SviluppatoreGuillermo Del Toro: i videogiochi sono arte 

Chi dice il contrario non li conosce

Il nuovo impegno del regista Guillermo Del Toro (Il Labirinto del Fauno, Hellboy) nel mondo dei videogiochi parte evidentemente da una grande passione personale per questo tipo di intrattenimento.

A Del Toro non solo piacciono i videogiochi, ma è anche convinto che siano una vera "forma d'arte", e chi professa il contrario sostanzialmente non ha tatto e fondamentalmente "non ci ha mai giocato". I videogiochi sono come gli albi a fumetti del mondo attuale, qualcosa che al momento è snobbata dall'intellighenzia ma che verrà fuori sulla distanza, affermandosi come forma d'arte.

Del Toro ha affermato le sue idee durante una recente lettura pubblica negli Stati Uniti, durante la quale ha parlato a lungo della passione per i videogiochi e in parte del nuovo progetto che lo lega a THQ. Tra i titoli preferiti dal regista ci sono ICO, Shadow of the Colossus, Gadget: Invention, Marathon, BioShock e Half-Life, a quanto pare. Per quanto riguarda il gioco in sviluppo, che dalle prime informazioni pare essere ispirato alle atmosfere di Lovecraft, Del Toro ha affermato che si tratta di un prodotto "veramente grande, rivoluzionario e molto diverso da quanto visto finora", è inoltre un progetto a cui il regista sta pensando da molto tempo. In ogni caso, ci sarà tempo per tornare a parlarne, l'arrivo sul mercato è previsto - nel migliore dei casi - durante il 2013.