iOS 14, la recensione

Analizziamo le novità introdotte da Apple in iOS 14, il nuovo sistema operativo dedicato a tutti gli iPhone compatibili.

RECENSIONE di Peter Vogric   —   17/09/2020
11

A giugno in occasione della Worldwide Developers Conference Apple ha presentato la nuova versione di iOS. Successivamente, come accade ormai di consueto, sono state rilasciate le prime versioni beta, che abbiamo potuto installare anche sui nostri iPhone, permettendoci di provare in anteprima iOS 14. Ormai siamo a settembre e la versione finale è già disponibile per tutti gli utenti iPhone. Oggi dunque siamo finalmente pronti a dare il nostro verdetto su questo sistema operativo. Apple sarà riuscita a perfezionare ancora il tanto acclamato iOS? In questo articolo troverete la risposta a questa domanda, oltre ad una corposa analisi delle novità e migliorie introdotte. Ulteriori dettagli sulle funzionalità descritte e l'elenco dei dispositivi compatibili potete trovarli in questo nostro speciale dedicato alla WWDC.

È tutto nuovo, ma ti senti a casa

Sono passati ormai sette anni dall'ultimo importante stravolgimento dell'interfaccia utente su iOS. In molti potrebbero essere stufi e desiderosi di novità, ma è evidente come la priorità per Apple sia mantenere una certa continuità negli aggiornamenti annuali. In iOS 14 abbiamo infatti trovato veramente poche aggiunte che ci abbiano fatto gridare al miracolo. Apple nell'ultimo decennio ha raggiunto un notevole bilanciamento tra prestazioni, semplicità e funzionalità all'interno dei propri sistemi operativi, quindi non ha sentito il minimo bisogno di stravolgere le carte in tavola. Questo non ci stupisce affatto, visto che nelle ultime due major release la parola chiave di è stata "ottimizzazione", seguita da qualche altra piccola ma gradita novità. È evidente come Apple non voglia più forzarci a comprare l'ultimo hardware (almeno non quanto prima), purché l'utente rimanga strettamente legato al loro sistema operativo sul quale sfruttare i loro servizi a pagamento. Proprio grazie a quest'ultimi l'azienda di Cupertino è riuscita a duplicare la propria capitalizzazione di mercato raggiungendo ben 2 mila miliardi di dollari in un solo anno. iOS dev'essere quindi un sistema operativo rapido e sicuro anche sui dispositivi più datati, per poter garantire l'acceso immediato ad iCloud, Apple Music, Apple TV+, Apple News, Apple Arcade, Apple Fitness+ e ultimo ma non per importanza App Store.

Img 2955 2 Mgy75S1

L’interfaccia migliora

Nonostante non ci sia un notevole distacco rispetto alle precedenti versioni, iOS 14 presenta diversi cambiamenti rilevanti nell'interfaccia grafica. A partire dai widget, sicuramente la novità più evidente, che si aggiungono come alternativa alle classiche applicazioni nella schermata Home. Lo spazio maggiore riservato ai widget ci permette di ottenere più informazioni, senza dover necessariamente aprire l'applicazione dedicata. Il vero potenziale di questi elementi dell'interfaccia grafica verrà a galla quando anche i produttori di terze parti inizieranno ad implementarli come estensioni delle proprie applicazioni. Per esempio, noi videogiocatori possiamo immaginarci un widget per Twitch con i nostri streamer preferiti sempre in evidenza. Oppure uno dedicato a YouTube con gli ultimi video caricati dai nostri amati creators. Insomma, una valida aggiunta per aumentare le possibilità di personalizzazione della Home a seconda delle vostre esigenze personali.

Immagine 3

Altra novità importante è la Libreria app, una scheda della schermata Home dove troviamo tutte le applicazioni installate sul nostro dispositivo. In svariati anni di utilizzo si tende ad accumulare un'importante quantità di applicazioni, spesso utili solamente in particolari situazioni. La Libreria app dunque ci viene in aiuto ed archivia automaticamente tutto al suo interno, senza dover organizzare pagine e pagine di cartelle. In questo modo possiamo disporre una o al massimo due pagine con le applicazioni più utilizzate ed archiviare il resto nella Libreria app. Grazie anche all'ottima ricerca Spotlight onnipresente nella schermata Home, possedere una grossa quantità di applicazioni non è più un problema.

