Guinness World Records - Recensione  9

Avete sempre avuto voglia di essere una delle incredibili persone che fanno parte del Guinnes dei Primati? Da oggi potete calarvi nei loro panni, grazie a Nintendo DS e Wii!

RECENSIONE di Claudio Camboni —   06/01/2009

Il grande successo avuto da Nintendo Wii tra i giocatori occasionali e addirittura chi nemmeno aveva mai acceso una console in vita propria ha creato in breve tempo una lunga e nutrita schiera di software facile da utilizzare, veloce, immediato e divertente per chiunque. I cosiddetti "party game" prolificano come non mai grazie all'intuitivo sistema di controllo di Wii, alla portata di tutta la famiglia, tanto che praticamente ogni software house ha creato una propria linea dedicata a questo genere di intrattenimento. Gli sviluppatori di LEGO Star Wars II, gli inglesi dello studio TT (branca dei piu' famosi Traveller's Tales) ha creato il videogioco ufficiale del Guinness dei Primati, titolo che ci vede vestire i panni dei personaggi più incredibili del pianeta terra, atleti capaci di impresi ai limiti del surreale e uomini dotati di qualità fuori dal normale. L'eterogeneità dei record funge da pretesto nonchè ispirazione per la natura stessa del gioco: una collezione di prove da superare e migliorare costantemente, per riuscire a battere i fatidici Record Mondiali. C'è chi che regge un autobus in equilibrio sulla propria testa, personaggi che spaccano cocomeri a colpi di testa, c'è da tosare il maggior numero di pecore nel minor tempo possibile, oppure da raggiungere altezze improbabili con la mountain bike. Tutte le prove sfruttano l'accoppiata telecomando-nunchuk, alcune meglio di altre. E' certamente strambo mimare le gambe sulla bicicletta facendo roteare le braccia, per esempio. Molti di questi giochi sono divertenti, come quello nel quale dobbiamo costruire un palazzo il più alto possibile incastrando i pezzi che lo compongono come in un tetris, oppure un altro dove viene ricreato una sorta di asteroids moderno che funziona puntando il remote direttamente sullo schermo per sparare. Molti altri, invece, sono decisamente poco ispirati e si limitano a farci ripetere un'azione in modo sequenziale e con la maggiore velocità possibile, in modo da tagliare all'origine ogni possibile discriminante che non sia quella della mera velocità fisica anziché una qualsiasi abilità manuale.

In giro per il mondo, a caccia di Record!

Appena iniziato il gioco ci viene chiesto di personalizzare un avatar che utilizziamo per eseguire successivamente ogni prova. Lo stile e le potenzialità sono pressapoco quelle già apprezzate sulla nuova dashboard di Xbox 360: si sceglie il sesso di appartenenza, si modifica volto e capelli, ed infine si sceglie il tipo di abbigliamento da indossare. Forse un processo inutile, visto che Nintendo Wii già possiede i nostri Mii e sarebbe stato più semplice importarli. E' importante anche modificare il nome del personaggio, perché sarà quello che dovrà comparire sulle classifiche online e che ci permetterà di poterci far riconoscere ed apprezzare in tutto il mondo. Dopo questa breve introduzione parte il gioco vero e proprio. Con il nostro alter ego digitale ci troviamo al centro di un mappamondo tridimensionale sul quale possiamo apprezzare vari elementi caratteristici delle località più famose del globo: la statua della Libertà a New York, la Tour Eiffel in Francia e così via. La mappa serve per poterci spostare da una città all'altra, dove una volta arrivati possiamo scegliere tra un ventaglio di quattro sfide, sbloccabili progressivamente e tutte legate al contesto geografico che abbiamo scelto. Le potenzialità massime del gioco dei Guinness dei Primati, ovviamente, si toccano collegando Nintendo Wii ad internet ed aggiornando così le reali classifiche mondiali. Il vero comitato che registra i record ha inoltre promesso una speciale pagina dedicata a chi sarà in numero uno in ogni rispettivo mini-gioco presente, pubblicandone il nome in una sezione apposita del libro. Ogni qualvolta otteniamo un tempo ottimo o una prestazione soddisfacente possiamo richiamare il menù della Wi-Fi connection, spedire i nostri dati e confrontarli con quelli già presenti su base regionale, nazionale e mondiale, controllando i nomi dei nostri sfidanti ed i loro record.

