Spy Hunter 2  0

Il sequel di Spy Hunter si prepara ad arrivare nei negozi, e Multiplayer vi offre un'esaustiva anteprima di tutte le novità che questo arcade offre nella sua nuova incarnazione...

Driving it mad

Il primo cambiamento apportato da Midway è proprio il veicolo che porterà distruzione nei livelli in cui si suddivide il gioco: abbandonato il G-6155 Interceptor, è ora il modello G-1855 a farla da padrone. Tra le nuove features di cui questa simpatica vettura dispone va' subito sottolineata la presenza di uno specchietto retrovisore che consente di colpire i nemici alle spalle sganciando mine, bombe fumogene e altro ancora. Il resto dell'arsenale c'è tutto e nessun'arma manca all'appello: mitragliatori, missili terra/aria, laser, scanner, lanciafiamme... non manca proprio niente che non possa servire a scatenare una piccola guerra per le strade all'inventario dell'Interceptor, e la possibilità di controllare temporaneamente altri mezzi o torrette mitragliatrici aggiunge un certo spessore al gioco. Si deve inoltre precisare la possibilità di potenziare l'equipaggiamento dell'Interceptor tra un livello e l'altro, rendendolo sempre più letale e dannoso. In tutto il caos che è facile immaginare si presenti, il veicolo risponde tempestivamente e con precisione agli input del giocatore, rendendo le partite decisamente godibili nonostante l'elevata difficoltà di alcuni schemi. Lascia piuttosto perplessi invece il bilanciamento della difficoltà operato finora da Midway, per la verità piuttosto incoerente e casuale. Una maggiore attenzione per la curva della difficoltà e un'aggiustatina all'equilibrio tra strategia e abilità saranno ben gradite prima che il gioco venga depositato sugli scaffali... D'altra parte, ad accompagnare la modalità in singolo vi sarà una modalità per due giocatori che già si presenta oltremodo interessante: oltre alla prevedibile possibilità di affrontare un avversario umano in scontri all'ultimo sangue, sarà possibile intraprendere delle sfide a chi guadagna più punti distruggendo i bersagli o a chi raggiunge per primo un determinato obbiettivo.

Non resta che attendere

Apparentemente il maggior miglioramento apportato da Midway a SpyHunter risiede nell'aspetto tecnico: SpyHunter 2, infatti, è decisamente ricco di effetti grafici esageratamente spettacolari, tra massicce esplosioni, detonazioni devastanti e animazioni fluide e convincenti. Perfino il dettaglio degli ambienti è stato ridotto il più possibile per garantire una soddisfacente sensazione di velocità senza che si possano verificare rallentamenti di sorta, nemmeno nella modalità per due giocatori in split-screen: il frame-rate è costantemente e stoicamente ancorato ai 30fps. La texturizzazione non appare finora particolarmente convincente, risultanto a tratti rozza e decisamente migliorabile, mentre lascia piacevolmente stupiti la qualità degli effetti particellari o luminosi, per dettaglio e realizzazione. La colonna sonora dal canto suo presenta, oltre al classico theme della serie in versione remixata, anche una serie di brani tipicamente rockeggianti che accompagnano bene l'azione senza infastidire particolarmente il giocatore più sensibile. Da notare che la versione PlayStation 2 supporterà l'audio Dolby Pro Logic II. L'uscita di SpyHunter 2 è prevista per la prossima Primavera, nel mentre non si può far altro che tenere sott'occhio questo promettente titolo.

Remake dell'originale arcade bidimensionale, SpyHunter fu una gradita sorpresa e una ventata di aria fresca nel panorama videoludico quando pochi anni fa uscì in versione tridimensionale: per chi non lo conoscesse, Spy Hunter è un action-game, per così dire, motorizzato, in quanto l'azione si svolge per tutta la durata del gioco a bordo dei veicoli armati di tutto punto di un agente segreto e con i quali bisogna risolvere delle precise task che, la maggior parte delle volte, prevedono solo che si spazzi via tutto quello che si muove sullo schermo, fino al classico e tostissimo boss. Un po' James Bond un po' Twisted Metal, Spy Hunter si prepara a passare il testimone a un sequel che, promette Midway, provvederà a risolvere tutti i problemi riscontrati nel predecessore e a donare un nuovo spessore al gioco, che abbandonerà la componente esclusivamente ignorante in favore di un approccio più ragionato e strategico. Ci riuscirà davvero?