WWE Smackdown vs Raw 2008 - Recensione  0

Finalmente possiamo "toccare con mano" le superstar della WWE, grazie alla versione Nintendo DS di Smackdown vs Raw 2008!

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   07/12/2007

Nel marasma di giocattoli importati in Italia in seguito al ritrovato successo del wrestling, magari qualcuno ricorderà quello che sembrava un "bassorilievo" di John Cena, contraddistinto da un ispiratissimo spot pubblicitario in cui un bambino accarezzava soddisfatto gli addominali e i pettorali del lottatore. Chissà perché, tale linea è stata ritirata quasi immediatamente dai negozi. Quello che fa riflettere non è tanto la genialità di determinati pubblicitari, dato che ci hanno abituato a ben altri capolavori, quanto il fatto che lo sport-spettacolo targato WWE abbia raggiunto livelli di popolarità tali da giustificare persino la commercializzazione di detti "bassorilievi". Da un estremo all'altro, è bastata una sciagura (che con il wrestling in sé ha ben poco a che fare) per cancellare tutto: trasmissione di Smackdown in chiaro, giocattoli, zaini, quaderni e quant'altro. E non è un caso che Chris Benoit non sia più disponibile fra i personaggi di Smackdown vs Raw...

Wrestling su misura

I prodotti multipiattaforma ci hanno abituato a un approccio "tradizionale" anche nel passaggio su una console atipica come il Nintendo DS, con risultati spesso mediocri: si cercava una riproduzione accurata laddove era difficile (se non impossibile) ottenerla. Con Smackdown vs Raw 2008 assistiamo dunque a una piccola rivoluzione, ovvero a un titolo che viene completamente ridisegnato per sposarsi con le peculiari caratteristiche del dispositivo su cui deve funzionare. Nella fattispecie, ciò si traduce in un'esperienza tutta nuova: scompaiono le decine di modalità presenti sugli altri sistemi e fanno posto a un'unica modalità carriera, ma è anche possibile disputare un incontro libero selezionandone i protagonisti e il tipo di stipulazione. Una volta iniziata la carriera, dovremo scegliere un personaggio tra i tantissimi disponibili, quindi ci troveremo a interpretare il ruolo di un lottatore che è appena rientrato da un lungo infortunio e ha voglia di imporsi rapidamente. Per farlo, non rinunceremo a cambiare roster (tra Raw, Smackdown ed ECW) per sconfiggere chiunque si frapponga tra noi e il titolo di Campione WWE. La trama che seguiremo è piuttosto semplice e lineare, e si sviluppa all'interno di vari ambienti: gli spogliatoi, la sala pesi, la mensa, la sala interviste e l'ufficio del general manager. Molto spesso potremo esplorare le location alla ricerca di gettoni utili per aumentare il nostro tempo libero fra un incontro e l'altro, tempo che potremo impiegare ad allenarci per migliorare le nostre caratteristiche. È chiaro, comunque, che a scandire il tempo e i progressi ci penserà l'azione sul ring...

