Street Fighter 2: Rapid BattleStreet Fighter 2: Rapid Battle 

Street Fighter 2 è un nome che urlato in una sala giochi affollata fa ancora girare parecchie teste, ha generato infiniti (e per infiniti intendo una quantità approssimata per difetto) seguiti su ogni genere di console ma il capostipite ne resta patriarca indiscusso, la Capcom si è accorta che non tutti i modelli di cellulare avevano quella forza bruta che ne permise una conversione da urlo su SuperNES a inizio anni 90

e piuttosto che accantonare l'idea di supportare i telefonini di fascia bassa ha optato per due diverse interpretazioni della propria gallina dalle uova d'oro. La prima è quella che tutti conosciamo, i telefoni dal Nokia 6630/6680 in su sono stati provvisti di una conversione fedele agli schemi originali (ma che non ci dilunghiamo qui a trattare) mentre per chi non godesse di altrettanto potere tecnologico ha ideato questo "Street Fighter 2: Rapid Battle". Vedo molti visi perplessi e dubbiosi, andiamo a svelare l'arcano, l'azione frenetica accompagnata dallo scrolling parallattico del pavimento, le mosse speciali, etc etc non si potevano fare, sia per ragioni di memoria dei telefoni stessi sia per non trasformare un adrenalinico gioco di lotta in una sessione di teatro kabuki ad un frame al secondo (anche se Honda truccato col kumadori ci stava proprio bene), che fare quindi? Avete presente Dragon's Lair o Dance Dance Revolution? Beh, i due avversari si fronteggiano e ciclicamente appaiono dei numeretti in zone imprevedibili dello schermo corrispondenti al tasto da premere in quell'istante, se siete tempisti il vostro personaggio infliggerà un colpo o effettuerà una provvidenziale parata, altrimenti sarà il nemico ad avere la meglio, la morale è "tasto giusto al momento giusto".

Per il resto la struttura a round e il susseguirsi delle location e degli sfidanti è quello cui vi ha abituato SF2, la difficoltà crescente nell'avanzare del gioco è il passare da una preponderanza di attacchi da indovinare ad una superiorità numerica delle difese, quindi un errore vi costerà man mano sempre più caro.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

S.V.

Lettori

Mi sta pure bene che per accontentare tutti siano necessari dei compromessi, ma anche volendo accettare la nuova struttura di gioco congeniata per questo SF2RB c'è da dire che è troppo facile, l'ho finito alla prima partita senza perdere un solo round e con una valanga di Perfect, avrebbe avuto MOLTO più senso se invece di singoli tasti fosse stato necessario azzeccare rapidamente delle combo, le opzioni sono di fatto inesistenti tagliando quindi ogni speranza di variazioni sul tema.

La Redazione
 

Pro

Contro

Pro

  • Nome di richiamo

Contro

  • Troppo facile
  • Struttura di gioco che non piacerà a molti

TI POTREBBE INTERESSARE