Immagine

Infine, Apple ha pensato di aggiungere altre tre piccole ma gradite novità all'interfaccia grafica. Siri, quando viene richiamata, non si impossessa più dello schermo, ma appare come una piacevole icona in sovrapposizione con il Dock. Approfittiamo dell'assistente vocale per dirvi che sono state aggiunge numerose nuove risposte, per cercare di colmare il divario con gli assistenti di Google e Amazon, ma il distacco rimane ancora parecchio evidente. Anche le chiamate in entrata non sono più così invasive rispetto al passato. La loro notifica compare infatti sotto forma di banner, proprio come un normale messaggio. Questo ci permette di continuare ad utilizzare l'iPhone mentre stiamo ricevendo una chiamata alla quale magari non vogliamo rispondere, mentre prima eravamo costretti ad attendere fino all'ultimo squillo. Ultima novità, presa direttamente da iPadOS, è la possibilità di riprodurre i video e le videochiamate in modalità Picture-in-Picture. Attesa da tempo, questa funzione ci permette di seguire per esempio una diretta su Twitch, senza tenere necessariamente l'applicazione attiva e quindi potendo fare qualsiasi altra azione sullo smartphone. Siamo sicuri che la troverete veramente molto utile una volta sperimentata, sperando che venga inserita anche nelle applicazioni come YouTube o Amazon Prime Video.

Immagine 4

Insomma, tanti piccoli e graditi cambiamenti, ma nessuna grande rivoluzione. Apple continua a puntare sulla semplicità d'uso, perfezionando quanto possibile il sistema operativo per renderlo ancora più accessibile. Finite queste novità rilevanti, passiamo ora ad una serie di altre funzioni aggiuntive decisamente meno evidenti e spesso ignorate anche dagli utenti più esperti.

Messaggi, Mappe e Casa

Apple ha puntato ad ottimizzare maggiormente queste tre applicazioni all'interno di iOS 14. Le novità introdotte però non sono poi così innovative, anzi, sembrano voler rincorrere semplicemente altri servizi concorrenti. Nell'applicazione Messaggi ad esempio è stata aggiunta la possibilità di mettere i messaggi in evidenza, aggiungere una foto di gruppo, menzionare e rispondere direttamente nelle chat con più partecipanti ed infine nuove modifiche e gadget per le Memoji. Siri è in grado di inviare anche messaggi vocali tramite iOS 14, purtroppo solamente tramite l'applicazione nativa. Insomma, tutte novità già viste in servizi come WhatsApp e Telegram, decisamente più utilizzati sopratutto qui in Italia. Speriamo che determinate funzioni, come quella dei messaggi vocali, arrivi anche su WhatsApp e Telegram tramite le API offerte da Apple.

Immagine 2

Allo stesso modo anche Mappe si migliora, sempre cercando di inseguire il suo più importante concorrente gestito da Google. Qui c'è effettivamente un'importante novità rappresentata dalle indicazioni stradali dedicate agli amanti delle biciclette, che però funziona solamente in un numero limitato di città principalmente sul territorio statunitense. Anche le auto elettriche potranno sfruttare i vantaggi di Mappe in iOS 14, grazie a dei percorsi creati automaticamente considerando le tappe necessarie per la ricarica dell'automobile presso le apposite stazioni.

L'applicazione Casa continua ad espandersi con utili funzionalità come i suggerimenti per le automazioni e le così dette "situazioni". La prima offre la possibilità di eseguire una serie di comandi utili come: "Quando esco di casa attiva l'allarme, spegni tutte le luci ed abbassa il riscaldamento". Le situazioni in casa invece sono degli scenari predefiniti che possiamo configurare all'interno dell'applicazione. Ad esempio possiamo definire lo scenario "Dopo Cena", dove magari abbassiamo il livello delle luci ed accendiamo automaticamente il sistema stereo per riprodurre una rilassante melodia di sottofondo. Le luci smart saranno inoltre in grado di cambiare automaticamente la loro intensità e colore a seconda del periodo nell'arco di un'intera giornata. Al mattino avranno una luce più intensa con delle sfumature blu, verso sera invece andranno a colorarsi più di giallo per stancare meno i nostri occhi.

I miglioramenti presenti in Messaggi, Mappe e Casa sono indubbiamente graditi e possono tornarci utili nell'utilizzo quotidiano. Ancora una volta manca però quella novità d'impatto in grado di farci rimanere a bocca aperta, sopratutto perché queste nuove funzioni potrebbero tranquillamente passare in secondo piano agli utenti meno attenti, oppure potrebbero non servire affatto.

