[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Uno Zeppelin per casa

Come dicevo prima, la nostra avventura si svolge a bordo di un enorme dirigibile chiamato Pandora e che ha l'incredibile caratteristica di fungere anche da portaerei dei cieli.
Le missioni, che ci portano un po' ovunque alla ricerca di tesori e fama, si svolgono in modo abbastanza tradizionale. Ad un Briefing iniziale segue la scelta dell'armamento e dell'aereo, dopo di che siamo pronti per tuffarci alla ricerca di raggiungere il nostro obiettivo. Le missioni non sono solo orientate alla distruzione di altri veicoli, ma spaziano attraverso un grande campionario di tipologie diverse e rappresentano una delle maggiori risorse di tutto il gioco, il tutto è poi arricchito da una trama molto intrigante.
Ad ogni modo passeremo la maggior parte del tempo dentro l'abitacolo del nostro aereo in combattimento con gli altri piloti. C'è da dire che l'IA non è molto raffinata ed anzi si dimostra un po' troppo semplice da "tirar giù".
Oltre alla modalità campagna, esiste anche una denominata Istant Action che ci proietta dentro delle missioni preconfezionate o create da noi.

Grafica e altri demoni

Il motore 3D che muove il tutto non è che faccia gridare al miracolo, ma funziona più che dignitosamente. Quello che mi è piaciuto di più sono le nuvole che hanno un aspetto veramente ben riuscito.
Belli e impossibili gli aerei che hanno un design ardito e accattivante. Il cockpit è semplice ed essenziale ma ci fornisce tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno.
Se qualcuno ha dei dubbi sul motore fisico e di volo degli aerei io gli è li spazzo via subito. Il gioco è arcade, punto e basta. Belli gli scenari che si trovano sparsi per il mondo, dalle Hawaii agli studios di Hollywood.
Il comparto sonoro è estremamente dotato, con musiche belle e d'atmosfera, dialoghi incisivi e accattivanti e filmati (in stile d'epoca) realmente riusciti. Mi ripeterò, ma è moda comune di questi tempi realizzare giochi con un ottimo confezionamento.  Da notare che sono state implementate le condizioni atmosferiche.

Passami la chiave da 8!

Gli aerei che possiamo pilotare sono di vario tipo, ma la cosa più stupefante ci è data dalla possibilità di costruirne uno tutto nostro. Non vi ho detto che andando avanti con il gioco guadagneremo crediti e tecnologie che poi possiamo spendere nel nostro laboratorio, alla ricerca dell'aeroplano perfetto. Non preoccupatevi, la costruzione delle nostre unità non è un compito difficile, e il compito ci viene notevolmente agevolato da schermate chiare e comprensibili.
Pensate che è anche disponibile un paint-shop per colorare il nostro aereo come più ci aggrada.
L'estrema customibilizzazione (che brutto termine mi sono sparato!) trova il suo apice nelle battaglie multiplayer, dove è possibile sfruttare in pieno tutto il potenziale disponibile.

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Conclusioni

Crimson Skies è l'ennesimo riuscito arcade di Microsoft che ci regala ore di divertimento spensierato. La trama e le ambientazioni sono sopra al resto, che in ogni caso si dimostra di buon livello, poi l'ottimo supporto al Multiplayer condisce il tutto.

Gli anni 30? Non me li ricordavo così!

Dopo la crisi economica arriva una secessione e gli Stati ora non sono più Uniti. In poche parole, il caos!
Chi ne fa le spese sono soprattutto i collegamenti e i trasporti e l'unica soluzione praticabile diviene quella di solcare i cieli con enormi Zeppelin. Questo è il prologo alle avventure di Nathan Zackary, un pirata dei cieli che dobbiamo condurre attraverso una lunga ed intrigante avventura nei cieli di tutto il mondo.
Come avrete già capito siamo di fronte ad un gioco arcade e non ad un vero simulatore di volo, condito di molte opzioni che lo rendono interessante.