Lottare con la stilo

Come funziona Smackdown vs Raw 2008 su Nintendo DS? Diciamo pure che il gioco non ha niente a che vedere con le versioni realizzate per tutte le altre console: una volta che ci si trova di fronte al proprio avversario, sono solo il touch screen e la nostra abilità nell'azionarlo a determinare l'esito di ogni fase dell'incontro. Sullo schermo appaiono tre icone di diverso tipo, che a seconda del colore (giallo, arancione, rosso) implicano una difficoltà maggiore per eseguire l'azione correlata. Quando si preme su una di esse, infatti, appaiono delle frecce che indicano il movimento che dovremo disegnare con la stilo perché la manovra vada a buon fine: nel caso dell'icona gialla, bisogna solo tracciare una linea perché il lottatore tiri un pugno o un calcio all'avversario; nel caso dell'icona arancione, in genere, si devono prima eseguire dei rapidi "tap" e solo in seguito seguire delle traiettorie; nel caso dell'icona rossa, infine, molto spesso bisogna non solo tracciare delle linee, ma anche riempire delle barre "a spirale" disegnando velocemente dei cerchi concentrici. Ne risultano mosse diverse a seconda della posizione in cui si trova il nostro personaggio nonché la zona del ring in cui si combatte, e nel caso delle manovre più complesse dovremo azzeccare le combinazioni più volte di seguito. Sullo schermo superiore è possibile tenere d'occhio la situazione dei due contendenti, perché la comparsa di zone molto danneggiate può darci la possibilità di eseguire la nostra "finisher" o semplicemente di effettuare un "pin" per il conteggio di tre: anche questa manovra viene regolata dal touch screen, nella fattispecie ci viene chiesto di eseguire dei "tap" rapidissimi perché l'avversario rimanga a terra.

Realizzazione tecnica

Per quanto concerne la grafica, gli sviluppatori del team Amaze hanno fatto davvero un ottimo lavoro, concentrando giustamente la potenza del Nintendo DS in uno solo dei due schermi. I risultati sono ottimi, con i lottatori che non raggiungono i livelli di somiglianza visti anche nella versione PSP ma ci vanno vicino, e soprattutto vantano un grandissimo numero di buone animazioni, incluse le caratteristiche entrate in scena. Il frame rate non cala praticamente mai, e gli scenari sono piuttosto ben fatti, con un buon livello di dettaglio e un pubblico non spettacolare ma di tutto rispetto. Il comparto sonoro è davvero ottimo, con tutte le musiche dei vari lottatori e una discreta quantità di parlato (gli annunciatori, nella fattispecie). Non c'è la colonna sonora firmata che contraddistingue da sempre la serie, ma non si tratta assolutamente di un problema, anzi ne guadagnano gli effetti sonori. Per quanto concerne il multiplayer, purtroppo il gioco non possiede una modalità online e permette di sfidare un amico solo se anche lui possiede una cartuccia: delle mancanze a cui sarebbe il caso di porre rimedio in vista dell'edizione 2009. La traduzione in Italiano, per concludere, purtroppo molto spesso si rivela approssimativa o addirittura si produce in errori grossolani (un nome anziché un altro).

Commento

È un piacere constatare che ogni tanto la logica puramente commerciale che domina sui prodotti multipiattaforma viene messa da parte per realizzare qualcosa di diverso e, a suo modo, di coraggioso. Smackdown vs Raw 2008 su Nintendo DS avrebbe riscosso un certo successo anche se gli sviluppatori si fossero limitati a creare una mera imitazione del gioco come lo conosciamo per le sue versioni "maggiori", ma non avrebbe sfruttato in alcun modo le particolarità della console Nintendo. Il risultato è un titolo assolutamente originale, una sorta di mix di tanti minigame che insieme costruiscono gli incontri. È chiaro che un approccio sperimentale porta con sé delle inevitabili magagne; in questo caso si tratta della totale mancanza di movimento nonché, in qualche modo, di "potere decisionale": siamo guidati dal gioco senza effettivamente condurlo, e se negli incontri standard tutto ciò assume un senso, lo stesso non si può dire quando una stipulazione speciale ci costringe a sottomettere l'avversario con una presa, perché non saremo noi a decidere quando e come effettuarla. In definitiva, ci troviamo di fronte a un gioco davvero interessante, che ci mostra una prospettiva differente e che non può evitare alcuni fisiologici "errori di gioventù". Per il prossimo anno ci aspettiamo l'introduzione del d-pad per i movimenti e una modalità online...

    Pro:
  • Decisamente innovativo
  • Grafica e sonoro ottimi
  • Un gran numero di lottatori e mosse...
    Contro:
  • ...ma una sola modalità di spessore
  • Gameplay limitato
  • Manca l'online