Un MMO nel taschino  21

Per la prima volta il multiplayer su dispositivi Apple diventa di massa, con un titolo destinato a segnare un confine.

RECENSIONE di Ludovica Lagomarsino —   28/04/2010

Cosa evoca l'acronimo "MMORPG" alle menti della maggior parte dei giocatori? Inevitabilmente fa pensare ad immagini di multiplayer di massa, con grafica in 3D, in cui è possibile svolgere delle quest, chattare con altre persone mentre i rispettivi avatar passeggiano sullo schermo e magari interagiscono con degli emote. Fare dei gruppi o "party" di amici o giocatori casuali con i quali andare ad affrontare istanze e dungeon con mappe, mostri, loot e boss finali. Crescere i personaggi attraverso raccolta di XP, migliorare gli equipaggiamenti, le stat, le skill. Tutto questo (e molto di più) è da oggi possibile anche su dispositivi Apple grazie a Pocket Legends, che riesce a compiere il miracolo ed a portare sui nostri piccoli schermi l'esperienza di gioco, seppur con qualche limite, dei suoi fratelli maggiori tradizionalmente giocati su PC.

Destinati ad essere leggenda

Spacetime Studios aveva già da tempo annunciato il suo ambizioso progetto, ma nessuno gli aveva dato troppo credito considerato lo scetticismo generale sulla possibilità di offrire un vero e proprio MMO su una piattaforma mobile come quella di iPhone ed iPod Touch. Al suo rilascio tuttavia la maggior parte dei denigratori è stata costretta a ricredersi quando si è trovata nel taschino questo Pocket Legends che, seppur con qualche necessità di ritocco, riesce davvero a sorprendere. Fin dal primo momento è chiaro il sapore di titolo "massive", già da quando viene chiesto di creare un account e mandata una mail di verifica per la sua attivazione.

Eseguita la facile procedura si viene collegati ad un patch server che verifica la versione del client installato ed eventualmente la aggiorna. La schermata successiva ci permette di accedere ad uno dei sue server di gioco disponibili e di crearvi uno o più personaggi (per un massimo di due) con tre classi a nostra scelta fra mago, arciere e guerriero. Si nota subito la carenza di opzioni di personalizzazione del personaggio e la grafica cartoonesca che rende il gioco meno serioso. Scegliendo come prima cosa di visitare la "Towne", ossia il punto d'incontro di tutti i giocatori è subito ottimo l'impatto grafico, completamente in 3D, con texture più che discrete e fondali poligonali. Il tutto scorre fluido e senza intoppi anche con un ping del server altino, che sfiora i 280ms. Per dispositivi meno performanti è comunque possibile disattivare l'alta qualità delle texture e l'antialiasing. L'interfaccia è piuttosto chiara e fruibile: direzionale come di consueto in basso a sinistra, pozioni in basso a destra e nell'angolo l'icona di attaco di base che si può scegliere se attivare a colpo singolo o in auto-attack. Sopra di essa, nella parte destra dello schermo, si inseriranno le skill che verranno guadagnate avanzando di livello. In alto a sinistra c'è invece la barra di stato del personaggio sotto alla quale si visualizzeranno quelle degli altri eventuali membri del party. Accanto alla barra di stato principale compare infine l'icona a fumetto che permette di mandare messaggi predefiniti o di scriverne di personalizzati.
La schermata del personaggio, raggiungibile tappando il nome del proprio avatar, consente di accedere a sei diverse schede attraverso le quali aggiungere i punti alle stat guadagnati avanzando di livello, gestire l'inventario, assegnare punti alle varie skill guadagnate ed equipaggiarle, accedere allo store in-game, gestire una lista amici ed infine accedere al menu principale del gioco.
Per evitare di essere costretti a spostamenti che sarebbero potuti essere tediosi sulle piattaforme Apple si è scelto di permettere di accedere al cuore del gioco, ossia le missioni da svolgere in schemi istanziati in party, attraverso un menu dal quale è possibile scegliere se creare una partita, unirsi ad una già creata o anche hostarne di "chiuse", accessibili solo agli amici da noi stessi invitati. Le missioni prevedono la pulizia di una serie di aree in spazi aperti o dungeon in stile hack & slash con relativo drop di oggetti per potenziare armi ed armature dei personaggi oltre alla collezione di punti esperienza necessari per avanzare di livello.

E qui veniamo all'unica nota veramente dolente dell'applicazione, che è gratuita ma permette di proseguire solamente fino al raggiungimento del livello 12. Per poter procedere oltre è necessario acquistare altre missioni nello store in-app, al prezzo di 1,59 Euro ciascuna, che sono l'unico modo per riuscire ad avanzare nel gioco. Al momento sono disponibili quattro campagne aggiuntive, per un totale di 6,36 euro di spesa che in ogni caso sono un buon prezzo per un prodotto di questa fascia. Avremmo preferito però che la cosa fosse pubblicizzata all'acquisto piuttosto di scoprirla dopo aver giocato un certo numero di ore. Nell'in-app store è possibile acquistare anche una serie di potenziamenti non obbligatori.
Il gioco, in sintesi, offre intrattenimento piuttosto longevo con contenuti davvero vari e profondi e soprattutto appare tecnicamente davvero molto ben realizzato in tutti i suoi aspetti. Se siete disposti a spendere poco più di sei euro per avere un vero e proprio MMO sui vostri dispositivi avrete diverse ore di gioco garantite, rese sicuramente più piacevoli nell'eventualità in cui abbiate degli amici con cui giocare. In caso contrario è sempre possibile testare ampiamente il gioco per capire se si adatti al proprio gusto, almeno fino al livello 13.

La versione testata è la 1.0
Link App Store

Multiplayer.it

8.5

Lettori (5)

5.5

Il tuo voto

Pocket Legends è il primo vero e proprio MMO che sbarca su dispositivi Apple, riuscendo perfettamente nel suo lavoro. Il risultato è infatti un prodotto tecnicamente molto ben realizzato che permette di vivere l'esperienza di crescita e personalizzazione del proprio personaggio attraverso il gioco di squadra in istanze e dungeon in stile hack & slash. Comprensivo di lista amici per creare partite riservate ad un party personalizzato e di una serie di missioni accessibili da un semplice menu, il gioco è estremamente immediato ma senza perdere della profondità raggiungibile sulle piattaforme su cui si inserisce. Unica pecca: da tenere presente che le missioni dal livello 12 in poi sono da acquistare a parte, a pagamento.

PRO

  • Un vero e proprio MMO
  • Tecnicamente superbo
  • Skill e stat personalizzabili
  • Gratuito...

CONTRO

  • ...ma fino al livello 12
  • Cinque missioni di cui quattro a pagamento