Final Fantasy: Brave ExviusVisioni del passato 

Un vero e proprio Final Fantasy su sistemi mobile?

Il genere dei "social RPG" ha trovato un posto comodissimo nella nicchia degli appassionati in possesso di tablet e smartphone, e lo dimostra il fatto che negli ultimi tempi ha proliferato soprattutto nel campo degli spin-off: quando gli sviluppatori hanno cominciato a rendersene conto, hanno ben pensato di sfruttare i brand più famosi per sollazzare lo spirito collezionistico dei loro fan. Basti pensare a Kingdom Hearts Unchained χ o a Tales of Link, che abbiamo recensito poco tempo fa: la formula è bene o male la stessa, condita da abbondante fanservice per mantenere l'attenzione dei giocatori più legati ai marchi. Dopo Final Fantasy: Record Keeper, Square Enix ci riprova con questo Brave Exvius, plasmandolo sul modello di un altro social RPG di successo, Brave Frontier, ma aggiungendo qualcosa che potrebbe fare gola a chi cerca un titolo mobile più impegnativo del solito...

Final Fantasy: Brave Exvius è un social RPG dedicato soprattutto agli amanti del marchio Square Enix

Eroi a caso

La caratteristica più interessante di Final Fantasy: Brave Exvius è la grande enfasi riposta sulla narrazione. La storia e i tantissimi dialoghi, ma anche l'esplorazione e le interazioni con gli NPC, cercano a tutti i costi di farlo sembrare un JRPG vero e proprio piuttosto che un "gacha" mascherato come tale. Visioni del passato Ci riescono soltanto a metà, e in definitiva rappresentano forse anche il punto più debole della proposta Square Enix. Questo non significa che la trama non sia intrigante. I protagonisti sono Rain e Lasswell, cavalieri del regno di Grandswelt che, durante una missione, si imbattono in un losco figuro intenzionato a distruggere i cristalli che mantengono l'equilibrio nel mondo. Una misteriosa fanciulla appare loro nel momento del bisogno e, dopo averli salvati, conferisce ai nostri il potere delle visioni: grazie ad esso, i protagonisti possono evocare gli spiriti degli eroi che hanno protetto i cristalli in mondi ed epoche diverse per combattere le forze del male. Dopo un interminabile prologo, insomma, il giocatore ottiene la possibilità di "pescare" i più famosi eroi e malvagi di Final Fantasy e arruolarli nel suo esercito personale: Tidus, Zidane, Kain, Kefka, Terra e così via. Ciascuno di essi è caratterizzato da una rarità e un valore di partenza che il giocatore può aumentare tramite il consueto grind di unità, materiali e risorse al fine di costruire un party veramente formidabile. Rappresentati attraverso sprite dettagliati di dimensioni e animazioni generose, gli eroi schierati sul campo di battaglia imparano incantesimi, attacchi speciali e Limit Break che il giocatore può selezionare a swipe e tap e quindi scatenare in sequenza sui bersagli, inanellando combo su combo. Il sistema di combattimento è semplice, ma garantisce una discreta profondità. A tratti, Brave Exvius dà l'impressione di voler essere anche un filino troppo complesso per il tipo di gioco che vuole essere. Non siamo sicuri che l'esplorazione dei dungeon, lineari e ripetitivi, e delle città, troppo grandi per i loro contenuti, sia adatta a un social RPG per sistemi mobile che dovrebbe prestarsi soprattutto a brevi sessioni di gameplay, specialmente se consideriamo il solito limite imposto dalla risorsa che consumiamo a ogni missione e che si ricarica col tempo o con le immancabili - ma trascurabili - microtransazioni. Nonostante ciò, abbiamo apprezzato lo sforzo di Square Enix di offrire qualcosa di più del solito binomio "bastone e carota" tutto basato sul fanservice. A livello contenutistico, poi, Final Fantasy: Brave Exvius offre sfide giornaliere e settimanali, boss periodici, estrazioni rare a scadenza e tutto l'ambaradan tipico del genere, ma arricchito da una componente ruolistica più completa e strategica.

Clicca per votare!
7.0

Redazione

3.9

Lettori (4)

Final Fantasy: Brave Exvius a tratti tenta di strafare, è vero, ma riesce comunque nel difficile compito di proporre qualcosa di diverso dalle solite meccaniche "gacha" un po' ottuse intorno a cui ruotano tantissimi RPG per sistemi mobile. Il fanservice ovviamente non manca; grazie al connubio tra la grafica bidimensionale vintage e le celebri musiche della serie, gli appassionati di Final Fantasy si sentiranno subito a casa loro, almeno finché non sopraggiungerà la noia o non finiranno i punti necessari a giocare qualche missione tra un lungo periodo di recupero e l'altro.

Christian La Via Colli

Pro

  • Tanti eroi e malvagi di Final Fantasy da collezionare
  • Sistema di combattimento ben strutturato
  • Microtransazioni trascurabili

Contro

  • La storia è carina ma raccontata male
  • Le fasi di esplorazione rallentano l'esperienza
  • Se i "gacha" non vi piacciono, statene alla larga

TI POTREBBE INTERESSARE