Assembla che ti Passa #62  54

Nel nuovo Assembla che ti Passa parliamo anche delle nuove GPU AMD Vega che potrebbero cambiare il panorama della fascia estrema per un 2017 di fuoco

RUBRICA di Mattia Armani —  un anno fa

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

L'autunno sta arrivando, malinconico e turbolento, ma il sole riesce comunque a bucare le nuvole facendo scintillare frammenti di silicio che ci distraggono, almeno per qualche momento, dai consueti propositi di emigrare in un'isola tropicale. Partiamo con ordine, dalle nuove CPU Intel che sembra decisa a scendere in campo prima di Zen in modo da non lasciare AMD troppo libera di muoversi con la sua nuova e decisamente migliorata serie di processori. A quanto pare le informazioni sull'imminente arrivo della prima CPU Kaby Lake erano corrette e l'Intel Core i7-7700K è spuntato in forma di preordine nel listino di un rivenditore online estone. Il nuovo processore Intel sfoggia quattro core, otto thread, 8MB di cache di livello 3, 4.5GHz di frequenza massima, 95W di consumo tipico e slot LGA1151 che dovrebbe garantire la compatibilità con alcune motherboard Z170. Il processo produttivo è sempre a 14 nanometri, come per Skylake, e la tecnologia è simile ma i nuovi processori dovrebbero garantire comunque fino al 12% in più di performance rispetto ai modelli analoghi della serie precedente.

La serie, oltre al Core i7-7700, dovrebbe include anche le versiioni Core i7-7700, Core i7-7700T, Core i5-7600K, Core i5-7600, Core i5-7600T, Core i5-7500, Core i5-7500T, Core i5-7400 e Core i5-7400T. Nel frattempo AMD ha presentato il socket AMD che per ora è destinato alle sole APU di settima generazione ma presto ospiterà i nuovi processori Zen caratterizzati da processo produttivo a 14 nanometri, Multi-Threading e clock gating. Tra le caratteristiche del nuovo socket, che supporta tutte le ultime tecnologie DDR4 incluse, spicca anche la maggiore densità di pin che arrivano a 1331 nonostante lo spazio occupato sia sempre di 4 centimetri per 4 centimetri. Ciononostante i vecchi dissipatori non potranno essere utilizzati a causa dello spostamento dei fori sulla scheda madre che si è reso necessario a causa dei numerosi cambiamenti strutturali. Cambiamenti che aspettiamo con ansia nella speranza che la nuova serie di CPU AMD, piuttosto promettente secondo quanto emerso dai primi test, sia in grado di insidiare la supremazia di Intel e di portare a un abbassamento globale dei prezzi dei processori. Lo stesso ce lo auguriamo nel campo delle GPU anche se raggiungere NVIDIA sull'olimpo delle performance potrebbe essere piuttosto difficile in questa generazione. E la vetta potrebbe presto innalzarsi con l'arrivo della GeForce GTX 1080 Ti che potrebbe già essere in dirittura d'arrivo nonostante la 1080 sia ancora saldamente in vetta al mercato consumer. A quanto pare la GTX 1080 Ti, che promette il 4k a 60 frame per secondo anche con titoli massicci, si accontenta degli stessi 12GB di memoria della Titan X ma si tratta di normale memoria GDDR5 per un downgrade che coinvolge il clock, sceso a 1503MHz di base, e il chip GP102 che passa dai 3584 CUDA core della sorella maggiore a 3328. Ciononostante il bus è il medesimo, da 384-bit, capace di garantire una banda passante di 384GB/s che sono comunque superiori ai 320GB/s raggiunti dalla GTX 1080 grazie alla memoria GDDR5X. I tagli, comunque, non potranno garantire un prezzo troppo basso che probabilmente si avvicinerà ai 900 dollari che da noi si tradurranno in circa 1100 euro. Con un prezzo del genere ci troviamo abbondantemente al di sopra della fascia estrema e finiamo comunque in quella di lusso che sfugge alle possibilità non solo del giocatore medio ma anche di quello disposto a spendere parecchio.

A questo punto l'unica speranza che i prezzi delle soluzioni top rientrino almeno entro i valori della scorsa generazione risiede nell'architettura VEGA AMD che dovrebbe debuttare a inizio 2017. Secondo le prime indiscrezioni il chip Vega 10 potrà contare su 16GB di memoria HBM2 e 512GB/s di banda per un consumo di 225W che potrebbe essere una conferma di performance elevate. Parliamo di 12TeraFLOP che, pur non essendo un indice effettivo delle performance, superano i gli 11 della Titan X Pascal. E se la nuova scheda non dovesse bastare per superare le top gamma di NVIDIA, pare che sia già in cantiere, per il secondo trimestre del 2017, una soluzione equipaggiata con 2 GPU Vega 10 per 300W di consumo. Il panorama delle schede di fascia estrema, insomma, potrebbe presto cambiare radicalmente ed è forse proprio per questo che NVIDIA potrebbe essere al lavoro su un refresh a 14nm delle schede Pascal anche se una mossa del genere potrebbe mettere di malumore chi ha sborsato fior di quattrini per una GTX 1080 o ha intenzione di spenderne ancora di più per una GTX 1080 Ti. In ogni caso è presto per azzardare previsioni ed è meglio guardare al presente e nello specifico a quello che c'è sotto al silicio, laddove è il codice che fa la differenza a prescindere dal numero di transistor a disposizione. A questo proposito DirectX 12 e Vulkan non sono ancora sfruttate a pieno ma i vantaggi sono chiari e la tendenza sta cambiando anche grazie alle spinte di AMD e Microsoft. E tra le meraviglie più interessante delle nuove librerie grafiche c'è anche il supporto multi-GPU che può combinare chip grafici differenti sfruttando anche le GPU integrate. Purtroppo i titoli che sfruttano questa tecnologia, meno efficiente di SLI e CrossFire ma capace di sfruttare hardware inutilizzato per guadagnare qualche frame, sono una goccia nel mare ma il primo segno di un cambiamento su vasta scala è arrivato. Il CryEngine ha dato il benvenuto al supporto per l'Explicit Multi GPU e questa decisione potrebbe riflettersi su altri motori celebri come l'Unreal Engine.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Questa settimana seguiamo la corrente, pescando le componenti non solo in base a offerte e valutazioni tecniche ma anche in base alle configurazioni più diffuse. Mentre aspettiamo le nuove CPU AMD, l'Intel Core i3-6100 resta una garanzia e proprio per questo una delle scelte più comuni per le configurazioni di fascia bassa. Lo stesso vale per le memorie Crucial che sfoggiano un egregio rapporto tra prestazioni e prezzo.

