iPad Pro 9.7"  38

La linea Pro dei tablet Apple si espande in maniera brillante

RECENSIONE di Andrea Palmisano   —   21/04/2016
Scarica il Video

Il debutto di iPad Pro nella sua versione da 12.9" ha offerto ad Apple l'occasione di rilanciare nuovamente la propria idea dell'era post-Pc, attraverso un tablet dotato di caratteristiche tecniche di primo piano capace, per una parte di utenza, di assolvere ad alcune delle funzioni richieste ad un computer vero e proprio. Per dimensioni e costi però, tale versione del device inevitabilmente era destinata ad un pubblico di nicchia, non certamente alla grande massa di consumatori. Per questo motivo la casa di Cupertino ha voluto dar vita anche ad una alternativa nel più familiare taglio da 9.7", anch'esso chiamato semplicemente "iPad Pro", presentato all'evento dello scorso marzo e lanciato sul mercato poco più tardi. Una versione simile, ma non del tutto identica a livello hardware al 12.9" e che giunge sul mercato 5 mesi dopo quest'ultimo, è con caratteristiche che vale la pena quindi approfondire.

Il nuovo iPad di Apple è anche, molto semplicemente, il migliore in assoluto

I pollici giusti

Del periodo di scarsa brillantezza dell'interno mercato dei tablet abbiamo già avuto modo di parlare in diverse occasioni, ed è quindi normale che il produttore leader del settore stia cercando nuove soluzioni per rilanciare le vendite. Con iPad Pro, la direzione sembra essere quella di alzare il tiro, cercando quindi di andare a interessare quel mondo dei professionisti (da qui, ovviamente, il nome) che ha sempre visto la soluzione tablet come troppo limitata. Ovviamente questo indirizzo non preclude all'iPad Pro il mercato consumer, esattamente come succede coi Macbook Pro rispetto agli Air. IPad Pro da 9.7" si pone evidentemente in diretta concorrenza con iPad Air, non fosse altro per il fatto di condividere il medesimo aspetto e uguali dimensioni.

Confondere i due modelli è semplicissimo, e sotto questo punto di vista forse una anche minima distinzione estetica sarebbe stata utile e apprezzata. Tutto questo ragionamento ha ovviamente senso nel caso in cui Apple sia intenzionata a continuare a sviluppare la linea di iPad Air, fattore non del tutto certo vista la "pausa" negli aggiornamenti che hanno portato l'Air 2 a restare in vendita ormai da un anno e mezzo. Sta di fatto che, in attesa che il futuro chiarisca le intenzioni della azienda californiana, il catalogo iPad presenta due modelli esteticamente pressoché indistinguibili. Non ci dilungheremo quindi molto sull'aspetto di questo iPad Pro 9.7", perché è ovviamente all'interno, nella componentistica, che il nuovo device mostra il meglio di sé e di conseguenza le differenze maggiori con l'Air 2. A partire dal display, che pur confermando la "solita" risoluzione di 2048x1536 (rispetto ai 2732x2048 del 12.9") offre un pannello meno riflettente e con un più ampio spettro di colori visualizzabili. Oltre a ciò, lo schermo del nuovo iPad Pro è al momento l'unico della intera linea di tablet Apple ad integrare la tecnologia True Tone, che in sintesi grazie ad appositi sensori adatta automaticamente la temperatura dei colori sulla base della luminosità ambientale. Una soluzione, ovviamente disattivabile, che però abbiamo enormemente apprezzato durante l'uso quotidiano: spingendo su colori più caldi la visione del display affatica meno la vista, e rende il tutto più confortevole. Il processore è invece l'ottimo A9X, ovvero attualmente la punta di diamante in casa Apple, affiancato come ormai d'abitudine al coprocessore M9. Questo significa all'atto pratico una velocità e reattività impeccabili in ogni situazione, anche in multitasking o con le app più pesanti. Nell'utilizzo fianco a fianco con un iPad Air 2, non certamente un device lento, si riescono comunque ad avvertire differenze sostanziali in favore del nuovo tablet. Deludente invece la scelta della casa di Cupertino di equipaggiare l'iPad Pro 9.7" di soli 2GB di RAM, al contrario dei 4 presenti sulla versione da 12.9": nonostante la minore risoluzione richieda risorse inferiori, allineare tali elementi avrebbe dato alla linea Pro un'identità ancora più precisa. Per quando riguarda poi la componente audio, sono stati confermati anche in questo caso i quattro speaker posti agli angoli della cornice: esattamente come col "fratello maggiore", ci sentiamo di confermare l'entusiasmo riguardo alla resa finale, senza dubbio diverse spanne sopra a qualsiasi altro iPad grazie ad una riproduzione del suono più dinamica, ricca e profonda, che non "obbliga" ad usare le cuffie come invece avveniva in passato per poter vedere video, film o ascoltare musica. Il sistema è inoltre in grado di adattare la riproduzione del suono sulla base dell'orientamento del device, in maniera tale da garantire la medesima qualità finale sia in modalità landscape che portrait.

