Il meglio dell'horror  58

Voglia di spaventi su PC? Ecco da dove iniziare

SPECIALE di Tommaso Pugliese   —   14/01/2013

Luci spente, un paio di cuffie e una dose di coraggio non indifferente: sono questi i requisiti minimi per godere al meglio di un videogame horror, che si tratti di un'avventura piena d'atmosfera e fasi "silenziose" oppure di un action game in cui orribili creature spuntano "dalle fottute pareti", con ripetuti colpi di scena in grado di farci letteralmente saltare dalla sedia. Dagli anni '90 a oggi, vediamo dunque quali sono i migliori rappresentanti di questo particolare filone, quali giochi meritano di essere ricordati come classici indiscutibili e quali invece si sono posti come sorprese inaspettate. Il nostro viaggio partirà dalla saga di Gabriel Knight fino ad arrivare al recente The Walking Dead, esplorando l'offerta di action game in terza persona come Dead Space, i first person shooter della serie F.E.A.R. e finanche produzioni indipendenti come l'eccellente Lone Survivor. Si tratta di una selezione molto limitata all'interno di un catalogo potenzialmente sterminato, ma se non sapete da dove partire i paragrafi sottostanti dovrebbero rappresentare un buon inizio.

Gabriel Knight: Sins of the Fathers

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 17 dicembre 1993

Difficile stilare una lista dei migliori giochi horror per PC senza citare un classico come Gabriel Knight: Sins of the Fathers, anche se chiaramente l'intera trilogia Sierra merita di essere recuperata dagli amanti del genere "punta e clicca".

La storia narrata è quella di Gabriel Knight, proprietario di una libreria e scrittore a tempo perso che approfitta di una serie di misteriosi omicidi per lanciarsi in una rocambolesca indagine, con l'obiettivo di trarre ispirazione per le sue opere. Ciò che invece scopre avvicinandosi al pericolo è che in realtà lui è l'ultimo rimasto di una stirpe di "cacciatori di ombre", e che gli eventi richiedono che prenda possesso e consapevolezza delle sue abilità innate prima che sia troppo tardi. Per rappresentare su schermo una storia così misteriosa e avvincente, gli sviluppatori hanno pensato bene di mettere a punto una struttura "a comparti" per i vari enigmi, con una serie di azioni da completare prima di poter passare alla fase successiva.

F.E.A.R.

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 18 ottobre 2005

F.E.A.R., acronimo di First Encounter Assault Recon, rappresenta ad oggi uno dei migliori esempi di first person shooter "puro" a sfondo horror. A differenza di Condemned: Criminal Origins, sviluppato anch'esso da Monolith, il gioco punta infatti sull'azione più che sull'atmosfera,

condendo coinvolgenti scontri a fuoco con una storyline che attinge a piene mani dalla tradizione dei film dell'orrore. Il protagonista è Point Man, membro della squadra d'assalto di cui sopra, che insieme ai suoi compagni deve dare la caccia al suo ex comandante, Paxton Fettel, improvvisamente uscito di senno e macchiatosi di alcuni crimini efferati. C'è però qualcosa che lega il "buono" e il "cattivo" di turno, nella fattispecie la misteriosa Alma Wade, e scoprire la verità sui personaggi rappresenta senza dubbio uno dei punti di forza del gioco. Solido, frenetico e terrificante al punto giusto, F.E.A.R. rappresenta un'ottima scelta per i fan del genere FPS che non disdegnano qualche brivido.

Condemned: Criminal Origins

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 13 aprile 2006

Ethan Thomas, agente FBI appartenente all'Unità Delitti Seriali, viene ingiustamente accusato di essere il Serial Killer X, autore di una serie di efferati omicidi, e si trova dunque nella posizione di dover fuggire dai suoi stessi colleghi,

nel tentativo di trovare delle prove che possano scagionarlo e, contemporaneamente, avvicinarsi al vero colpevole. La sua caccia nei bassifondi della città di Metro viene supportata solo da alcuni amici fidati, che continuano a fornirgli gli strumenti investigativi necessari per analizzare le scene del crimine in cui si imbatte e raccogliere indizi. L'esperienza di Condemned: Criminal Origins si presenta fin da subito intensa e profonda, arricchita da meccaniche che rendono interessanti le fasi esplorative e da tremendi colpi di scena, con spaventi improvvisi causati, ad esempio, dal nemico di turno che sbuca fuori da un armadio che stavamo per aprire alla ricerca di oggetti da raccogliere. Alta tensione, dunque, per un titolo che vale la pena di recuperare.

