Nintendo Switch, per gli studi indie è la miglior console su cui lavorare 24

Luc Bernard di Arcade Distillery spiega che Nintendo ha snellito notevolmente le procedure di verifica e approvazione dei giochi

NOTIZIA di Davide Spotti —   10/10/2018

In questi primi sedici mesi di presenza sul mercato, Nintendo Switch è diventata di gran lunga la console più apprezzata dagli studi indipendenti.

Un gradimento che si riflette anche nelle vendite, generalmente migliori sull'ibrida Nintendo rispetto alle altre piattaforme di riferimento. In una recente intervista pubblicata da Twinfinite, Luc Bernard di Arcade Distillery (Plague Road, Mecho Tales e Kitten Squad) ha spiegato che le procedure per il rilascio di un titolo su Switch sono più semplici e immediate.

"Ogni piattaforma ha un proprio insieme di regole e passaggi per l'approvazione dei titoli. Il più semplice finora è stato su Switch. Non posso entrare nello specifico a causa degli accordi di non divulgazione, ma si tratta del più immediato", ha raccontato Bernard.

"Sono rapidi con le e-mail e facili da reperire. Nintendo è cambiata radicalmente. Sostanzialmente sono diventati com'era Sony anni fa. Sony era al culmine della scena indie e adesso è diventata una sorta di Nintendo".

Il supporto di Nintendo nei confronti della scena indipendente - si pensi al catalogo dei Nindies - è quindi diventato un fattore centrale della rinnovata strategia di mercato dell'azienda giapponese. Proprio per mettere in pratica questo obiettivo, la casa di Kyoto ha semplificato notevolmente la vita degli studi più piccoli dal punto di vista organizzativo e burocratico. "Adesso so come lavorare con tutti loro, ma PlayStation non è user-friendly. È tutto quello che mi è concesso dire", ha concluso Barnard.

Voi che ne pensate della nuova politica di Nintendo nei confronti dei giochi indipendenti? Fatecelo sapere nei commenti!