FIFA 07 - Hands On  0

Quando EA ci si mette d'impegno, anche una serie come Fifa, tradizionalista e "ingessata" da oltre un decennio di convenzioni, può trovare il modo di rinnovarsi.
Quando poi l'innovazione la porta a seguire le orme di un altro celebre franchise, altrettanto illustre, ma "inspiegabilmente" favorito dagli appassionati di calcio, tanto meglio per tutti...

Impressioni di primo acchito

Non ci aspettavamo rivoluzioni tecniche sull’ormai stagionato hardware Sony, ma bisogna ammettere che ci sia stata la volontà di inserire qualche eye candy aggiuntivo, soprattutto in termini di animazioni e di fisica della palla.
Le prime sono state in molti casi ricostruite da zero, ma si evidenzia in particolare un miglior meccanismo per la loro concatenazione, che riduce di molto l’effetto “scatto” che di solito indicava una transizione fra due diversi stati di movimento. Per non parlare di scarti, dribbling e contrasti, che danno una reale idea dell’inerzia e più di ogni cosa sottolineano l’introduzione di un motore fisico degno di questo nome e di una buona rilevazione delle collisioni.
Inoltre sono stati rimossi una serie di chiari difetti, come la possibilità di far passare la palla attraverso i giocatori in fase di passaggio. Nel momento in cui un ostacolo si frappone, l’IA del giocatore provvederà automaticamente a fare un passo in più in modo da spostarsi e calciare il pallone allineandolo lungo un percorso pulito.

Fifa non è mai stato così simile a Pro Evolution Soccer.

Impressioni di primo acchito

L’effetto finale – congiuntamente alla sparizione delle famigerate traiettorie “artificiali” della sfera, sostituite con controparti reali calcolate in base alle effettive sollecitazioni subite – conferisce al tutto un aspetto decisamente più attraente e realistico.
E’ sul gameplay però che questa nuova edizione punta maggiormente e senza indugiare troppo sull’argomento, vi dichiariamo che Fifa non è mai stato così simile a Pro Evolution Soccer.

Impressioni di primo acchito

Con la selezione dei giocatori velocizzata e fasi di attacco e difesa finalmente bilanciate, le partite risultano più equilibrate e richiedono maggiore impegno in fase conclusiva, rallentando il ritmo complessivo: ripetere enne volte la stessa azione non è assolutamente una tattica premiante, mentre i ben otto tipi di tiro (di filo, di potenza, pallonetto…) offrono ragionevole varietà. Le partite stravinte 8-0 in pochi minuti e sempre con la stessa combinazione, dovrebbero essere ormai solo un brutto ricordo.
Sul fronte dei contenuti, pare che il terremoto di Moggiopoli abbia messo non poco i bastoni fra le ruote nelle fasi finali dello sviluppo, con giocatori che cambiavano team con frequenza quotidiana, ma ogni cosa dovrebbe essersi risolta per il meglio. Inoltre i fan della J-League saranno felici di sapere che fra le innumerevoli licenze del gioco, spicca proprio quella del campionato giapponese.
Un’innovazione interessante giunge infine dal comparto online: l’Interactive League è pronta all’inaugurazione e prevede lunghi tornei suddivisi in giornate e con un calendario fisso, cui iscriversi e partecipare comodamente da casa.
Fifa 2007 per Playstation 2 vedrà la luce sugli scaffali – con l’imperdibile telecronaca di Caressa e Bergomi - per la fine di Settembre.
Per l’edizione Xbox 360, se ne riparla il mese successivo.

Puntuale come il Natale

Ospiti presso Electronic Arts a Milano, abbiamo dato a Fifa 2007 una chance di dare prova delle sue nuove features, mirate a rilanciare il franchise a un livello qualitativo più vicino a Pro Evolution Soccer e riguadagnare i favori dei vecchi aficionados.
In particolare ci siamo soffermati sulla versione Playstation 2 del gioco, di particolare interesse per noi europei, con una PS3 rimandata a Marzo sulla quale il titolo calcistico di EA non debutterà fino all’anno prossimo. L’unica edizione next-gen prevista è infatti quella per Xbox 360, addirittura realizzata da un diverso team di sviluppo.