[GC 2008] Wanted - Anteprima  6

Una delle poche novità di Lipsia rispetto all'E3 è il tie-in del recente film Wanted.

ANTEPRIMA di Fabio Palmisano   —   24/08/2008

Tra i titoli più chiacchierati presentati al Comic Con di qualche settimana fa, Wanted è un action game che si ispira all'omonimo film con Angelina Jolie e James McAvoy, a sua volta tratto da un fumetto di culto: diversamente dai soliti tie-in, però, il prodotto Warner sembra avere qualche freccia in più al proprio arco, vediamo di che si tratta.

Il gioco è sviluppato dal team Grin, gli stessi di Bionic Commando (titolo con il quale condivide il motore grafico, potenziato per l'occasione), non ha ancora una data d'uscita precisa ma ci ha impressionato in maniera molto favorevole, candidandosi come uno degli action game da tenere d'occhio nei prossimi mesi. L'azione prende piede dopo gli eventi narrati nel film, e vedrà impegnati Wesley e Cross in una serie di missioni dalle ambientazioni più disparate: la demo mostrataci, ad esempio, aveva luogo su un aereo in volo, assalito da un gruppo di sicari che avevano ucciso tutti i passeggeri. Wesley doveva dunque muoversi fra i corridoi dell'aeromobile, dando sfoggio peraltro di un cover system molto dinamico: oltre a poter usare oggetti mobili e nemici come scudi, il nostro eroe poteva passare con agilità da un riparo all'altro, scegliendo se farlo in maniera rapida o se sfruttare il momento per sparare qualche colpo. Ovviamente, grande enfasi è stata posta sulla spettacolarizzazione degli scontri, da realizzarsi anzitutto con la presenza di un'immancabile modalità bullet time e di brevi ma esaltanti sequenze che accompagnano l'esecuzione di mortali mosse corpo a corpo con il coltello. Piatto forte in tal senso però -come nel film- sta nella possibilità da parte dei protagonisti di sparare proiettili lungo traiettorie curve, di modo da colpire nemici posizionati dietro a degli ostacoli: un sistema che pare esaltante dal punto di vista del gameplay e pure comodo da usare, visto che è sufficiente premere il dorsale destro e selezionare il tragitto da far compiere alla pallottola. Inoltre, nel caso in cui il personaggio impugni due armi contemporaneamente, è possibile lanciare due curved bullets in simultanea, le quali colpiscono il bersaglio sortendo l'effetto di una piccola granata.

Come è evidente, le buone idee non sembrano affatto mancare al prodotto Warner, il quale sembra abbinare un struttura solida con una buona varietà di gradevoli elementi di contorno: è il caso dell'ottima interattività con gli scenari (sull'aereo era perfino possibile sparare ai portelloni, che si staccavano risucchiando via i nemici circostanti, il tutto mentre le mascherine d'ossigeno cadevano dagli appositi scomparti), dei copiosi schizzi di sangue che progressivamente macchiano gli abiti di Wesley e di un HUD a scomparsa ridotto all'osso e che evita dunque di appesantire eccessivamente la schermata di gioco. Molto convincente anche l'IA degli avversari, che abbiamo visto comunicare tra loro al fine di elaborare delle strategie per tentare di stanare il protagonista dal proprio riparo. Assolutamente da menzionare anche la notevolissima cosmesi del prodotto: l'ambientazione che abbiamo visto era estremamente dettagliata e dotata di ottime texture, mentre i modelli poligonali dei personaggi apparivano solidi e ben definiti, anche se c'è ancora un po' di lavoro da fare sul fronte delle animazioni. Wanted ci ha dato poi la piacevole impressione di essere un action game “rigoroso”, grazie anche alle (colorite) parole del producer, il quale ha sottolineato come nel prodotto finale non ci saranno sezioni di guida, multiplayer e divertissement vari appunto per non rischiare di abbassare lo standard qualitativo lungo il corso dell'avventura. Riguardo alla fedeltà nei confronti delle opere da cui è tratto, ci è stato spiegato come Wanted prenderà i personaggi ed alcune caratteristiche tipiche del film, aggiungendo però al tutto il mood estremo del fumetto, che come ben sapranno gli appassionati, è molto distante dalla versione per il grande schermo. Il gioco, per ammissione stessa del producer, uscirà “when it's done” per Xbox 360, PlayStation 3 e PC, e sarebbe davvero un errore sottovalutarlo...