Indipendence Day. Non vi dico il macello... centinaia di alieni di contorno, con quell'energumeno che ad ogni passo ci faceva tremare il sedere per le vibrazioni, con uno scontro che si è protratto per un'ora buona, con decine di migliaia di colpi sparati e ettolitri di sangue misto a pezzi di carne (questa è degna di Mario Brega, n.d.Pucci) sparse su centinaia di metri quadrati di sabbia. Poi il finale (che non racconto per chi non ci fosse ancora arrivato) è stato talmente spettacolare che niente aveva da invidiare ad un film di fantascienza di prima classe.

Che dire? E' stata una esperienza coinvolgente, totalmente diversa dal singleplayer, dai deathmatch e dai CTF. Questo gioco si è dimostrato un qualcosa di eccezionale per il divertimento misto ad una esaltazione in massa che si prova raramente nella vita. E non esagero.