Il vecchio che avanza!  9

Lunar torna su PSP con il remake del bellissimo primo capitolo, nostalgia al potere!

ANTEPRIMA di Massimo Reina   —   12/10/2009

Un altro rifacimento di un classico del genere GDR giapponese si appresta a vedere la luce su PlayStation Portable. Si tratta di Lunar: Harmony of the Silver Star, remake, appunto, proprio di uno dei titoli di punta di qualche anno fa del settore, uscito a inizio anni '90 su MegaCD e riproposto successivamente su altre piattaforme quali SEGA Saturn e PlayStation.

Il gioco, sviluppato da Game Arts (gli stessi di Grandia, dei vari Lunar o Project Sylpheed) è un classico gioco di ruolo di stampo prettamente nipponico caratterizzato da combattimenti a turni, magie, level-up e una storia solo all'apparenza semplicistica. Il tutto condito da alcune nuove feature che dovrebbero migliorare il prodotto rispetto al titolo originale da cui trae origine e non solo dal punto di vista della forma.
La trama per esempio è stata arricchita da nuovi particolari che ne approfondiscono i vari risvolti grazie anche alla presenza di scenari inediti che sono stati inseriti dagli sviluppatori proprio in funzione di quanto appena descritto e non solo quindi per allungare il brodo. La storia attorno alla quale ruota l'intera avventura narra le vicende del giovane Alex che vive in un piccolo villaggio del mondo di Lunar e ha un grande desiderio: diventare un Dragonmaster come il suo idolo, Dyne. Inseguendo proprio il suo sogno un giorno il giovane si allontana dalla sua abitazione con sua sorella adottiva Luna e il fedele amico di infanzia Ramus, ma quella che doveva essere una quasi insignificante, semplice avventura, diventa a loro insaputa il primo passo verso un lungo viaggio epico che li condurrà ad affrontare molteplici insidie con il destino del mondo intero in gioco, minacciato dal perfido Magic Emperor.

La migliore edizione

La prima cosa che salta all'occhio una volta iniziato a giocare, almeno guardando i video fino a ora rilasciati da Game Arts, è il comparto grafico: Lunar: Harmony of the Silver Star presenta un nuovo motore grafico che sfrutta abbastanza bene le caratteristiche hardware della PSP. I personaggi sono stati ridisegnati e sono molto curati in ogni particolare. Anche le loro dimensioni sono aumentate. Ogni cosa appare nitida sullo schermo e caratterizzata da colori vividi e variegati. Inoltre gli scenari sono più dettagliati che in passato.

Stesso discorso per le visuali, gli effetti in battaglia (magie e mosse speciali), le scenette di intermezzo adesso affidate a segmenti in stile anime, gli avatar dei personaggi e i menù. Questi ultimi sono stati rifatti da zero e oltre a risultare di facile consultazione e visivamente "puliti", adesso appaiono più immediati e funzionali. Per esempio è possibile sfruttarli per recarsi in un determinato luogo senza bisogno di camminare sulla World Map. Basta selezionare una locazione che si vuole esplorare direttamente lì e si viene proiettati nel posto scelto.
Anche la colonna sonora ha subito un certo restyling per renderla più "appetibile" al pubblico di oggi. Tra l'altro per i fan della serie più accaniti sarà disponibile al lancio del prodotto in Giappone (12 Novembre 2009) una edizione limitata contenete tra le altre cose un piccolo bonus, e cioè i brani Wind's Nocturne 2009 e Tsu Ba Sa 2009 inclusi nel pack. Diverso il discorso per il battle system che di cambiamenti ne ha subiti davvero pochi. Ma per certi versi forse è meglio così visto che comunque di base non era male. I nemici, visibili su schermo, sembrano dotati di una buona Intelligenza Artificiale che tra le altre cose si adatta all'evolvere della storia e del livello dei personaggi guidati dal giocatore, come logica impone in questi casi.


Di conseguenza i combattimenti risultano strategicamente validi e via via sempre più interessanti, specie con certi Boss in determinate aree. Inoltre la mappatura dei comandi sui pulsanti della PSP sembra, dai filmati visti, imprimere agli scontri una certa velocità, per via della rapidità con cui è possibile fare eseguire le varie azioni ai propri membri del party. Da quanto visto fino a ora, insomma, Lunar: Harmony of the Silver Star appare essere la migliore edizione disponibile di questo gioco. Non ci resta quindi che aspettare una versione giocabile del prodotto per trarre le giuste conclusioni ed avere eventualmente conferma di tutto ciò.

CERTEZZE

  • Grafica 2D di ottima fattura
  • Miglioramenti generali per un gameplay più fluido

DUBBI

  • Gameplay "antiquato"
  • E' pur sempre un remake