Passato remoto

Inti Creates continua a rendere omaggio a Mega Man con un gioco per i veri fan del vintage

RECENSIONE di Christian Colli   —   13/04/2015
2

Chiunque abbia acquistato l'ottimo Azure Striker Gunvolt - che abbiamo recensito giusto qualche giorno fa - può scaricare gratuitamente anche Mighty Gunvolt, un giochino decisamente particolare che Inti Creates ha sviluppato in collaborazione con la Comcept di Keiji Inafune, il papà di Mega Man che al momento è impegnato sul suo Might No. 9. I due titoli non si assomigliano per puro caso. Mighty Gunvolt, infatti, non è un vero e proprio gioco stand-alone, ma una sorta di spin-off/crossover che rievoca le atmosfere di Azure Striker Gunvolt in un contesto decisamente old-school, un sincero omaggio all'epoca dei Mega Man a 8-bit tanto cara alle due software house. Il che, neanche a dirlo, lo rende più adatto ai nostalgici che ai nuovi giocatori.

Mighty Gunvolt è cortissimo, ma è una vera e propria lettera d'amore all'indimenticabile era 8-bit

Big Hero 3

Passato remoto

Tutto in Mighty Gunvolt ricorda i giochi che hanno plasmato un'intera generazione: la grafica essenziale ma colorata, le musichette orecchiabili ma ripetitive, l'aspect ratio dell'immagine sullo schermo superiore, l'illustrazione sullo schermo inferiore che spiega sinteticamente il sistema di controllo come fosse la paginetta di un vecchio manuale di istruzioni, il punteggio per i maniaci della competizione, le scarne videate che separano i livelli gli uni dagli altri, e via dicendo. Persino la storia raccontata - lentissimamente, peraltro - è praticamente incomprensibile: ha qualcosa a che fare con i giovani studenti e il controllo mentale esercitato da una malvagia compagnia, ma i testi in inglese sono talmente pieni di strafalcioni ed errori grammaticali che è difficile farsene una ragione, anche perché sono totalmente volontari e cercano di ricordarci un'era in cui il budget per la localizzazione dei videogiochi era estremamente ridotto. Dicevamo che Mighty Gunvolt è uno spin-off/crossover perché, in effetti, il giocatore non è costretto solo nei panni del protagonista Gunvolt, ma può scegliere di impersonare anche la simpatica Ekoro di Gal☆Gun e Beck, il robotico eroe di quel Mighty No. 9 che ancora neanche è uscito. I tre personaggi si controllano in modo leggermente diverso: Gunvolt può compiere un doppio salto e proiettare una scarica elettrica direzionabile; Ekoro può caricare un colpo potente e fluttuare a mezz'aria come la principessa Peach di Super Mario Bros. 2; Beck, infine, può scivolare e infilarsi in passaggi più stretti, nonché colpire i nemici con una potente spallata.

Passato remoto

A prescindere dal personaggio scelto, i cinque stage che compongono l'avventura sono i medesimi, e la possibilità di attraversare certi passaggi preclusi agli altri eroi non cambia in alcun modo lo sviluppo orizzontale e verticale del livello. L'esperienza, insomma, è decisamente lineare, e in termini di level design i cinque stage di Mighty Gunvolt non sorprendono certo, anche perché chiunque abbia giocato almeno un Mega Man su NES riconoscerà subito le scale, le piattaforme mobili e le spine acuminate che abbiamo visto tante volte nei giochi firmati Capcom. Ogni stage, poi, si conclude col canonico boss finale, magari strappato ad Azure Striker Gunvolt e proiettato in un contesto 8-bit: Inti Creates è riuscita a progettare dei combattimenti tutto sommato divertenti e frenetici, anche se il grado di difficoltà di Mighty Gunvolt è tarato decisamente verso il basso. Per completare la campagna con un personaggio qualsiasi, in effetti, bastano venti minuti scarsi, e anche di meno una volta che si sono imparati i pattern dei pochi nemici e i percorsi più convenienti. La longevità non è certo il punto di forza di questa produzione, e lo dimostrano anche i vari DLC che Inti Creates ha preparato sotto forma di stage aggiuntivi e boss provenienti anche da Gal☆Gun e Mighty No. 9, ma è un difetto abbastanza trascurabile dato che si tratta di un divertissement gratuito per chi ha comprato Azure Striker Gunvolt.

Commento

Digital Delivery Nintendo eShop
Multiplayer.it

6.5

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Se Azure Striker Gunvolt è stato concepito per rievocare Mega Man X e i suoi spin-off a 16/32-bit, Mighty Gunvolt è una lettera d'amore ai fan dei Mega Man a 8-bit e dei giochi d'azione a basso budget dell'era NES, come a dire "non ci siamo dimenticati di voi". Si tratta, tutto sommato, di un giochino abbastanza mediocre e davvero corto, che però è riuscito a farci sorridere più di una volta grazie all'intelligenza con cui Inti Creates ha curato sia le caratteristiche migliori sia quelle peggiori per ricordarci com'erano i giochi di una volta. Lo consigliamo ai nostalgici, insomma.

PRO

  • È gratis se comprate Azure Striker Gunvolt
  • Tante chicche per i nostalgici
CONTRO
  • Cortissimo
  • Level design poco ispirato