E3 2019: solo il 17% dei giochi aveva meccaniche non violente 109

Stando a uno studio realizzato da GamesIndustry.biz a margine della fiera, solo il 17% dei giochi presentati all'E3 2019 era non violento.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   16/06/2019

Solo il 17% dei giochi presentati all'E3 2019 aveva meccaniche non violente. A svelarlo è uno studio di GamesIndustry.biz, realizzato a margine della fiera di Los Angeles.

I giochi presentati all'E3 2019 sono stati 239 in totale, dei quali soltanto 41 non violenti. Si tratta di una percentuale davvero bassa e, se consideriamo che di questi 41 soltanto 17 (7% del totale, 41% dei giochi non violenti) provengono da publisher maggiori, il problema dovrebbe essere chiaro a tutti. Tra questi ce ne sono otto appartenenti al programma ID@Xbox e uno di Square Enix Collective. Ossia in molti casi stiamo parlando di titoli minori a livello produttivo.

L'obiettivo dello studio di GamesIndustry non è di fare la morale, ma essenzialmente pratico, ossia è atto a sottolineare come la stragrande maggioranza dei giochi che vengono prodotti siano incentrati su meccaniche dedicate a combattere e uccidere. Insomma, una percentuale così alta di giochi violenti non creerà sicuramente degli assassini sociopatici come vogliono alcuni, ma è indubbiamente indice di scarsa creatività e di un pubblico decisamente monocorde. Il publisher più equilibrato, da questo punto di vista, è stato Electronic Arts grazie ai suoi titoli sportivi. Il meno equilibrato è stato invece Square Enix, con soltanto un gioco minore assente di meccaniche violente.

Per lo studio completo, cliccate sulla fonte.