Snail Games Obox e W 3D 90

Al CES 2015 abbiamo testato una nuova console Android

SPECIALE di Marco Consoli —   05/01/2015

Il Consumer Electronic Show di Las Vegas, storicamente, non dà molto spazio al gaming: per le novità più succose c'è sempre l'E3 di Los Angeles. Eppure a sorpresa tra le chicche dell'anteprima dello show che si apre ufficialmente domani ecco spuntare una console per i videogiochi, seppure per piattaforma Android. A presentare la Obox, che fin dal nome e dalla scocca nera con finiture e led verde ricorda la primissima Xbox di Microsoft, è stata Snail Games, società cinese specializzata in giochi free-to-play, come l'MMO Age of Wushu e come King of Wushu, che lo scorso dicembre è arrivato anche su PlayStation 4.

Due interessanti prodotti per i giocatori mobile dalla compagnia cinese Snail Games

Giocare fino a 4K

La console permette di trasportare su una TV con risoluzione fino a 4K qualsiasi gioco per Android Kit KAt 4.4, consentendo l'upscale in caso di risoluzioni inferiori. La seppure breve prova dal vivo, data la ressa di giornalisti presenti, si è rivelata sorprendente, anche perché la console supporta il 3D (basta collegarla a un televisore 3D e il gioco è fatto) e si accompagna ad un ottimo joypad che funziona lungo nove assi, per mezzo degli accelerometri interni, e quindi oltre che come classico controller per il gaming può essere utilizzato con una certa accuratezza anche come mouse/puntatore a mezz'aria. Grazie al processore Nvidia K1, ai 4GB di Ram e all'hard disk integrato (a scelta da 500 GB a 4 TB) e al suo design modulare che permetterà di eseguire un upgrade dei singoli componenti, Obox consentirà di giocare qualsiasi videogioco nello splendore di uno schermo da 42 pollici anziché sul display striminzito del proprio telefono o tablet. Da non sottovalutare anche l'audio che supporta sia il surround che il 5.1.

Affatto avara di sorprese Snail Games allo stesso stand ha presentato anche W 3D, il suo nuovo smartphone pensato per i giocatori, al punto tale che a guardarlo ci è venuta la perplessità che fosse un clone della PlayStation Vita o della PSP se preferite, piuttosto che un telefono. Impugnato orizzontalmente infatti presenta la classica interfaccia che ti aspetteresti in una console portatile: le due levette per i movimenti, il D-Pad e i quattro pulsanti proprio in stile Sony.

Il display da 5,5 pollici ci è sembrato funzionare bene, con la sua risoluzione Full HD pari a 1080p e soprattutto ci ha strabiliato col suo sistema 3D senza bisogno di indossare occhialini che, a differenza dell'originale Nintendo 3DS, mantiene l'efficacia dell'effetto di profondità qualsiasi sia il movimento di rotazione laterale rispetto ai vostri occhi impresso involontariamente alla console quando la si tiene in mano a lungo. Il miracolo è reso possibile dalla presenza di una minuscola telecamera a infrarossi che è in grado di eseguire il tracking degli occhi e di inviare l'informazione video per ciascuno dei propri occhi, garantendo così la visione senza perdita di informazioni in un angolo di visuale che può arrivare anche a 70 gradi di inclinazione rispetto alla vista. Naturalmente bisogna valutare quanto durerà la batteria, ma il risultato visivo con i video (che devono essere 3D nativi) e i videogame (che dovrebbero poter essere convertiti da 2D a 3D) è davvero stupefacente per brillantezza e stabilità dell'immagine. Il lancio avverrà probabilmente entro la primavera in Cina, dove milioni di persone giocano ogni mese i videogame di Snail Games (che da PC saranno trasportati presto su queste nuove console), mentre più avanti durante l'anno dovrebbe avvenire anche negli Usa. Il prezzo dovrebbe essere compreso tra 99 e 499 dollari, range che dipenderà per quanto riguarda la Obox soprattutto dalla configurazione prescelta.