Multiplayer.itSette giorni di notizie 

Project Natal, il Nintendo Summit, la data europea di God of War e tanto altro






La settimana passata è stata certamente caratterizzata dal Nintendo Summit, probabilmente il più importante evento Nintendo degli ultimi anni, che si è tenuto quasi in parallelo in US, Europa ed Australia. Tutti quanti attendevamo l'evento con una certa attenzione, certi che sarebbero state fatte importanti rivelazioni, chi in attesa di notizie sul software, chi sull'hardware. Alla fine siamo stati accontentati almeno in parte, grazie all'annuncio delle date di rilascio dei titoli di punta della grande N per la prossima stagione. Stiamo ovviamente parlando di Super Mario Galaxy 2, sicuramente il titolo di maggior peso in arrivo, che vedremo sugli scaffali dei nostri negozi l'undici giugno prossimo, mentre i giocatori americano lo potranno inserire nei lettori delle proprie Wii un paio di settimane prima, il 23 di maggio. E' anche stato rilasciato il trailer ufficiale del gioco, che non manchiamo di riproporvi in questo riepilogo, oltre ad una serie di video di gameplay che finalmente ci permettono di vedere l'idraulico di nuovo in azione e saltabeccante fra un pianeta ed un altro.
Ma non solo di Mario si è parlato durante il Nintendo Summit: abbiamo appreso anche le date di Monster Hunter Tri, che potremo giocare già dal 23 di aprile, di Sin & Punishment 2, in arrivo il sette di maggio, e di Metroid: Other M, che però per l'Europa non ha ancora una data precisa, salvo essere confermato per il terzo trimestre. In America uscirà il 27 di giugno, quindi a conti fatti possiamo ragionevolmente pensare di poterlo vedere anche sugli scaffali europei in un periodo più o meno parallelo.
Nessun annuncio per il nuovo Zelda, invece, anche se Cammie Dunaway ha fatto intendere che sia ragionevole attenderlo per la seconda metà dell'anno in corso, più probabilmente verso la stagione natalizia. Ed a proposito di hardware: nessuna notizia, o perlomeno nessuna buona notizia. E' proprio Cammie Dunaway, infatti, a confermare che non vedremo un Wii 2 tanto presto, cosa che tutto sommato appare abbastanza logica se pensiamo alla quantità di software di punta che avremo da smaltire sull'attuale Wii almeno fino alla fine dell'anno in corso.















Progetto Natale a 50, no, 100 dollari. Chi offre di più?

Ma passiamo invece a parlare di un'altra grande attesa del 2010, quella relativa al nuovo sistema di controllo "pad-free" di Microsoft, il ben noto Project Natal. Vi ricordiamo, innanzitutto, il ritorno delle previsioni del noto Michael Pachter, che torna a confermare la propria supposizione in relazione al prezzo con cui la tecnologia a rilevamento di movimento verrà commercializzata da Microsoft: 50 dollari su territorio americano. Sette giorni di notizie Pachter aveva in realtà già diversi mesi fa fatto affermazioni analoghe, sembra che il tempo non gli abbia fatto cambiare idea e noi torniamo a chiederci se abbia informazioni di prima mano o se si tratti di una sua personale previsione basata sulle proprie valutazioni dell'andamento del mercato. Il problema è che Pachter si auto-smentisce dopo pochissimo, affermando che in effetti sarebbe stupito se il prezzo fosse inferiore ai 100 dollari. Insomma, Pachter carissimo, forse abbiamo un po' di confusione.
Ma ben più interessante dei calcoli di Pachter è la possibile datazione di Project Natal, sfuggita alla tastiera di Jonathan Ross che in un Twitter avrebbe dichiarato con relativa certezza che lo vedremo sugli scaggali il prossimo ottobre. Microsoft non ha mai fatto parola di date o periodo, ma appare abbastanza plausibile che la data sia corretta.
E per chiudere con Natal, arrivano le affermazioni di Molineux a proposito di Milo, il bambino protagonista della tech demo con cui venne annunciata la tecnologia Microsoft. Secondo il creatore di Fable, infatti, il ragazzino sarebbe parte di una storia più grande e drammatica, affermazioni che lasciano intendere in maniera non troppo sottile che un vero e proprio gioco sia in sviluppo attorno al personaggio. Staremo a vedere cosa ne uscirà fuori.

Un appuntamento fissato con Kratos

Una delle altre notizie che hanno contribuito a rendere la settimana passata interessante è senza ombra di dubbio quella dell'annuncio della data definitiva di God of War III in Europa: Kratos tornerà sui nostri scaffali il 17 marzo. Sette giorni di notizie In realtà si tratta di una data che da lungo tempo era stata ventilata un po' da tutti, ma di cui mancava ancora una conferma ufficiale. Mancano poco più di due settimane, ormai, l'attesa sta quindi per terminare.
Fra le altre notizie di rilievo ed interesse citiamo invece quella della top ten, pubblicata da Digital Battle, dei titoli con il più alto budget della storia videoludica che ha visto incoronare, con ben 100 milioni di dollari di spesa, il colosso di Rockstar Grand Theft Auto IV. Considerate le vendite altrettanto milionarie che ha saputo fare, siamo certi che lo sviluppatore ci sia rientrato abbondantemente. Lo seguono l'eternamente attesa opera di Yamauchi, quel Gran Turismo 5 che ad oggi vanta 80 milioni di dollari di budget e che, con la sua natura di mono-piattaforma, vede di fronte a sè una sfida molto maggiore per andare in guadagno, anche se certamente le previsioni di vendita sono tutt'altro che negative considerata l'attesa di cui gode il celebre simulatore di guida. Al terzo posto, con 70 milioni di dollari di budget, troviamo Shenmue.
Abbiamo poi parlato di come Bungie consideri prematuro abbandonare completamente l'idea di sviluppare un nuovo Halo. Lo sviluppatore manifesta infatti un'affezione più che solida nei confronti del brand con cui storicamente si è identificata e non se la sente quindi di precludersi la possibilità di tornare a lavorarci sopra, dopo il rilascio di Halo: Reach. Potremmo quindi intravedere un futuro ancora prolifico per la serie a firma di Bungie.
Ultime ma non ultime, vi ricordiamo il rilascio di nuove immagini dell'atteso secondo capitolo del survival horror spaziale di Visceral Games, quell'attesissimo Dead Space 2 che promette un'ulteriore salto di qualità rispetto al prodotto originale. Ve le torniamo a segnalare qui in calce e vi auguriamo di vivere al meglio quel che resta di questo finesettimana:

Immagini di Dead Space 2

TI POTREBBE INTERESSARE