Periferiche XOneSecondo Phil Spencer non sono soltanto i sei teraflops a rendere potente Xbox Scorpio 

Diversi fattori concorreranno insieme per determinare le prestazioni della console

Stando a Phil Spencer, il capo della divisione Xbox, la quantità di teraflops non è l'unico fattore a rendere potente Xbox Scorpio. Secondo lui, che ne ha parlato in un'intervista rilasciata a Stevivor, sono molti altri quelli che contribuiranno a determinare le prestazioni finali della console.

È quello che avviene con le auto, in cui la velocità massima raggiungibile è determinata da fattori come il peso, la trasmissione, l'aerodinamica e altro. Insomma, i teraflops sono paragonabili ai cavalli vapore (o ai KW, se volete essere più moderni), ma a contare è l'insieme e non il singolo elemento.

Alla domanda se Scorpio sarà un aggiornamento di Xbox One o una console di nuova generazione, Spencer ha risposto in modo abbastanza lapidario: "La considero come parte della famiglia Xbox", facendo intendere che potrebbe essere entrambe le cose.

Vi ricordiamo che Xbox Scorpio è prevista per l'autunno/inverno del 2017. Ancora non si conosce né il design della console, né quale sarà il suo prezzo, comunque maggiore di quello di Xbox One S, come dichiarato più volte da Spencer stesso che la considera una console premium. L'anno prossimo ne sapremo sicuramente di più.