I PC vendono meno, le schede video no  42

Il PC di vecchia concezione tiene il passo

Per quanto riguarda il secondo trimestre del 2011 Gartner ha registrato un calo del 19% della distribuzione PC nell'Europa occidentale. Insomma, il mercato PC ha interrotto la sua corsa verso l'alto e si è arreso all'iPad alla stregua dei tablet. Probabilmente la causa principale è il momento di transizione verso i nuovi ultraportatili che promettono performance strepitose e distolgono l'attenzione dai prodotti attuali.

A confermare ciò ci sarebbe il mercato classico del PC, ovvero quello fatto di assemblati e portatili di grosse dimensioni, che non sembrerebbe soffrire più di tanto. Jon Peddie Research ha infatti rilevato che le schede grafiche per PC fissi e portatili hanno continuato a vendere tranquillamente durante il 2011 facendo registrare vendite per 16.12 milioni di GPU discrete da desktop e per 19.06 milioni di pezzi per quanto riguarda le GPU discrete da portatile.

A conti fatti si tratta di un calo totale di soli 800.000 pezzi rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Pochi, se consideriamo che l'attesa per il passaggio ai 28 nanometri è senza dubbio capace di raffreddare il mercato. Insomma, anche nella crisi il mercato delle schede video muove circa un miliardo di dollari e difficilmente sarà abbandonato in tempi brevi.