System Rush  0

Hacker e racing game possono benissimo convivere, almeno su N-Gage...

RECENSIONE di Fabio Palmisano   —   22/12/2005

Persone che assomigliano a cose

E sono proprio la natura e l’entità dello storyline i primissimi elementi a colpire della produzione Nokia, sia per l’atipicità dell’argomento in relazione al genere ludico, sia soprattutto per la –persino eccessiva- attenzione rivolta al racconto: sorvolando sulla discutibile traduzione italiana dei sottotitoli, le immagini statiche che descrivono lo svolgersi degli eventi si rivelano ben presto piuttosto noiose, complici soprattutto plot e personaggi non propriamente accattivanti. Sia lodata la funzione skip, che consente di raggiungere in tempo zero il cuore del titolo Ideaworks 3D, ovvero un racing game futuristico chiaramente ispirato a maestri quali F-Zero e Wipeout ma anche portatore di qualche elemento interessante. Sostanzialmente, la fase di corsa rappresenta l’ingresso dell’hacker all’interno del sistema informatico della multinazionale di turno, un ambiente wireframe stilisticamente assimilabile a Tron o al più recente Rez. I quindici tracciati compresi nel pacchetto ludico sono quindi il festival del poligono nudo, ma colpiscono per varietà e per qualità: in particolare, degne di nota sono le caratterizzazioni di ogni singola pista in relazione al paese ospitante, con quella americana infarcita di simboli di dollari e di statue della libertà, quella russa intrisa di stelle rosse, e così via. Graficamente, System Rush è un prodotto notevole, che non lesina nemmeno qualche pregevole effetto speciale pur mantenendo un frame rate assolutamente di buon livello. Convince anche il design delle vetture, che sempre nella bizzarra ottica del prodotto Nokia sarebbero nient’altro che una rappresentazione visiva dei programmi di hacking. Completa il quadro di un comparto tecnico di sicuro impatto una parte sonora un po’ povera sotto il profilo degli effetti ma davvero apprezzabile per quanto riguarda le musiche, rientranti nel tipico filone “unz unz” ma decisamente azzeccate e adrenaliniche.

Corri cyber-ragazzo laggiù

Promosso senza troppe riserve nel suo aspetto audiovisivo, System Rush si dimostra un prodotto valido anche sotto il profilo prettamente ludico, pur senza mai raggiungere vette qualitative particolarmente elevate. In buona sostanza, il titolo Ideaworks 3D si gioca come un Wipeout vagamente semplificato, considerato come il sistema di controllo contempli esclusivamente le funzioni di salto (utile per evitare ostacoli) e di utilizzo del power up oltre a quelle basilari di accelerazione, frenata e sterzo. Il tutto funziona piuttosto bene, e ci vuole davvero poco per far sfrecciare la propria navicella lungo i percorsi offerti dal gioco: e utilizziamo il termine “sfrecciare” non a caso, data la buona sensazione di velocità fornita dal prodotto Nokia. L’opportunità offerta all’utente di upgradare le proprie vetture a seguito delle vittorie nelle corse aumenta ulteriormente la godibilità di System Rush, ma ne mette impietosamente in luce anche il più grosso limite, ovvero un livello di difficoltà davvero basso. Complici un track design tutt’altro che severo e una IA degli avversari (che peraltro possono essere eliminati senza particolari difficoltà) decisamente docile, vincere in System Rush non è mai difficile, tanto meno quando si hanno a disposizione navicelle potenziate. Da segnalare anche una certa quale brevità dei tracciati, che avrebbero certamente beneficiato di qualche kilometro virtuale in più a testa. Fortunatamente la longevità del prodotto Nokia non risente troppo di questi aspetti, grazie soprattutto al buon mix di modalità disponibili in single player (Story Mode, GP Mode e Free Hack) e all’immancabile sezione multiplayer via Bluetooth, purtroppo limitata a soli due giocatori ma comunque apprezzabile e implementata in maniera convincente. Niente gameplay invece tramite il servizio N-Gage Arena, che però presenta alcune interessanti funzioni, come la Hack TV che consente di osservare le gare di altri utenti e di uppare la propria, oppure la Shadow Racing, ovvero una sfida con i ghost delle prestazioni migliori di giocatori sparsi in tutto il mondo.

Commento

System Rush, pur ricalcando evidentemente le orme di Wipeout, è un prodotto piuttosto originale, che abbina ad una convincente azione su pista un setting decisamente atipico per un racing game. Scelte stilistiche a parte, comunque, il titolo Ideaworks 3D si rivela divertente e godibile, veloce quanto basta ma decisamente penalizzato da un livello di difficoltà troppo basso e da un track design un po’ striminzito. Peccati tutto sommato venali, che, compensati anche da una realizzazione tecnica davvero notevole, non impediscono a System Rush di ritagliarsi uno spazio di assoluto rilievo all’interno del panorama ludico N-Gage.

Pro

  • Desing e realizzazione tecnica convincenti
  • Veloce e godibile al punto giusto
  • Buon numero di modalità single e multiplayer
Contro
  • Livello di difficoltà basso
  • Track design un po’ carente
  • Storyline fin troppo pesante

Immaginate un futuro non troppo lontano, nel quale il pianeta è interamente controllato dalle multinazionali. Immaginate di essere un hacker, appartenente ad un movimento fuorilegge che mira ad abbattere le fondamenta del potere delle corporazioni. Certo non sarebbe uno scenario propriamente originale, già sfruttato da pellicole cinematografiche e adventure games: ma la faccenda si fa più interessante nel caso di System Rush, considerando come questa stessa matrice narrativa faccia da sfondo ad un gioco di corse...