L'altra scelta piuttosto diffusa è la Radeon RX 470 da 4GB che, scendendo infine a 200 euro, ha oscurato la RX 460, più economica ma comunque troppo castigata in relazione al prezzo. Al momento la più economica in circolazione è la versione targata Sapphire che resta al centro della nostra configurazione. Cambiamo invece case e scegliamo il quasi cubico Thermaltake Core V1 che pur essendo economico offre una buona ventilazione e un look atipico.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 110.00
Intel Core i3-6100 3.7 GHZ
SCHEDA MADRE € 60.00
ASUS H110M-K
SCHEDA VIDEO € 200.00
Sapphire Radeon RX 470 4GB
RAM € 40.00
Crucial 8GB (1 x 8GB) DDR4-2133 Memory
ALIMENTATORE € 45.00
XFX ProSeries 450W PSU 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 45.00
Thermaltake Core V1
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 560.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

All'inseguimento delle build più apprezzate saliamo di un gradino con il Core i5-6500. Per quanto riguarda la scheda video la battaglia tra Radeon RX 480 e GeForce GTX da 6GB è accesa. Quest'ultima è tornata sulla breccia grazie alla normalizzazione dei prezzi ma visto che l'abbiamo scelta per la configurazione della scorsa settimana, questa volta puntiamo sull'avversaria nella versione Sapphire che anche in questo caso si conferma la più economica.

I consumi superiori ci portano a salire anche con l'alimentatore e questa volta andiamo diretti su SeaSonic, spesso presente non come brand ma come costruttore delle PSU che scegliamo, con il modello da 520W 80+ Bronze completamente modulare. Per quanto riguarda il case invece torniamo all'NZXT S340 che rinuncia all'alloggiamento per il lettore ottico ma piace molto, soprattutto nella versione bianca, grazie alla combinazione tra stile e solidità.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 195.00
Intel Core i5-6500 3.2-3.6GHz
SCHEDA MADRE € 100.00
Gigabyte GA-H170M-D3H
SCHEDA VIDEO € 275.00
Sapphire Radeon RX 480 8 GB
RAM € 75.00
Patriot Viper Elite Series DDR4 2400MHz 16GB
ALIMENTATORE € 60.00
Seasonic S12II 520W 80+ Bronze
HARD DISK € 40.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 50.00
NZXT S340
OPTICAL DISK DRIVE €  -
-
TOTALE: € 795.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni estreme, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Per la terza settimana di fila non osiamo mettere piede nel regno del lusso estremo per concentrarci sulla fascia alta con l'ormai nota GTX 1070, anche se cambiamo brand scegliendo la MSI GeForce GTX 1070 Aero 8G che non cade molto lontano dalla Gigabyte della scorsa settimana ed è reperibile a 20 euro in meno. Non cambiamo quindi alimentatore che garantisce margine a sufficienza per l'overclock, in questo caso moderato, e per eventuali periferiche aggiuntive.

Seguendo una delle configurazioni più in voga del momento tagliamo qualcosa grazie alla Asus Z170-E che si accontenta di una dotazione leggermente più modesta della Asus Z170 Pro ma funziona egregiamente e con la nostra configurazione non dovrebbe dare problemi di sorta. Grazie al risparmio ci permettiamo un case meno spartano, sempre orientato alla sobrietà ma caratterizzato da rifiniture niente male e da una grossa finestra sul fianco sinistro.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 280.00
Intel Core i5-6600K 3.5-3.9GHz + Cooler Master Hyper 212 EVO
SCHEDA MADRE € 135.00
Asus Z170-E
SCHEDA VIDEO € 440.00
MSI GTX 1070 Aero 8G
RAM € 95.00
G.SKill Ripjaws V 4x4GB DDR4-3000 CL 15 (F4-3000C15Q-16GVR)
ALIMENTATORE € 115.00
Antec EDGE 650W 80+ PLATINUM
HARD DISK € 50.00
Western Digital Caviar Blue 7200 RPM 1TB
CASE € 100.00
Corsair Carbide 400C
OPTICAL DISK DRIVE €  -
-
TOTALE: € 1215.00

Assembla che ti Passa si tuffa in un fiammeggiante futuro fatto di nuove GPU e nuove CPU