The Initiative, il dream team che rilancerà le ambizioni di Microsoft?

The Initiative diventerà la punta di diamante della casa di Redmond nella prossima generazione?

NOTIZIA di Davide Spotti —   16/08/2018
54

Oltre ad aver svelato l'acquisizione di alcuni studi affermati come Playground Games e Ninja Theory - affiancati da Undead Labs (State of Decay) e Compulsion Games (We Happy Few) - Microsoft Studios ha sfruttato la vetrina dell'E3 2018 per annunciare la creazione di The Initiative, nuovo team che riunirà sotto lo stesso marchio numerosi veterani dell'industria. Al timone del progetto Darrell Gallagher, su cui la casa di Redmond sembra voler puntare per rilanciare le proprie ambizioni future in ambito software. In passato l'ex presidente di Crystal Dynamics ha contribuito ai franchise di Deus Ex e Hitman per conto di Square Enix, ma è stato anche Head of Development di Call of Duty, Destiny 2 e Crash Bandicoot N. Sane Trilogy in Activision.

Come avrete già letto nella giornata di ieri, di recente lo sviluppatore americano ha condiviso un nuovo messaggio attraverso il proprio account LinkedIn, nel quale ha annunciato che la sua nuova squadra sarà impreziosita da alcuni professionisti di lungo corso con comprovata esperienza nella produzione di titoli tripla A. Sembra insomma che la casa di Redmond sia davvero intenzionata a fare sul serio, ponendosi come obiettivo il rilancio della propria line-up e la creazione di nuove proprietà intellettuali di peso. Di fatto, insomma, la nuova etichetta è destinata a porsi come un nuovo punto di riferimento per la famiglia di dispositivi Microsoft negli anni a venire.

The Initiative

Nel suo elenco Gallagher ha menzionato innanzitutto Brian Westergaard, lead producer di Santa Monica Studio sull'ultimo capitolo di God of War ma anche senior producer di Rise of the Tomb Raider. Un passaggio di casacca avvenuto sostanzialmente in casa, considerando che anche la sede di The Initiative è stanziata a Santa Monica. Interessante la partecipazione dello sviluppatore italiano Christian Cantamessa, nel cui curriculum si annoverano le sceneggiature del primo Red Dead Redemption, La Terra di Mezzo: L'Ombra di Mordor e L'Ombra della Guerra, nonché interventi in qualità di consulente per lo sviluppo di Rise of the Tomb Raider. Forse è il segno che Microsoft prova ancora qualche tipo d'interesse per la creazione di giochi single-player basati sulla narrazione? Noi ce lo auguriamo, se non altro per vedere diversificarsi un catalogo sempre più orientato all'online.

Rimanendo dalle parti di Crystal Dynamics, nel nuovo team ci sarà spazio anche per Daniel Neuburger e Lindsey Mc Queeney, rispettivamente co-director e senior recruiter di Tomb Raider e Rise of the Tomb Raider. McQueeney vanta inoltre un ruolo come Assistant Director di Kingdoms of Amalur: Reckoning, l'action RPG ideato da Ken Rolston e pubblicato per PC, PS3 e Xbox 360 nel 2012. E poi Annie Lohr, rectruiter con un passato nelle fila di Respawn Entertainment.

Darrell Gallagher

A chiudere il quadro delle new entry troviamo Blake Fischer, già senior director of Portfolio Planning per conto di Microsoft e ora in forza alla nuova compagine californiana; in Microsoft il dirigente a stelle e strisce ha collaborato al lancio di numerosi prodotti per Xbox e viene accreditato in titoli di spessore come The Witcher 3, Dead Rising, Ninja Gaiden, Rise of the Tomb Raider, The Elder Scrolls IV: Oblivion, Killer Instinct e Cuphead, solo per citarne alcuni.

Già dopo l'annuncio delle acquisizioni, avvenuto all'E3 2018, Gallagher aveva spiegato che Microsoft intende avvalersi dei migliori talenti presenti sulla piazza al fine di creare uno studio di altissimo livello. A giudicare dal curriculum dei nomi citati poc'anzi sembrerebbe davvero che i presupposti per la costituzione di una sorta di dream team ci siano proprio tutti. Su quali progetti? Beh questo per il momento è ancora presto per dirlo, ma la descrizione degli obiettivi di The Initiative parla chiaro: "creare esperienze fantastiche che il nostro pubblico amerà. Giochi che nessun altro sta realizzando". Che dire, aspettiamo con curiosità di vederli all'opera.

Voi che ne pensate delle ultime mosse strategiche di Microsoft? Fatecelo sapere nei commenti!