Quattro amici e un arsenale  26

Il nuovo episodio di Ratchet & Clank diventa incentrato sul multiplayer e cambia faccia!

Al PlayStation Experience 2011 di Londra abbiamo avuto modo di provare per la prima volta Ratchet & Clank: All 4 One, nuovo titolo dell'omonimo franchise in lavorazione presso gli studi di Insomniac Games. Da sempre brand in esclusiva per PlayStation 3, il titolo segna un cambio di direzione della serie per quanto concerne la giocabilità, anche perché in sviluppo presso il nuovo studio di North Carolina, mentre quello "principale" si sta occupando di Resistance 3.

Dal classico platform con elementi avventurosi ed esplorativi originale con il nuovo capitolo si passerà difatti a un gameplay più incentrato sull'azione nuda e cruda tipica degli sparatutto, in cui la collaborazione più o meno forzata fra i protagonisti della vicenda sarà il fulcro attorno al quale si svilupperà ogni singolo momento di gioco. Il tutto condito da una trama di cui al momento si sa poco o niente, anche se possiamo già ipotizzare, in base ai discorsi fatti con gli sviluppatori, che essa non sarà molto profonda e probabilmente sarà piuttosto limitata giusto per spiegare e giustificare l'azione che verrà poi svolta durante le fasi d'azione. A noi comunque premeva per il momento testare principalmente la giocabilità del prodotto, e su quella ci siamo maggiormente concentrati, curiosi come eravamo di provare dal vivo la nuova struttura multigiocatore. Il prodotto offrirà infatti la possibilità di giocare in multiplayer fino a quattro utenti in contemporanea sullo schermo nei panni di Ratchet, Clank, Dr. Nefarious e Captain Qwark. Anche online, cooperando quindi nel corso dell'intera avventura e senza limitazioni di sorta, al punto che in qualsiasi momento della storia uno dei quattro videogiocatori può abbandonare o può inserirsi nella "partita" senza per questo far perdere i progressi raggiunti fino a quel momento dagli altri.

In quattro è meglio…

In caso di assenza di uno o più giocatori sarà la Cpu a gestire i personaggi "liberi" (il gioco necessita perlomeno di due personaggi). La telecamera per ragioni di giocabilità e opportunità sarà ora posizionata in maniera diversa, in alto, in modo da dare una inquadratura più ampia della scena e consentire quindi di vedere meglio a tutti e quattro i giocatori le aree in cui si muovono.

Le possibilità di interazione fra i quattro amici/nemici sono molteplici: si va dal lancio tipo catapulta di uno o due di loro come proiettili contro i nemici schierati o le parti deboli di un avversario particolarmente dotato e imponente, o ancora per fargli recuperare un tesoro posizionato in un punto dell'area di gioco particolarmente difficile da raggiungere altrimenti, alla realizzazione di mosse comuni utili per eseguire delle azioni di attacco molto simili a delle combo. Durante la nostra prova abbiamo per esempio utilizzato una sorta di arma-aspirapolvere per risucchiare Clank e "spararlo" poi contro un robot particolarmente fastidioso. Anche alcune delle tante armi a disposizione, tra le quali il Combustore e il lanciarazzi Warmonger, potranno essere utilizzate in collaborazione per scatenarne la forza distruttiva. Per esempio mentre uno dei personaggi usa la frusta a energia cinetica per stordire un avversario, gli altri possono sfruttare il momento per scagliarlo via o finirlo a colpi di fucile laser. Ma siccome i nostri quattro protagonisti di Ratchet & Clank: All 4 One si odiano vicendevolmente sovente si troveranno anche a competere tra loro. La competitività fra Ratchet, Clank, Dr. Nefarious e Captain Qwark (e i rispettivi giocatori) verrà evidenziata proprio in queste fasi in cui lottano uniti contro un nemico comune. Per esempio durante gli immancabili Quick Time Event magari durante uno scontro con il Boss di turno ogni strumento da attivare o combo kill da eseguire vedrà tutti i giocatori premere rapidamente i pulsanti del pad per completare la rispettiva sequenza di tasti che apparirà sullo schermo prima degli altri in modo tale da racimolare un punteggio migliore rispetto a quelli che diventeranno in quell'attimo suoi concorrenti.

Competitività, ma con moderazione

Il che non servirà solo da un punto di vista statistico per ottenere punteggi migliori dei compagni, ma avrà anche un peso sull'evoluzione dell'avventura per ognuno dei partecipanti, visto che i punti ottenuti potranno essere spesi in armi ed equipaggiamenti. Se ne deduce che tutto questo darà un vantaggio a colui che potrà usufruire di potenziamenti superiori a quelli dei suoi colleghi/avversari. Il gioco sarà pieno di momenti in cui gli utenti agiranno sul filo del tradimento, pronti a voltare le spalle a quello che fino a un secondo prima era stato al suo fianco nell'affrontare un'orda di robot.

Tuttavia per evitare che lo spirito competitivo prenda il sopravvento su quello cooperativo e bilanciare quindi le due componenti, il team di sviluppo ha pensato bene di inserire alcune limitazioni: in determinate fasi, eccedendo in comportamenti sleali si correrà il rischio, danneggiando un compagno al punto di farlo morire, di dover rifare tutto il livello dall'inizio o di essere penalizzati in qualche modo. In certe occasioni capiterà poi di vedere i nostri quattro eroi schierati apertamente uno contro l'altro in sessioni di gioco in cui il motto sarà "tutti per uno e ognuno per sé", un po' come avveniva in titoli quali Super Smash Bros. e Power Stone 2. Purtroppo durante la nostra prova non ci è stato possibile testare queste situazioni per volontà, per ora, da parte del team di sviluppo, di concentrare le nostre attenzioni e quelle dei nostri colleghi su altri aspetti del prodotto. Come la parte tecnica. Chiaro che è ancora troppo presto per poter esprimere un giudizio in proposito, soprattutto basandoci sui filmati e su una demo non definitiva.
Tuttavia ci sentiamo di poter azzardare che il prodotto finale, nonostante sembri puntare a uno stile grafico più da cartone animato, non dovrebbe differire molto qualitativamente dagli altri titoli della saga di Rachet & Clank, con tutto ciò che ne consegue in termini di dettaglio, grafica e sonoro. In realtà c'è ancora da lavorare sulla fluidità e sulla "distanza di campo" derivata anche dalla diversa visuale, ma il motore grafico sembra essere lo stesso. E' innegabile che nella nostra prova su strada di Ratchet & Clank: All 4 One ci siamo parecchio divertiti a giocare in cooperativa, così come il target si sia forse leggermente abbassato, staremo a vedere se questa nuova iterazione della serie riuscirà a rimanere quindi sullo stesso piano qualitativo o magari portare addirittura una ventata di freschezza, che non fa mai male.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

CERTEZZE

  • Gameplay divertente e dalle molte sfaccettature
  • Interessanti gli elementi collaborativi/competitivi

DUBBI

  • Diverso dai precedenti
  • Solo uno sparatutto multiplayer?