Guilty Gear Dust Strikers  0

Guilty Gear torna su una console portatile! Dopo un'apparizione sui Wonderswan giapponesi finalmente una versione europea, tutta particolare, tutta originale, ovviamente su Nintendo DS!

ANTEPRIMA di Claudio Camboni —   01/05/2006

Royal Rumble!

Gli sviluppatori ARC System Works hanno certamente sfruttato a dovere il doppio schermo della console. Dust Strikers infatti non è un classico picchiaduro "uno contro uno" bensì un'arena di combattimento fino a quattro personaggi contemporaneamente su schermo. Un pò Super Smash Bros, un pò Jump Superstars. I primi due Guilty Gear sono stati una rivoluzione grafica nel campo del 2D: alta risoluzione, tonnellate di dettagli, animazioni incredibili, mai viste in giochi del genere. Effetti speciali e zoomate.

la particolarità di NintendoDS ha reso possibile un capitolo tutto originale, tutto nuovo e molto diverso dal solito di Guilty Gear

Royal Rumble!

Ovviamente la versione portatile non poteva e non doveva cercare di inseguire questo modello, per ragioni di hardware sopratutto. Ma proprio la particolarità di Nintendo DS ha reso possibile un capitolo tutto originale, tutto nuovo e molto diverso dal solito di Guilty Gear. L'azione si svolge in entrambi gli schermi, e le locazioni di gioco riprendono gli stage classici della serie. I personaggi sono 21, tutti quelli già visti nelle precendenti edizioni. Ogni schermo è diviso a sua volta in uno o due livelli, creati con delle piattaforme proprio come quelle di Super Mario. L'azione di gioco risulta così molto più verticale che orizzontale come i capitoli "classici".

Tu non puoi farmi questo, grida lui!

Il numero delle mosse è stato lievemente ridotto per ragioni di memoria e di numero di pulsanti utilizzabili. I quattro disponibili nella parte frontale del DS servono per attaccare: colpi leggeri, colpi pesanti, Super e Dust Strikers. Le super si effettuano con delle combo eseguibili mediante la pressione del tasto A ed una direzione, mentre i colpi Dust Strikers sono assimilabili ai colpi "Smash" di Smash Brothers. In alcuni momenti sarà possibile prendere degli item speciali che avranno delle funzioni particolari, per esempio invertire la posizione di gioco dei combattenti presenti su schermo, ridare energia, permettere combo particolari.

Il numero delle mosse è stato lievemente ridotto per ragioni di memoria e di numero di pulsanti utilizzabili

Tu non puoi farmi questo, grida lui!

Questi item speciali appariranno automaticamente nella parte bassa del livello inferiore. Si possono prendere semplicemente passandoci sopra con il nostro personaggio: una volta fatto nostro, l'icona andrà a finire nella parte bassa dello schermo inferiore e sarà pronto all'uso. Adesso per attivarlo sarà necessario toccarlo con la pennina, un pò difficile e scomodo vista la natura "veloce" del gioco. Ma d'altra parte gli altri tasti sono tutti già impegnati, i dorsali servono per pararsi e per saltare.

Picchiarsi tutti insieme è più divertente

Il cuore del gioco in single player è lo Story Mode, nel quale ogni personaggio dovrà essere potenziato e skillato attraverso dei simpatici mini giochi che sfruttano le potenzialità del DS. Tra schema e schema saremo chiamati ad affrontare prove di velocità e di precisione affinchè il nostro combattente sia sempre più potente. Guilty Gear Dust Strikers offre anche una corposa modalità in wireless fino a 4 giocatori, l'apoteosi della freneticità. Concludendo, per tutti quelli che si aspettavano un picchiaduro "classico" e graficamente spettacolare come i precedenti capitoli di Guilty Gear, l'aspettativa sarà tradita da un concept di gioco totalmente nuovo per il franchise. Per tutti gli altri, questo Dust Strikes si propone come un ottimo gioco in multiplayer in diretta concorrenza con quel Jump Superstar al quale però non è stata dedicata un'edizione europea. Un titolo molto promettente quindi, per il quale non resta che aspettare la recensione definitiva, sempre su queste pagine!

Nuova console, nuova vita!

Sebbene il genere dei picchiaduro bidimensionali non viva più i fasti degli anni 90, alcune software house continuano ancora a sfornare ottimi titoli, per la maggior parte destinati al mondo Arcade, pochissime altre volte creati e pensati appositamente per console. E' proprio questo il caso dell'ultimo capitolo di Guilty Gear che uscirà su Nintendo DS: Dust Strikers. La serie aveva fatto la sua comparsa, con relativo successo, anche sul piccolo WonderSwan Color, edizione che si differenziava dalla versione da sala giochi con i suoi personaggi Super Deformed. Guilty Gear è da sempre una serie bella da ammirare quanto da giocare. L'alta definizione aveva fatto finalmente capolino tra i cabinati. Vediamo come questo Dust Strikers possa riuscire a distinguersi dagli altri capitoli, cercando allo stesso tempo di stupire i giocatori come fece alla sua prima comparsa.