Dead Space

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 24 ottobre 2008

"Nello spazio nessuno può sentirti urlare", recitava la locandina di "Alien", ma qualcuno potrebbe effettivamente sentirvi gridare mentre giocate con Dead Space. Del resto l'action survival in terza persona sviluppato da Visceral Games ci catapulta in uno scenario da incubo,

un'enorme nave spaziale misteriosamente abbandonata a bordo della quale si annidano gli orribili Necromorfi, creature raccapriccianti e misteriose che possono essere fermate solo amputandogli gli arti. L'ingegnere Isaac Clarke approda sulla USG Ishimura quasi per caso, ma la sua diventa ben presto una lotta per la sopravvivenza, combattuta spesso e volentieri con armi improvvisate e sempre con il terrore che dietro un angolo o da una qualche parete spunti un nuovo mostro. Gli autori di Dead Space hanno saputo creare indubbiamente uno dei mix più riusciti di gameplay, tensione e impatto visivo degli ultimi anni, ponendo le basi per un franchise che si è subito imposto fra le migliori produzioni tripla A di Electronic Arts e che a breve vedrà l'uscita del terzo episodio.

Amnesia: The Dark Descent

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dall'8 settembre 2010

Survival horror in prima persona, Amnesia: The Dark Descent si pone ancora oggi come una delle produzioni più coinvolgenti nel panorama PC per i patiti del terrore.

Nel gioco vestiamo i panni di Daniel, un uomo che si risveglia fra le mura del castello di Brennenburg senza sapere come ci sia capitato né cosa sia accaduto in precedenza. L'espediente dell'amnesia, motivo conduttore del titolo sviluppato da Frictional Games, viene sfruttato in maniera non banale, al servizio di fasi esplorative che per tutta la durata dell'avventura sono caratterizzate da una grande atmosfera e da colpi di scena incredibilmente intensi, capaci di farci letteralmente saltare dalla sedia. Fra i limiti di Amnesia citiamo senza dubbio lo scarso grado di interazione di alcuni momenti e una sfida non sempre all'altezza delle aspettative, ma si tratta di difetti ampiamente controbilanciati dalla qualità della narrazione e dalla solidità del gameplay, versione riveduta e corretta dell'esperienza che già avevamo apprezzato con i due episodi di Penumbra.

Lone Survivor

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 27 marzo 2012

Eccellente rappresentante della scena indie per quanto concerne le produzioni horror, Lone Survivor è stato realizzato da un team composto da un'unica persona, Jasper Byrne, e ci mette nei panni di You, un ragazzo che si risveglia misteriosamente all'interno di un residence infestato da creature molto simili ai morti viventi.

Nel tentativo di rimettere insieme i pezzi della propria memoria, il protagonista del gioco si trova a esplorare l'edificio in un'oscurità pressoché totale, cercando di limitare al minimo l'uso della torcia e delle eventuali armi per evitare i mostri o eliminarli. Il gameplay viene arricchito da un gran numero di elementi, dall'alto grado di interazione con l'ambiente all'andamento dinamico dell'avventura, il cui corso cambia a seconda dell'esito dei dialoghi con gli altri personaggi; dalla necessità di sfamarsi e dormire alla possibilità di sviare l'attenzione dei nemici grazie a delle esche, e così via. Il tutto è stato confezionato con una cura e un'attenzione ai dettagli encomiabile, per un'esperienza che merita davvero di essere vissuta.

The Walking Dead

Tutte le informazioni sul gioco
Disponibile dal 25 aprile 2012

Certamente fra le più belle sorprese del 2012, The Walking Dead ha il grande merito di spingere la narrazione videoludica oltre gli standard a cui siamo abituati, partendo da un franchise popolare come quello del fumetto creato da Robert Kirkman per la Image Comics e presentandoci una serie di personaggi convincenti,

accattivanti e terribilmente plausibili, che si trovano tutti a condividere una situazione di pura emergenza mentre le strade vengono misteriosamente invase dagli zombie. Sopravvissuto a un'incidente d'auto mentre veniva scortato verso il carcere, Lee Everett incontra ben presto alcuni compagni d'avventura, interagendo con loro tramite dialoghi che andranno a caratterizzare non solo il suo profilo ma il suo stesso background, e affrontando avvenimenti spaventosi, che lo porteranno spesso a fare scelte molto difficili, a sacrificare una vita piuttosto che un'altra, con tutte le conseguenze del caso. Avventura appassionante e molto ben diretta, The Walking Dead rappresenta un must per gli appassionati del genere.

Spaventi futuri

Dead Space 3 è senza dubbio uno degli horror game più attesi dell'anno appena iniziato, ma non è certamente l'unico. La nuova (dis)avventura di Isaac Clarke verrà infatti accompagnata da produzioni sulla carta promettenti e originali, come Among the Sleep, in cui vestiamo i panni nientemeno che di un bambino che si ritrova da solo in casa mentre si verificano alcuni eventi spaventosi. Oppure Amnesia: A Machine for Pigs, sequel ideale del celebre The Dark Descent, caratterizzato da un'atmosfera "malata" e pronto a dimostrare cosa i Frictional Games, nelle vesti di produttori, sanno fare con lo sviluppatore TheChineseRoom, già noto per il particolarissimo Dear Esther. Non dimentichiamoci inoltre di DARK, un interessante action RPG in prima persona dominato appunto dal buio, tanto che in varie fasi dell'azione ci troveremo a utilizzare un visore notturno, ma soprattutto di quel Project Zwei che promette di sancire il ritorno dei survival horror in stile Resident Evil e che, non a caso, può contare sul supporto di Shinji Mikami.