BattleheartLo sviluppatore di Battleheart abbandona Android 

Economicamente insostenibile svilupparci per un piccolo team

Battleheart per iPhone
In digital delivery su None

Mika Mobile, sviluppatore del bel Battleheart, non è la prima società a sollevare dubbi su Android e ad abbandonare la piattaforma. I problemi sono noti: troppi hardware differenti e le vendite inferiori su Google Play rispetto all'App Store, anche per colpa della pirateria, rendono costoso e infruttifero realizzare giochi.

Lo sviluppatore parla di un 20% di risorse impiegate per risolvere le problematiche legate ad Android a fronte di un 5% di ricavi prodotti da quella versione, risultato che lo ha convinto a concentrarsi esclusivamente sullo sviluppo iOS, dove il sistema chiuso aiuta a non dissipare tempo e denaro.

Insomma, la diffusione di Android su decine di apparecchi con hardware differente sta iniziando a rendere poco sostenibile lo sviluppo di software per le realtà più piccole, che devono confrontarsi con problematiche eccessivamente onerose rispetto a quello che è il mercato effettivo, fatto in media di poche centinaia di copie vendute.

Fonte: Mika Mobile blog

La redazione sceglie Motorola RAZR per utilizzare il sistema Android