Scarica il Video

Tastiere e pennini

Per coloro invece che sono interessati anche alla componente fotografica di un tablet, basti sapere che l'iPad Pro 9.7 " offre il top all'interno della gamma Apple grazie ad un sensore da 12 megapixel, con lo stesso sensore presente su iPhone 6s, che permette di registrare video a 4k a 30 frame al secondo e moviole a 240 frame al secondo. Accanto all'obiettivo trova posto anche il flash True Tone, ed anche in questo caso si tratta di una "prima volta" su iPad. I risultati sono quindi inevitabilmente ottimi, con una riproduzione dei colori accurata e una definizione dell'immagine ottima anche in condizioni di luminosità non ottimale.

Proprio per l'uguaglianza con lo smartphone, il sensore sul retro dello schermo presenta una leggera protrusione rispetto alla scocca. È garantito poi il supporto per le Live Photo, che si possono visualizzare facendo una pressione prolungata su una immagine. La videocamera frontale FaceTime HD, infine, è da 5 megapixel. Rispetto alla prova della versione da 12.9", in questa occasione abbiamo avuto anche modo di testare la Smart Keyboard, ovvero la soluzione di Apple per offrire una tastiera fisica integrata all'interno di una cover frontale. Il collegamento è semplicissimo e passa attraverso i soliti magneti posizionati su uno dei lati lunghi, a cui si aggiunge lo Smart Connector. Si tratta di un connettore anch'esso magnetico che rende immediato l'abbinamento con la periferica garantendo anche l'alimentazione, e che probabilmente verrà sfruttato in futuro dalla azienda anche per altri tipi di dispositivi. Per quanto riguarda l'esperienza d'uso, abbiamo scritto gran parte di questo articolo con la Smart Keyboard, riuscendo ad abituarci alla disposizione dei tasti e alle dimensioni davvero in fretta. Il feedback è ottimo, così come la qualità costruttiva, ed è veramente notevole lo sforzo ingegneristico che ha permesso di trasformare una cover "normale" con solo un ridotto spessore e peso aggiuntivo. I tasti, ricavati con una lavorazione al laser da un unico strato di uno speciale tessuto, non presentano fessure e pertanto nulla può infilarcisi in mezzo. Se quindi la digitazione è, in ultima analisi, assolutamente soddisfacente, altri aspetti della periferica lo sono meno. Anzitutto il fatto che, almeno per il momento, la Smart Keyboard sia disponibile soltanto con layout inglese USA, con tutte le problematiche che questo comporta soprattutto nell'uso delle accentate. In secondo luogo, l'assenza di tasti funzione per regolare per esempio volume o luminosità è fastidiosa, così come il fatto che sia possibile fissare il tablet solo in un preciso angolo di visione, non regolabile.

Il limite maggiore del prodotto è però senza dubbio il prezzo, che in Italia è previsto a 169€, che diventano 179€ per la versione per iPad Pro 12.9". È quindi probabile che la maggior parte dell'utenza interessata a una tastiera fisica preferisca cercare soluzioni terze parti meno costose. L'altro accessorio esclusivo della linea iPad Pro è invece la Apple Pencil, il pennino che ha debuttato assieme alla versione da 12.9" e che è pienamente compatibile anche con questo nuovo modello. Si tratta di una periferica eccezionale per la precisione di cui è dotata, e che consente di prendere appunti o disegnare sullo schermo in maniera assolutamente naturale, come se lo si stesse facendo su un foglio di carta, rilevando pressione e inclinazione e traducendo di conseguenza. Il prezzo non è certo basso (109€), ma si tratta di un acquisto che disegnatori o professionisti in ambiti analoghi dovrebbero certamente prendere in serissima considerazione. Per quanto riguarda i tagli di memoria, iPad Pro da 9.7" è disponibile nelle versioni da 32, 128 e 256GB, come al solito nella doppia versione Wi-Fi o Wi-Fi + Cellular. I prezzi partono da 689€ per passare a 869 e 1049 nel primo caso, mentre nel secondo si parla di 839, 1019 e 1199€. I colori sono i classici proposti da Apple con i device iOS attuali, ovvero Oro, Argento, Grigio Siderale e Oro Rosa. In definitiva, iPad Pro 9.7" è senza dubbio il miglior iPad attualmente disponibile, condensando in un tablet di dimensioni ideali per la stragrande maggioranza delle attività il top della tecnologia offerta da Apple. Il robustissimo, ampio, maturo e variegato ecosistema delle app a disposizione estende poi le capacità del device andando a toccare una moltitudine impressionante di ambiti e situazioni, e sono solo alcuni dei limiti di iOS che riducono parzialmente le ambizioni di un prodotto versatile, potente e affidabile come nessun altro.