NBA Live 2002  0

Dopo aver imperversato su tutte le console esistenri, da dieci anni a questa parte, la saga cestistica made in EA è pronta per sbarcare sulle nostre XBox.

ANTEPRIMA di La Redazione  —   29/10/2001

Le modalità di gioco

La schermata principale ci mostrerà sei modalità di gioco: play now, season, playoff, one-on-one, practice e franchise. La prima consiste in una sfida immediata, dove ci basterà scegliere la nostra squadra per iniziare un singolo match, in pratica è il classico exibition mode. La modalità season permette al giocatore di disputare un intero campionato NBA, composto da 82 partite. Se invece non avete il tempo e la voglia per disputare l'intera regular season, ma volete subito ambire al titolo ecco la modalità che fà per voi, ovviamente il playoff mode. Una delle modalità più spassose è sicuramente questo one-on-one in cui potrete sfidare il computer o un vostro amico in divertentissime garein amvientati in playground e non con la possibilità di utilizzare anche cestisti leggendari come..ehm meglio non rovinarvi la sorpresa :-).
La verà novita è l'introduzione di questo franchise mode che vi permetterà di giocare o meno focalizzando la vostra attenzione sull'aspetto manageriale. Avrete un contratto da General Manager di un team NBA per 10 anni e il vostro compito sarà quello di pescare talentuosi collegiali nei drafts, di scambiare giocatori con altri teams, rispettare il salary cup e altro ancora.

Steve Francis sarà il testimonial di NBA Live 2002

La grafica del gioco sembra migliorata rispetto alla controparte per PS2. Grazie all'ottimo sistema di inquadrature (arrichitosi per questa edizione di una nuova visuale denominata "Jam and Swat camera" adatta per apprezzare al meglio la velocità di gioco) potremo notare molti microdettagli che contraddistinguono i players, ad esempio il taglio dei capelli, i tatuaggi presenti sul corpo, eventuali polsini o bandane e così via. Per questa edizione i programmatori hanno realizzato il Motion Capture basandosi sulla superstar degli Houston Rockets, Steve Francis che sarà anche il testimonial sulle cover del gioco. I programmatori hanno promesso l'implementazione di 30 nuove slam-dunk ognuna associata a un tipo di celebrazione diversa per ricreare il vero clima della NBA.

Sistema di controllo!!

Uno degli aspetti che mi ha maggiormente colpito è l'iniziale osticità del sistema di controllo. Dovrete allenarvi prima di prendere confidenza con tutti i tasti del pad, proprio perchè ognuno ha una sua funzione in questo gioco, anche il tasto select. Per quanto riguarda il controllo tramite analogico o d-pad la risposta è immediata e vi permetterà di eseguire alla perfezione splendidi alley-opp (eseguibili con il tasto bianco sul pad e selezionando il giocatore) o spettacolari cross-over (eseguibili premendo in successione il tasto x e i bottoni scuri, ognuno abbinato a una "americanata").

MJ is back

Da amante delle simulazioni cestiche attendo con impazienza l'uscita di questo gioco, prevista per Dicembre anche per poter confrontare le due versioni PS2-XBox. Nel frattempo vi dò un consiglio: correte a guardare il campionato NBA dove stà per ridebuttare per la terza volta Michael "Air" Jordan, purtroppo con una casacca diversa da quella dei Chicago Bulls! Chissà se in NBA Live 2002 sarà selezionabile..la risposta alla mia prossima recensione.

Attenzione EA stà per sbarcare su XBox

Console che esce titoli sportivi EA che trovi. Con l’arrivo dell’inverno la software house americana inizia a sfoderare la sua line-up sportiva che da quasi un decennio continua inesorabilmente a mietere milioni di fan, nonostante l’agguerrita concorrenza. Da quest’anno con l’introduzione sul mercato della console targata Microsoft l’EA spera di portare le sue svariate simulazioni sportive ai massimi livelli di realismo e come incominciare, se non con il suo pluridecorato NBA LIVE, giunto all’incarnazione 2002.