Voglia di essere i numeri uno

Sia durante gli spostamenti sulla mappa che prima dei giochi veri e propri possiamo leggere su schermo varie informazioni sui reali primati esistenti sul libro, fedelmente riportati nel gioco. Il Guinness dei Primati è stato catalogato come un party game non a caso. Sebbene la sua natura primaria sia quella di portare il giocatore a provare ripetutamente una stessa prova per cercare di battere i record, è presente una modalità multi giocatore che supporta fino a quattro persone che si possono dare battaglia simultaneamente, oppure uno alla volta in alcune prove speciali. E' anche possibile giocare in versus, uno contro uno contro un amico al nostro fianco. Per quanto riguarda il multiplayer non ci sono opzioni online ma si possono sfidare gli amici solo "dal vivo". Tecnicamente, il gioco è realizzato con uno stile piacevole e colorato, anche se ancora una volta, duole dirlo, le potenzialità reali di questa console non sono state minimamente sfruttate. La maggior parte dei mini-giochi sono bidimensionali, con animazioni spesso accennate o mal disegnate, anche se la caratterizzazione di personaggi, ambientazioni ed elementi su schermo è molto accattivante e divertente. Il comparto audio è curato ed efficace, con motivetti allegri ed orecchiabili, e fa buon uso dello speaker del telecomando di Nintendo Wii, ricreando tantissimi effetti audio direttamente dal microfono montato su esso. La longevità di questo gioco è garantita da ben 36 sfide molto differenti tra loro, le opzioni multiplayer e soprattuto le classifiche online. La voglia di vedere il proprio nome sul libro ufficiale dei Record è una molla che spingerà molti a rimanere incollati davanti alla TV nel costante tentativo di migliorarsi e battere il più forte del mondo, ovunque esso si trovi.

La versione Nintendo DS

La versione Nintendo DS ricalca in tutto e per tutto quella del fratello maggiore Wii. La struttura è pressoché identica: caratterizzazione del proprio personaggio, mappamondo sul quale spostarsi, 36 prove da affrontare e modalità online per spedire i propri risultati e paragonarli con il resto del mondo. La maggior parte dei mini-giochi sono esattamente quelli di Nintendo Wii, con la differenza che i controlli sono stati adattati alle specifiche potenzialità dell'hardware portatile. Il doppio schermo è sfruttato per monitorare costantemente tempi e conteggi, mentre quello touch screen è delegato al gioco vero e proprio mediante il tocco della pennina. Anche nella versione portatile i pregi ed i difetti di questo titolo sono gli stessi della versione casalinga. Molti giochi si prestano ad essere affrontati con il touch screen, mentre tanti altri si limitano a farci ripetere un'azione all'infinito, senza poter influire sulla prestazione con alcuna abilità manuale. La bellezza del poter settare un Guinness dei Primati stando comodamente seduti in treno, oppure in autobus andando a lavoro è però un'offerta troppo allettante da poter essere scartata a priori.
VOTO: 7.4

Commento

L'opportunità di poter settare un Guinness dei Primati comodamente seduti sulla poltrona di casa nostra (oppure in autobus andando a lavoro, su Nintendo DS), è una proposta troppo allettante per essere scartata a priori. Anche chi non ama particolarmente le collezioni di mini-giochi dovrà ricredersi: il gioco del Guinness lancia un guanto di sfida a livello mondiale mediante ben 36 competizioni sulle quali gareggiare e dove poter dimostrare di essere i numeri uno al mondo, nella propria nazione oppure nella regione di appartenenza. I giochi sono spesso divertenti, altre volte meno, ma la caratterizzazione colorata ed allegra risulta sempre perfetta per il genere, pur non spremendo minimamente le potenzialità grafiche di Nintendo Wii.

    Pro
  • La competizione è alta, grazie all'online
  • Tante sfide da affrontare, da soli o in multiplayer
  • Stile colorato e fresco
    Contro
  • Sconsigliato a chi non gioca online
  • Molti giochi sono poco divertenti
  • Tecnicamente è molto povero