Top Spin  0

Top Spin: un "ACE" per Microsoft?

RECENSIONE di Andrea Moi —   05/11/2003

Skill e Stelline a go go

La parte di assegnazione delle abilità è gestita in modo eccellente, ci sono quattro caratteristiche di base ognuna con cinque livelli di specializzazione possibile, ma, tramite gli allenamenti, è possibile distribuire solo 14 “stelline” tra di esse, quindi ogni giocatore avrà dei punti di forza ed altri dove sarà più vulnerabile. Inoltre, durante il progredire del nostro alter ego virtuale nel ranking, vi sarà data la possibilità di assegnare quattro skill particolari come “Ace“ per migliorare i servizi oppure “Speed”, per la velocità. L’unione delle skill all’assegnazione delle stelline nelle caratteristiche di base, forniranno il vero bagaglio tecnico del giocatore e le sue prestazioni ne saranno influenzate in maniera evidente.
Durante la Carriera si incontreranno avversari sempre più forti e l’IA della cpu diventerà man mano migliore, fornendo una curva di apprendimento adeguata per i giocatori alle prime armi ed una buona sfida soprattutto nei livelli più avanzati.
Come detto in precedenza, la modalità Carriera è collegata anche alla sezione Multiplayer, infatti nelle partite online è possibile usare il proprio personaggio con tutte le sue abilità: migliore sarà il nostro tennista, maggiori saranno le possibilità di sconfiggere gli altri utenti di Xbox Live, in un circolo vizioso tra offline e online che dona a questo titolo una longevità notevolissima.

Controlli al top!

Top Spin ha tra i suoi punti di forza senza dubbio il metodo di controllo del personaggio, quasi fosse “diviso” virtualmente tra controlli per giocatori esperti e non. Tramite il colpo normale, di solito impostato sul tasto “A”, sarà possibile effettuare i tiri di base, che varieranno in base alla posizione rispetto alla pallina, eseguendo dritti o rovesci, allo stesso tempo secondo la pressione del tasto cambierà la potenza sviluppata nel colpo.
Gli altri tre tasti forniscono i colpi smorzati, tagliati oppure il pallonetto, dando al giocatore una scelta decisamente ampia di soluzioni, indispensabile per vincere i tornei di livello intermedio.
Per finire ci sono due super colpi il Drop e il Risk Shot, questi sono stati introdotti soprattutto per i giocatori esperti e probabilmente per rendere ancora più aperte le partite contro avversari umani. Imparare ad utilizzarli è tutt’altro che semplice, infatti si effettuano premendo il trigger destro e sinistro del pad prima di effettuare un colpo.
Con la pressione dei pulsanti analogici appare un indicatore, bloccandolo in una particolare zona, si potranno effettuare i due special. La riuscita o meno di questa operazione, difficile data la velocità a cui si muove il cursore, porterà ad un colpo valido o irrimediabilmente ad un out. Altra nota di merito per il gioco è la resa dei vari tipi di campo, le reazioni e la fisica della pallina infatti sono influenzate dalla superficie su cui ci si trova, aumentando i rimbalzi o la velocità dopo l’ impatto con il terreno.
Per la modalità esibizione, sono selezionabili varie opzioni per modificare il livello di IA della cpu, il numero di game e set necessari per la vittoria, ed ovviamente la possibilità di usare donne o uomini in match singoli o doppi. La telecamera di default nel gioco è decisamente ravvicinata, inquadrando il giocatore in terza persona, dà la sensazione di trovarsi letteralmente proprio dentro il campo, l’altra selezionabile ha una visuale del campo dall’alto con una particolare angolazione che permette una gestione della partita più efficace, anche se meno coreografica.
Sullo schermo durante i match è anche presente un indicatore chiamato “ITZ“, ovvero In the Zone, più si fanno punti e belle giocate più il livello sale, e se questo misuratore si colora del tutto, allora si potranno effettuare con più probabilità di riuscita colpi difficili come il Risk Shot.

Altra menzione particolare meritano la quantità spropositata di gadget e vestiti acquistabili nei negozi e il numero dei professionisti selezionabili, tutti rigorosamente modellati con le sembianze delle loro controparti reali (sedici sia per le donne che per gli uomini). Numerosi anche i vari campi disponibili, che riprendono arene reali e famose come quelle di Wimbledon, fino a campetti privati per i test degli sponsor.

Angolo tecnico

Tecnicamente Top Spin è senza dubbio il punto di riferimento per tutti i titoli nella categoria, frame rate fisso a 60 fps, pulizia video senza difetti di aliasing o flickering, stadi e campi di gioco molto ben realizzati, ottimi effetti di illuminazione, animazioni fluide e convincenti, effetti particellari come la polvere e le strisce lasciate sui campi di terra battuta e pubblico in 3d animato, il tutto unito a modelli poligonali di ottima fattura, con espressioni facciali convincenti.
Per quello che riguarda il sonoro, ci si trova con una parte, quella degli effetti ambientali, delle voci e degli effetti sonori in game ben riprodotta, mentre per quello che riguarda le musiche, il lavoro non è certamente all’ altezza del gioco, risultando queste poco coinvolgenti.

