Boogie DS - Recensione  0

Dopo le versioni casalinghe Boogie arriva su DS. Siete pronti a ballare col pennino in mano?

RECENSIONE di Alessandro Pomili —  10 Gennaio 2008

Boogie è un gioco musicale che nasce dall'impostazione di base di tanti altri giochi del genere, ma ne rende più aperta la struttura in modo da venire incontro anche ai giocatori meno avvezzi al genere. Come in tutti i giochi di ballo si tratta di eseguire dei passi di danza mediante l’immissione di un input, che sia esso inviato tramite tappetino, bottoni o altri sistemi. La differenza principale è che in Boogie non siete costretti a rispettare i passi imposti dal gioco, ma potrete deciderei voi quale comando fornire, l’importante è sempre andare a tempo. In Boogie per DS in verità ci sono tre modi diversi di affrontare la partita e li andiamo a scoprire subito

Da Wii a DS

Sebbene i due hardware siano imparagonabili sia per prestazioni che per le interfacce, le due versione del gioco sono piuttosto simili per contenuti e stile. Molte delle canzoni sono le stesse, il design grafico anche, e quindi pure i personaggi. Su DS è sparita la modalità karaoke, e sono stati aggiunti i nuovi stili di ballo oltre al Freestyle, unica modalità della versione Wii. Anche i difetti della versione casalinga comunque sono stati riportati nella edizione per DS. Non sono bastati i nuovi stili di gioco e i minigiochi introdotti durante la performance per spezzare la noia e aggiungere sfida durante la partita. Come su Wii tanto per DS il difetto maggiore di Boogie è il disinteresse per quello che accade a schermo, che assomiglia più ad un semplice passatempo che non a qualcosa di realmente trascinante. Boogie non ha la scintilla di Elite Beat Agency, e non ha nemmeno il fascino classico dei Dance Dance di Konami. E’ qualcosa di più semplice, sicuramente più accessibile, ma allo stesso tempo meno divertente e più ripetitivo. In effetti il fatto di non avere passaggi espressamente programmati in base alla musica, rende le partite tutte uguali dall’inizio alla fine e dalla prima all’ultima. I tanti minigiochi che si alternano durante il ballo (tutti piuttosto semplici come toccare un punto dello schermo, disegnare alcune figure, o far scorrere il pennino nella direzione consigliata) non cambiano il risultato, e alla fine quello che abbiamo in mano è una copia tascabile degli stessi errori su Wii.

Commento

Boogie per DS non è un gioco brutto o trascurato, è realizzato con cura sia per quanto riguarda la presentazione che per quanto riguarda il rilevamento del pennino, eccetto qualche imprecisione comunque presente. Anche le tracce audio sono state scelte con attenzione, tuttavia il gioco non riesce a soddisfare pienamente il giocatore che si annoierà presto davanti agli schermi del portatile e probabilmente lo accontenterà dopo poche partite. Il motivo va ricercato in un livello di sfida basso, legato solamente ai punteggi, e ad un sistema di gioco ripetitivo ed elementare. Le aggiunte per DS non cambiano la situazione, e nemmeno gli occhialini 3D ancora una volta in bundle col gioco, e che sembrano essere diventati un marchio di riconoscimento sono utili a rendere il tutto più appagante.

Pro

  • Realizzato con la dovuta cura
  • Lista dei brani efficace
Contro
  • Privo di sfida
  • Ripetitivo
  • Poco appassionante

Boogie è disponibile per Nintendo DS, Nintendo Wii e PlayStation 2.
La versione testata è quella per Nintendo DS.

Boogland

Innanzitutto in Boogie i passi di danza vanno eseguiti per mezzo del pennino, ovvero sarà sufficiente disegnare una retta in una delle 8 direzioni possibili (sono considerate anche le diagonali). In aggiunta con un veloce tap sullo schermo avremo a disposizione un ulteriore passo, ovvero un salto sul posto. Le frecce direzionali (o i tasti per i mancini) serviranno per spostarsi sul palco e per girare fronte/spalle il personaggio. Nella modalità carriera sceglierete un personaggio e quindi vi sposterete in una mappa alla ricerca di nuovi palchi per nuove esibizioni nel mondo di Boogland, accompagnati di tanto in tanto da diverse righe di storia più fastidiose che interessanti. Una volta arrivati a destinazione potrete decidere oltre alla canzone sulla quale esibirvi quale tipo di partita affrontare, ovvero “Pappagallo”, “Freestyle”, o “Coreografia”. Nella prima modalità dovrete eseguire i passi che vi verranno indicati a schermo, fino ad un massimo di 4 alla volta, mentre il metronomo ai lati dell’interfaccia scandirà il tempo in verità piuttosto udibile anche ad orecchio grazie agli azzeccati brani musicali. La modalità “Freestyle” come dice il nome vi lascerà liberi di fare come volete, l’importante, oltre ad andare a ritmo, è non ripetersi pena il decurtamento del punteggio assegnato al passo. Coreografia è simile alle modalità degli altri giochi di ballo, le icone scorreranno in serie fino ad un indicatore, che sancirà il momento in cui dovrete eseguire il comando. Oltre alla modalità principale Boogie DS permette di giocare una partita singola, di personalizzare i personaggi con gli indumenti sbloccati e con i disegni che potete effettuare con l'editor, e di giocare in multiplayer anche con una sola cartuccia.