Speed RacerSpeed Racer - Provato 

Speed Racer si appresta a tornare con le sue gare ai limiti della fisica nella doppia incarnazione per Nintendo Wii e DS: le abbiamo provate entrambe, ecco cosa ne pensiamo...

Naturalmente arcade...

Preso in mano il Wiimote ed incominciata la prima corsa dominante è subito la sensazione di immediatezza restituita dai comandi, con la sterzata delegata ai sensori di movimento e l'acceleratore azionabile premendo 2 sulla pulsantiera. Specifico della serie è poi il Car- Fu, una sorta di arte marziale eseguita dai bolidi stessi e in grado di danneggiare l'altrui veicolo fino alla distruzione: per eseguire queste mosse è sufficiente inclinare il pad verso di sé e contemporaneamente premere la croce direzionale; il tutto si risolve nella necessità di dover bilanciare l'attenzione ad uno stile di guida pulito e vantaggioso in termini di tempi, a un'aggressività che possa mettere fuori gioco gli avversari. Completano l'affresco il turbo e la ricarica della propria energia vitale, attivabili rispettivamente premendo B e A dopo aver riempito l'apposita barra tramite particolari evoluzioni. Al modello di guida immediato è stato abbinato un altrettanto adrenalinico complesso di piste: sali- scendi, salti, giri della morte e una serie di rampe in grado di aumentare la velocità sono disseminati praticamente ovunque, con i margini della lingua di terreno percorribile decisamente troppo stretti per ospitare i dodici corridori in gara e con la conseguente formazione di incidenti e scontri all'ultimo colpo di telaio. I diciannove tracciati verranno divisi in tre campionati a loro volta suddivisi in base alla potenza delle vetture utilizzate. Non sono infine stati mostrati grandi elementi di personalizzazione, ma è più che sufficiente sapere che ciascuno dei dodici prodi corridori avrà dei punti di forza e debolezza unici, così da lasciar ciascuno libero di scegliere quale meglio si adatta alle proprie esigenze. Sul fronte multiplayer si segnala la possibilità di intraprendere una corsa singola o un'intera stagione in compagnia di un massimo di tre amici tramite il classico split- screen ma non via internet. Speed Racer andrà quindi a rimpolpare un genere non eccessivamente rappresentato su Nintendo Wii, partendo dal vantaggio di una licenza di grande interesse ma dimostrando di poter mettere in luce doti di divertimento che, si spera, potranno farne un buon acquisto di metà primavera.

Speed Racer - Provato Speed Racer - Provato Speed Racer - Provato

... anche in tasca

La struttura portante dell'esperienza offerta dalla versione per DS di Speed Racer non si discosterà eccessivamente da quella dell'ammiraglia Nintendo, con un complesso di gare, anche raccolte in campionati, a cui si aggiungeranno altre competizioni legate all'esecuzione di acrobazie o esclusivamente allo scontro a colpi di Car- Fu. I numeri dei due titoli dovrebbero quindi equivalersi, con la differenza che in questo secondo caso si potrà sfidare un solo amico tramite wi- fi locale. I comandi non sfrutteranno intensivamente le potenzialità della console, rimanendo legati allo schema classico con l'acceleratore relegato alla X e le derapate ai due pulsanti dorsali. A differenza del Wii, poi, per danneggiare le macchine altrui non si dovrà far affidamento sui riflessi ma si potrà entrare in una speciale modalità rallentata, durante la quale premere il tasto segnalato con il giusto tempismo. I due schermi visualizzano la gara, quello inferiore, e le posizioni correnti, quello superiore, mostrando un comparto grafico piuttosto valido: interamente in 3D e capace di restituire grande velocità, per quanto non ricchissimo di dettagli. Anche in questo caso il fascino del marchio e la contemporanea uscita del film non potrà non giovare alle vendite di un prodotto che comunque sembra avere le armi per farsi valere, pur senza lasciare stupefatti.

Speed Racer - Provato Speed Racer - Provato Speed Racer - Provato

Speed Racer sarà disponibile per Nintendo DS, Nintendo Wii e PlayStation 2.

Speed Racer - Provato

Speed Racer sul mercato

Come già specificato il marchio Speed Racer è ben conosciuto dal popolo di appassionati di fumetti e anime, con i secondi che in particolare hanno avuto modo di gustarsi ben due serie regolari rispettivamente composte da 54 e 34 episodi. Con la popolarità arrivarono i prodotti a tema e in questo senso la spendibilità dell'ambientazione simil- automobilistica si è rivelata in tutta la sua validità tramite una serie di action figure e riproduzioni delle vetture, anche da parte della Mattel, oltre che una recente serie marchiata LEGO. I videogiochi, infine, entrarono in contatto con Speed Racer già nel lontano 1992 con una versione per DOS, a cui ne seguì nel 1994 una per SNES e nel 1998 per PlayStation.

TI POTREBBE INTERESSARE