5.5

Redazione

5.8

Lettori (14)


  • 7
  • 1
  • 9
  • 3
  • Data di uscita: 24 agosto 2010
  • Piattaforme: pc
  • Tipologia di gioco: Simulazione

Ship Simulator ExtremesAvanti a tutta forza 17

Nonostante la chiusura di Lighthouse Interactive, grazie a Paradox, gli amanti del mare possono godere ancora della serie nautica realizzata dall'olandese VSTEP.

Ship Simulator Extreme, come suggerisce il nome, è un simulatore marittimo che ci mette di fronte alla scelta delle rotte, ai tempi di navigazione, alle manovre più ardite ma ci consente anche di passeggiare sulla nostra nave e di guidare persino tender e scialuppe per un'esperienza nautica davvero completa. In questa installazione della serie è interessante l'introduzione delle missioni di GreenPeace che sicuramente possono regalare un po' di pepe all'esperienza e suscitare interesse anche in chi non è propriamente avvezzo alla guida virtuale delle imbarcazioni. Oltre a tre campagne il titolo offre la possibilità di giocare in free roaming vagando per i mari utilizzando uno dei 30 vascelli disponibili. Presente anche il supporto multiplayer che consente a 24 giocatori di misurarsi con i pericoli e le emergenze del mare oppure di convivere semplicemente nello stesso server come se si trattasse di un piccolo MMO. La coordinazione tra giocatori consente ovviamente di gestire al meglio le situazioni pericolose ma a quanto pare in futuro dovrebbe essere disponibile addirittura una modalità specificatamente cooperativa. La latenza dei server multiplayer dall'Italia appare ottima. Massimo 80 millisecondi anche con una ADSL standard e tanto basta per non avvertire ritardo sensibile di risposta nei comandi.

Un mare di opportunità

La varietà di situazioni è piuttosto elevata. Salvataggi con il mare mosso, baleniere da fermare, incendi navali da sopprimere e situazioni con un traffico navale tale da far impallidire un tassista milanese. E ovviamente per ogni situazione c'è la nave giusta. Si va dai rimorchiatori alle navi da crociera e non mancano diversi mezzi di soccorso nautico. Ogni nave ovviamente ha i propri controlli specifici che possono essere gestiti sia attraverso la tastiera sia visivamente con il puntatore del mouse e spesso è necessario usare entrambi. Non è infatti raro trovarsi al comando di navi con doppi motori, manichette antincendio direzionabili e gru. Avanti a tutta forza Inoltre per evitare i pericoli del traffico navale e avvisare gli altri natanti delle nostre intenzioni è bene imparare a conoscere le luci di segnalazione che sono selezionabili attraverso un menu a icone. Attracco e sbarco invece sono estremamente intuitivi con alcune sfere colorate che ci indicano dove cliccare per calare l'ancora o per ormeggiare utilizzando le cime. Una delle sfide più ardue ovviamente è il maltempo che ci costringe a navigare usando il radar e complica cose apparentemente semplicissime come un attracco. Certo, semplicissime una volta presa la mano perchè accostare un bestione da centinaia di tonnellate a una lastra di cemento altrettanto pesante non è per niente semplice. L'acqua infatti comporta una certa inerzia e le rotazioni di un'imbarcazione che supera i 200 metri di lunghezza possono essere piuttosto ardue da domare. Inoltre Ship Simulator Extreme sembra applicare ad alcune imbarcazioni una fisica fin troppo pesante che spesso rischia di farci sentire più meteoriti nello spazio che navi per mare. Una volta addomesticato il sistema di controllo abbiamo comunque tutte le carte in regole per affrontare la modalità storia. Sono tre le campagne disponibili e ci portano attraverso le vicissitudini di GreenPeace, ci piazzano al timone di una movimentata crociera diretta a Bora Bora e infine ci infilano nei panni di un vero e proprio comandante che deve affrontare le situazioni più dure che il mare possa offrire. La durata delle missioni è altamente variabile. Talvolta si tratta di brevi emergenze mentre alcune volte la navigazione ci costringe ad attraversare mezzo pianeta, antartide inclusa. Se non altro le differenti tempistiche delle missioni e le vicissitudini che ci costringono a cambiare spesso imbarcazione e modello di "guida" riescono a vivacizzare un minimo l'esperienza anche se non ci sono intermezzi e l'introduzione scritta è piuttosto breve. Avanti a tutta forza

Uno sguardo verso l'orizzonte

Distanza visiva notevole. Navi dettagliate. Effetti ambientali in bassa risoluzione ma coinvolgenti. Lo scaling del dettaglio in base alla distanza purtroppo è scattoso e bruttarello e le coste e le isole, complice una vegetazione fitta ma piuttosto grezza, sono piacevoli solo se osservate da lontano. Al contrario l'acqua, fisica inclusa, e gli effetti di rifrazione, visibili a enorme distanza, sono piacevoli ma pesano in modo esagerato sulle prestazioni portando il titolo al di sotto dei 30 FPS anche con una configurazione di tutto rispetto. Se non altro in Ship Simulator Extreme troviamo riprodotti fedelmente i porti più grandi e belli del mondo ma purtroppo non tutti godono della stessa cura. Alcuni sembrano usciti da una simulazione di qualche anno più vecchia mentre altri, come Rotterdam e San Francisco, sono davvero un piacere da guardare a patto di non zoomare troppo sulle texture slavate e su alcuni dettagli non troppo curati. In sostanza, con qualche miglioramento in termini di texture ed effetti luce, pregi e difetti visivi sono i medesimi dell'ultimo Ship Simulator.

Non si può dire che Ship Simulator Extreme non sia un simulatore ricco. Certo il motore grafico non è perfetto e in 1920x1024 scende spesso sotto i 30 frame anche sulla nostra configurazione. Inoltre si tratta di un simulatore di nave e buona parte delle missioni è giocoforza costituita da traversate che non hanno il benchè minimo appeal videoludico. Ma le nuove missioni spiccatamente action di GreenPeace risultano più coinvolgenti e aggiungono pathos a un titolo altrimenti destinato ai soli appassionati della navigazione. Appassionati che nel nuovo Ship Simulator Extreme troveranno sicuramente ciò che cercano a patto di digerire le mancanze estetiche e alcuni bug che comprendono compenetrazioni spiacevoli, sparizioni improvvise di intere navi e collisioni che paralizzano completamente il nostro vascello.

Mattia Armani
 

Pro

  • Simulatore ricco e vasto
  • Nuove missioni action
  • Vascelli dettagliati

Contro

  • Motore grafico pesante e non troppo moderno
  • Qualche bug di troppo che incrina l'atmosfera
  • Senzazione al timone non troppo appagante
  • Solo per appassionati

Requisiti di Sistema PC

  • Configurazione di Prova
  • Sistema operativo: Windows 7
  • Processore: Core i7 920
  • RAM: 6 GB
  • Scheda Video: Geforce GTX 275
  • Requisiti Minimi
  • Sistema operativo: Windows XP, Vista o 7
  • Processore: Intel Pentium 4 3 GHz o AMD equivalente
  • Scheda video: NVIDIA GeForce 8800GT o ATI Radeon 4850 (256MB)
  • RAM: 2 GB Windows XP o 3GB Windows Vista e 7
  • Spazio su disco: 3.5 GB