MX vs. ATV UntamedMX vs ATV Untamed 

Dopo il buon successo della versione mobile di Stuntman Ignition, Universomo prova ad applicare una struttura ludica molto simile all'interno di un altro contesto, nella fattispecie quello del motocross: vediamo ora se questa della software house è stata una buona o una cattiva idea...

Per chi non lo sapesse, MX vs ATV Untamed sarebbe di fatto la conversione per cellulare di un omonimo racing game in uscita sulle principali console casalinghe. Il condizionale però è d'obbligo, visto che l'unico elemento che il prodotto Universomo ha in comune con i propri fratelli maggiori è sostanzialmente solo il nome. Come detto in apertura, infatti, il titolo si rifà a Stuntman Ignition, dal quale ha ereditato le soluzioni grafiche e numerosi aspetti di gameplay. L'utente comanda dunque la propria motocicletta su uno scenario rigorosamente bidimensionale, caratterizzato da salti, dossi ed asperità varie, tutte da affrontare nel miglior modo possibile al fine di ridurre al minimo la perdita di velocità. La discriminante è rappresentata dall'inclinazione della propria due ruote, facilmente gestibile attraverso la croce direzionale: bisognerà dunque fare attenzione ad atterrare correttamente dopo un salto, ma anche a distribuire bene il peso mentre si affrontano i vari saliscendi. La resa finale è garantita da alcune apprezzabili routine fisiche, anche se il level design non facilita certo la vita al giocatore: a seguito di un primo stage piuttosto blando, il gioco subisce una vertiginosa impennata nel livello di difficoltà, che si mantiene su picchi piuttosto alti per tutti i successivi 39 scenari.

Per apprezzare MX vs ATV Untamed bisogna dunque armarsi di pazienza e prepararsi ad una sfida difficile, che tuttavia non nega momenti di genuino appagamento. Il prodotto offre tre modalità -campionato, sfida contro il tempo e freestyle-, che in fin dei conti si risolvono nella medesima sostanza ludica: correre a più non posso cercando di rimanere in sella ed effettuando qualche trick al fine di moltiplicare il proprio punteggio. Pure l'esecuzione delle acrobazie appena citate è abbastanza intuitiva, e anche se le mosse a disposizione non sono particolarmente numerose, risultano tutte discretamente spettacolari e divertenti da realizzare. A differenza del proprio "ispiratore" Stuntman Ignition, MX vs ATV Untamed soffre di una palpabile ripetitività di fondo, che nel primo titolo era scongiurata dalla presenza in ogni livello di ostacoli ed obiettivi diversi: qui si tratta sempre e soltanto di arrivare al traguardo tutti interi e con uno score adeguato, un'operazione che obiettivamente viene a noia a lungo andare. Dal punto di vista tecnico, a differenza di prodotti analoghi quali ad esempio FMX III Hardcore di I-Play, MX vs ATV Untamed ha scelto la via del 2D, guadagnandone in snellezza e velocità ma accusando il colpo sotto il profilo dell'impatto visivo: insomma, per quanto non sia da buttare, non si può certo dire che l'opera Universomo sia un vero e proprio piacere per gli occhi. Gli scenari sono infatti piuttosto spogli e cromaticamente monotoni, senza denotare una particolare cura nei dettagli: a salvare la situazione intervengono però la buona realizzazione degli sprite di motocicletta e pilota e le animazioni ad essi assegnate.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

S.V.

Lettori

MX vs ATV Untamed si potrebbe definire come una versione "ridotta" di Stuntman Ignition: grafica e giocabilità sono infatti fondamentalmente le stesse, anche se quest'ultimo prodotto offre una varietà decisamente minore, un livello di difficoltà più impervio ed una minor presenza di elementi di contorno a corredo dell'azione principale. Insomma, Universomo poteva senz'altro sforzarsi di più e tentare una via più originale, ma chi è alla ricerca di un racing game impegnativo e un po' fuori dagli schemi potrebbe trovare pane per i propri denti.

Fabio Palmisano

Pro

Contro

Pro

  • Impegnativo e divertente
  • 40 livelli di gioco
  • Sistema di controllo all'altezza

Contro

  • Fin troppo simile a Stuntman Ignition
  • Grafica un po' scialba
  • Tende a diventare ripetitivo