Ancora tante piccole novità

Safari in iOS 14 diventa il browser mobile più veloce al mondo, superando anche l'apparentemente imbattibile velocità di Chrome su Android. Il browser Apple è ora in grado di tradurre direttamente il testo nelle pagine web, grazie ad un'apposita funzione integrata in un comodo menu a tendina. Aumenta anche il controllo della privacy per proteggere al meglio i nostri dati personali.

Img 2965 2

In Wallet ora abbiamo la possibilità di aggiungere anche le chiavi digitali delle automobili supportate, per poterle aprire e accenderle direttamente dal nostro iPhone o Apple Watch. Le chiavi possono essere anche condivise tramite iMessage e possono limitare il funzionamento di una determinata modalità di guida nelle vetture.

Apple ha finalmente dato la possibilità all'utente di personalizzare le applicazioni di default all'interno di iOS 14. Dalle impostazioni è possibile impostare un'applicazione di terze parti come nuovo browser predefinito, così come un nuovo client mail. Attualmente questa funzione è limitata esclusivamente a poche applicazioni dedicate. Ad esempio è possibile impostare Chrome come browser predefinito direttamente dalle impostazioni.

Img 2964 2

L'audio spaziale degli AirPods Pro con rilevamento dinamico della posizione della testa dispone i canali surround sempre nel punto giusto, anche se muovendosi e spostando dispositivo. L'iPhone ci notificherà inoltre se i nostri auricolari stanno esaurendo la batteria. Gli AirPods sono in grado di passare da un dispositivo associato ad un altro, sfruttando l'intelligenza artificiale. Questa funzione risulta essere particolarmente utile e siamo veramente felici di vederla presente nell'ecosistema Apple. Se ad esempio stiamo ascoltando musica sull'iPhone con gli AirPods e decidiamo di guardare una serie TV sull'iPad, gli auricolari si accoppieranno automaticamente all'iPad non appena facciamo partire il video, sospendendo la riproduzione della musica su iPhone.

Apple ha dedicato parecchia importanza durante la loro presentazione anche alle App Clips. Questa versione ridotta delle applicazioni, scaricabile direttamente quando si necessita una funzione prevista dall'app stessa, potrebbe rivelarsi veramente molto utile. Immaginate di trovarvi un parcheggio che sfrutta una particolare applicazione per effettuare il pagamento della sosta. Per non dover scaricare l'intera applicazione, effettuare la registrazione e procedere con il pagamento del parcheggio, sarà sufficiente scaricare l'App Clip da circa dieci megabyte ed ottenere la possibilità di svolgere la funzione desiderata.

Img 2963 2

Traduci è il nuovo traduttore presente su iOS 14 come un'applicazione nativa. Grazie ad esso è possibile conversare in undici lingue straniere in modo semplice e naturale. L'applicazione è stata realizzata per essere posta tra i due interlocutori in modo da poter tradurre quasi simultaneamente una conversazione. Traduci funziona anche offline, salvando il vocabolario di una o più lingue all'interno del dispositivo, mantenendo quindi completamente riservata anche la vostra privacy.

Oltre a questo sono stati effettuati degli importanti cambiamenti alla privacy offerta da iOS e iPadOS con notifiche più o meno invasive a secondo della situazione.

Commento

Apple con iOS 14 non ci ha stupiti. Al suo interno non ha introdotto novità rivoluzionarie così come non ha cambiato il design dell'interfaccia utente. Ormai sia Apple che Google hanno raggiunto una certa maturità con i propri sistemi operativi, pareggiando spesso i pregi della concorrenza in un modo o nell'altro. Continuiamo però ad amare iOS per i suoi classici punti di forza che lo contraddistinguono da più di un decennio. Le ormai numerose funzioni essenziali presenti al suo interno sono state costruite e perfezionate in maniera maniacale per renderle accessibili a tutti senza impegno. Allo stesso modo gli utenti più esperti trovano in iOS tante potenzialità per sfruttare la piattaforma anche ad un livello professionale. Proprio grazie a questo perfetto bilanciamento iOS 14 riesce ancora una volta nel suo semplice intento di offrire la giusta dose di complessità a seconda dell'esigenza dell'utente finale. Vi consigliamo dunque di installare iOS 14 senza troppi pensieri, anche se possedete un dispositivo più datato, perché Apple è riuscita ancora una volta a svolgere un ottimo lavoro.

PRO

  • Gradite novità che non stravolgono l'esperienza d'uso
  • Ottimizzazione e personalizzazione della schermata Home
CONTRO
  • Ancora nessuna grande rivoluzione grafica
  • Molte novità passano facilmente in secondo piano