RIGS: Mechanized Combat LeagueRoboSport 

Non solo calcio nel futuro, ci sono anche robot armati fino ai denti pronti a darsele di santa ragione!

Uno dei titoli più attesi per PlayStation VR è senza dubbio RIGS: Mechanized Combat League, realizzato dalla branca inglese dei Guerrila, un gioco che ci porta nelle arene degli sport futuristici, dove al posto di semplici sportivi ci sono mech armati fino ai denti condotti da umani. E-sports al cento per cento insomma. Il gameplay è quello classico degli sparatutto competitivi in prima persona, solo che ora grazie alle potenzialità di PlayStation VR, il nostro campo visivo è davvero gigantesco, non ci limitiamo insomma a guardare uno schermo davanti ai nostri occhi. Le meccaniche di gioco sono estremamente frenetiche e veloci, di conseguenza è possibile che si possano verificare problemi di motion sickness. In tal senso però Guerrilla Cambridge ha implementato una doppia modalità per tentare di mettere una pezza a questa non troppo remota possibilità: possiamo muovere la visuale usando la testa o lo stick destro del pad (RIGS: Mechanized Combat League non supporta PlayStation Move). Inoltre potremo anche impostare la velocità di questo movimento.

RIGS: Mechanized Combat League è uno dei titoli migliori per PlayStation VR ed ecco la nostra recensione

Soldi soldi soldi

Tre le modalità di gioco in cui sfidare i giocatori avversari: Team Takedown, da intendere come un vero e proprio team deatmatch, Endzone, una sorta di football americano robotico dove l'obiettivo è quella di portare la palla olografica nella porta avversaria e Power Slam, dove i punti si acquisiscono saltando attraverso un cerchio nel mezzo delle mappa, solo che per farlo bisogna mandare il Rigs in Overdrive, facendo tre uccisioni, anzi tre takedown di seguito o raccogliendo delle sfere. Facendo così avremo tutti e tre i potenziamenti attivati (offensivi e difensivi) e la strada spianata verso il punto. RoboSport RoboSport Le modalità funzionano e divertono, RIGS è pad alla mano e visore in testa uno dei titoli migliori presenti su PlayStation VR e regala un'esperienza di gioco a tutto tondo. Si avverte insomma che il gioco non è un semplice show delle potenzialità della nuova periferica Sony ma che è un progetto con tanta sostanza sotto. Peccato quindi che siano presenti solo tre modalità di gioco, i contenuti in tal senso non sono poi così tanti. Speriamo quindi in ulteriori aggiunte scaricabili in un secondo momento. L'esatto opposto invece della personalizzazione e utilizzo del RIG. Quattro le tipologie a disposizione, con tangibili differenze di "classe". I Mirage sono belli grossi e possono spiccare un doppio salto, i Tempest possono planare, gli Hunter sono i più piccoli e agili del lotto, mentre i Sentinel possono saltare molto in alto per poi atterrare con un devastante attacco ad area. Inoltre ogni RIG è dotato anche di una abilità extra. Insomma ci sono un bel po' di varianti in gioco. I match che compongono la carriera, sia online che offline, sono inseriti all'interno di un progressione piuttosto efficace per spingerci a non mollare mai il pad. Bisogna scegliere una squadra e un munifico sponsor che al raggiungimento di particolari obiettivi e vittorie ci ricompenserà con i soldi necessari per comprare altri RIGS. Con i fan che conquistiamo invece è possibile acquistare compagni di squadra più forti, ovviamente quando si gioca da soli contro la buona intelligenza artificiale. A livello prettamente tecnico RIGS: Mechanized Combat League è senza dubbio un bel vedere, molto probabilmente uno dei titoli migliori di lancio di PlayStation VR. Colpisce il dettaglio, il buon level design delle mappe, la coloratissima palette cromatica scelta e ovviamente il generoso campo visivo offerto dal visore. Davvero una bella sorpresa insomma.

Clicca per votare!
8.0

Redazione

7.0

Lettori (4)

RIGS: Mechanized Combat League è ben più di una semplice dimostrazione delle potenzialità di PlayStation VR, ma è uno sportivo in salsa FPS davvero ben fatto che pecca solo per i contenuti non proprio al passo con prodotti "canonici" simili. Per il resto, motion sickness a parte, data la velocità e la frenesia del gameplay, c'è poco da lamentarsi e il connubio pad e visore Sony è davvero ben riuscito.

Matteo Santicchia

Pro

  • Controlli efficaci e intuitivi
  • Tecnimamente valido
  • Molto immersivo

Contro

  • Poche modalità di gioco
  • Nonostante mille accortezze è facile avvertire motion sickness