Angolo tecnico

Qualche neo...
Anche Top Spin ha qualche difetto e dopo averlo letteralmente spolpato, ci è anche passata per la testa l’idea che questi “lati negativi“siano stati lasciati apposta, perché migliorare il resto del gioco in un eventuale seguito sarebbe stato alquanto difficile.
Si fa sentire la mancanza della possibilità di utilizzo delle proprie colonne sonore salvate su Hard Disk e, più importante l’impossibilità di effettuare partite via Xbox Live tramite quattro console diverse nei match in doppio, dato che questo tipo di match possono essere giocati solo con quattro giocatori collegati a due Xbox e collegate online.
Altro limite è anche l’impossibilità di effettuare match misti tra uomini e donne, e la mancanza di una telecamera intermedia tra quella ravvicinata e quella dall’alto. I punti deboli del gioco si esauriscono qui, tutto il resto è una soddisfazione continua.

Commento
Top Spin è senza il minimo dubbio promosso a pieni voti, grazie al gameplay riuscito, al supporto multiplayer online che conferisce una grande longevità ed ovviamente ad un reparto grafico di alto livello. Il gioco pubblicato da Microsoft si fregia sicuramente del titolo di "Miglior gioco di Tennis" per questa generazione di console, ma ci sentiamo di affermare che anche il glorioso Virtua Tennis ha finalmente trovato un coinquilino al vertice della categoria; se a tutto questo si aggiunge il pieno supporto XSN e Xbox Live, abbiamo uno dei migliori titoli di sempre nella line up Xbox.

    Pro:
  • Supporto Xbox Live & XSN
  • Graficamente ottimo
  • Gameplay senza difetti
    Contro:
  • No alle Soundtrack personalizzate
  • Doppio via Live solo tra 2 Xbox

Microsoft esordisce nel mondo di Sampras e compagni e lo fa dalla porta principale, sfornando uno tra i migliori titoli sportivi di questa generazione.
Quando ancora la linea sportiva XSN di Microsoft non era ancora stata rivelata, ci fu l’annuncio di Top Spin, le prime foto, i primi giudizi sulla grafica, i primi dubbi sulla scelta di Power and Magic Developement come sviluppatore di questo progetto interno e poi, finalmente, le prime impressioni dopo i test effettuati all’ E3 2003. Da allora di tempo ne è passato e vi assicuro che i programmatori non sono rimasti con le mani in mano, ci sono stati miglioramenti in tutti gli aspetti del gioco, probabilmente seguendo le impressioni dei vari giornalisti e beta tester, bramosi di un successore per l’inossidabile Virtua Tennis di Sega.

Top Spin ha i diritti per sfruttare l’immagine di molti campioni, come Lleyton Hewitt, Sampras, Michael Chang, James Blake, Martina Hingis e Anna Kournikova, sia come avversari nei vari tornei, sia come personaggi giocabili. Il menu principale del gioco permette diverse scelte, la classica “Scuola di Tennis”, dove sarà possibile prendere confidenza con i controlli, le modalità offline come il Match Singolo, un Torneo Personalizzabile, la modalità Carriera ed ovviamente le opzioni multiplayer online. Proprio queste ultime due sono le colonne portanti di Top Spin ed immancabilmente sono legate tra loro.
La modalità Carriera permette di creare un proprio tennista e plasmarlo (sia fisicamente che nelle abilità) a piacimento, subito dopo aver scelto il sesso del nostro personaggio, sarà possibile assegnarli varie caratteristiche somatiche e vi assicuro che le possibilità di combinazione sono tantissime: non solo è possibile modificare ogni parte del viso, della pettinatura o della corporatura, ma si possono scegliere anche gli accessori di partenza, come bandane, vestiti e racchette.
Terminata la creazione del personaggio, si inizia a giocare ed è possibile legarsi ad uno Sponsor (anche questi rigorosamente reali) che vi porterà fondi aggiuntivi, tramite piccoli test privati a scopo pubblicitario, ma si può anche restare indipendenti e passare subito al primo torneo, partendo ovviamente dal fondo del Ranking Mondiale. La finalità della Carriera è semplice: vincere i tornei per scalare la classifica e guadagnare denaro, questo infatti servirà a pagare i vari maestri sparsi per il mondo, che permetteranno di migliorare le capacità del personaggio oppure di comprare tutti gli accessori più cool dei negozi e personalizzare ulteriormente il proprio giocatore.