Crytek: gli utenti console non rispettano lo sviluppo  137

Ci vorrebbe più calma

NOTIZIA di Ludovica Lagomarsino —   16/04/2010

Cervat Yerli, CEO di Crytek, ha fatto dichiarazioni rivolte agli utenti console, evidentemente con l'intento di farli riflettere parlando della differenza rispetto agli utenti PC affermando che i primi siano estremi nel loro giudizio e che non rispettano alcun valore che venga posto nel proprio lavoro di sviluppo, indipendentemente dal fatto se poi il titolo funzioni o meno. Yerli fa riferimento anche alla fortissima pressione a cui il team è stato sottoposto nello sviluppo di Crysis 2 e sostanzialmente rivela di desiderare che gli utenti console abbiano più pazienza e rispetto del lavoro svolto dagli sviluppatori. Noi concordiamo con il fatto che il lavoro degli altri debba sempre essere rispettato.