Jackie Chan AdventuresJackie Chan Adventures 

Jackie Chan passa dai film ai cartoni animati, approdando anche nel mondo videoludico...ne sarà davvero all'altezza ?

Jackie Chan Adventures Jackie Chan Adventures

The Cartoon Style

Graficamente, JC Adventures è molto singolare, e cerca in ogni modo di ricostruire lo stile semplicistico e colorato del cartone. La tecnica usata è quella del cel-shading, che rende i disegni molto definiti e “fumettosi”, e inoltre dona quel particolare effetto bidimensionale agli ambienti 3d. JC Adventures, anche se potrebbe risultare gradevole e privo di difetti guardato da dei normalissimi screenshots, in realtà non lo è per due motivi: per prima cosa i disegni sono eccessivamente semplici e poveri di dettagli, e anche le animazioni sono tecnicamente scadenti, in secondo luogo il gioco non è esente da fastidiosi rallentamenti. Fortunatamente entrambi i problemi non sono estremamente rilevanti, i rallentamenti infatti non sono eccessivi e avvengono sporadicamente, mentre la grafica, pur essendo molto scarna, è comunque di discreto impatto visivo. Un altro piccolo problema che deriva dal tipo di disegno adottato è quello che diventa un po’ ostico capire bene con quali oggetti è possibile interagire, ad esempio le porte che si possono aprire sono disegnate alla stessa maniera di quelle “da abbellimento” ed è quindi difficile distinguerle. Il comparto sonoro risulta essere nella media a causa di effetti blandi mentre la colonna sonora riesce ad alzare un po’ il livello acustico globale del gioco con motivi orecchiabili e accattivanti, anche se purtroppo non spiccano per originalità e alla lunga diventano monotoni. Anche il doppiaggio italiano non si discosta molto dal basso livello tecnico, a causa di dialoghi di dubbia fattura e scarsa espressività.

Jackie Chan Adventures Jackie Chan Adventures

The Way Of The Dragon

La struttura di JC Adventures è molto simile a quella della maggior parte degli action game in circolazione. Il nostro eroe, armato di calci e pugni, dovrà esplorare svariate locazioni alla ricerca dei talismani e sconfiggere gli scagnozzi della Mano Nera che lo ostacoleranno. Governare il personaggio risulta immediato sin dalle prime fasi di gioco, considerando che i controlli base da imparare sono pochi: saltare e tirare calci e pugni, sarà tutto ciò di cui avrete bisogno nella vostra avventura. Il gioco è diviso sostanzialmente in due parti principali, quella esplorativa, e quella dei combattimenti. L’esplorazione ricorda molto da vicino i giochi di ruolo e può svolgersi in maniera diversa a seconda del luogo in cui vi trovate, ad esempio in una città il vostro compito sarà quello di parlare con gli abitanti per acquisire informazioni utili per proseguire nella storia. Se vi trovate invece in un tempio alla ricerca dei talismani, dovrete risolvere piccoli enigmi e utilizzare al meglio le abilità di Jackie per oltrepassare gli ostacoli. Il difetto principale è che tutto questo è stato reso di una semplicità mostruosa, gli enigmi non hanno bisogno di un eccessivo uso della materia grigia per via della loro ovvietà, e si riducono quasi sempre allo spostamento di un masso,al movimento di una leva o all’uso del potere dei talismani, che permette a Jackie di aumentare la velocità, la forza, e anche di trasformarsi in una scimmia per arrampicarsi sui muri. Il sistema di telecamere fortunatamente, vi permette di tenere sempre la situazione sotto controllo e solo nei momenti più frenetici sarete costretti ad aggiustare la visuale manualmente. Le fasi di combattimento sono anch’esse noiose e facili. Jackie ha a disposizione due tipi di attacco, pugno e calcio, alternando i quali è possibile effettuare una combo di tre colpi. Inoltre ha la possibilità di parare i colpi dei nemici per fare una contromossa, di utilizzare oggetti vari da usare come armi, e di sfruttare i poteri dei talismani per semplificare i combattimenti. Essendo poche le opzioni in battaglia, le azioni saranno limitate all’uso ripetuto dei tasti calcio e pugno; se poi aggiungiamo il fatto che i nemici, oltre ad essere poco vari come tipologie, hanno anche una pessima intelligenza artificiale, e che le animazioni e gli effetti sonori sono banali e poco coinvolgenti, si arriva facilmente alla conclusione che i combattimenti hanno un livello di giocabilità e competizione indicato soprattutto per un pubblico più giovane.

...About Longevity

Ad ampliare l’esperienza di gioco, JC Adventures propone uno svariato numero di minigames, alcuni di questi resi interessanti dal fatto che è possibile giocarli usando l’Eyetoy. Nonostante questa aggiunta innovativa, i minigiochi sono banali e semplici da completare, ad esempio uno vedrà Jackie alle prese con il salto alla corda e voi dovrete premere il tasto al momento giusto, un altro vi permetterà di “combattere” contro il famigerato omino di legno sempre utilizzando il sistema del “premi il tasto giusto al momento giusto”, avrete anche la possibilità di partecipare a un’asta per accaparrarvi l’oggetto richiesto dallo zio di Jackie, utilizzando il minor denaro possibile. Purtroppo, anche se i minigiochi sono sempre ben accetti, c’è da dire che questi aggiungono poco a quella che è già di per se un’avventura purtroppo non esaltante. Per terminarla ci vorranno solo 5 ore scarse, a ribadire come il target del gioco sia rivolto solo ad una fascia di giocatori molto acerba.

Jackie Chan Adventures Jackie Chan Adventures

JC Adventures è senza dubbio un gioco studiato appositamente per adolescenti e fan del cartone animato, questo spiega la bassa difficoltà e lo stile che caratterizzano questo titolo. I difetti però non si limitano solamente al livello difficoltà, ma anche al lato tecnico e della giocabilità, dove sono abbastanza evidentii. Il gioco quindi rimane consigliato solo agli appartenenti della categoria summenzionata, che ad ogni modo troveranno un gioco che non può dirsi certo esaltante. Pro: impatto cartoonesco ripropone fedelmente lo show televisivo Contro: livello tecnico sotto la media noioso e monotono giocabilità mediocre

Tutti gli appassionati di film di arti marziali sapranno perfettamente chi è Jackie Chan, dato che insieme a Bruce Lee ha contribuito alla diffusione in occidente di un genere cinematografico nato esclusivamente per un pubblico orientale. L’attore cinese però non si è limitato solo al mondo del cinema, ma è diventato anche il protagonista di un cartone animato per bambini, da cui è stato tratto questo omonimo videogame. Jackie Chan Adventures è dunque un action game di stampo cartoonesco che riprende in parte le avventure dello show televisivo nel quale Jackie Chan interpreta il ruolo di un esperto archeologo che lavora per i servizi segreti del governo. L’obiettivo della nostra avventura videoludica sarà quello di viaggiare per il mondo alla ricerca di 12 particolari talismani magici che, oltre a rappresentare i 12 segni dello zodiaco cinese, conferiscono poteri speciali a chi ne è in possesso. Ovviamente la ricerca non sarà una passeggiata, e Jackie dovrà vedersela con i cattivoni di turno della banda della Mano Nera che necessitano di questi talismani per evocare i demoni e conquistare il mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE