Assembla che ti Passa #142  21

AMD è tornata a minacciare Intel con una nuova serie di CPU mentre NVIDIA si prepara al lancio della nuova serie di GPU Turing

RUBRICA di Mattia Armani —   21/04/2018

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Sono AMD e NVIDIA a spartirsi il palco dell'Assembla che ti Passa di questa settimana, e lo fanno grazie l'arrivo delle CPU Ryzen di seconda generazione da una parte e grazie alla comparsa di dettagliati rumor sulla GeForce GTX 1080 dall'altra. Partiamo dalla questione più concreta che ci ha visto alle prese con i Ryzen 5 2600X e Ryzen 7 2700X, entrambi caratterizzati da importanti miglioramenti nelle prestazioni del singolo core. L'incremento prestazionale effettivo delle nuove CPU è nell'ordine del classico 10%, ma le specifiche conquiste, ottenute con un processo di rifinitura che cambia poco o nulla in quanto ad architettura, dimostrano che la nuova tecnologia AMD è ancora acerba e può essere spremuta ben più a fondo. Per questo ci aspettiamo qualcosa in più dalla prossima famiglia di CPU Ryzen, anche se sarà sempre basata su socket AM4 e probabilmente pensata per mantenere la compatibilità con i chipset attualmente in circolazione. Nel frattempo Intel dovrebbe rispondere con Cannon Lake e Ice Lake, ma non prima di svariati mesi che potrebbero lasciare parecchio spazio libero a una AMD che ha già recuperato importanti quote di mercato nel 2017 nel settore delle CPU. Potrebbe invece perdere terreno nel campo delle GPU, dopo il buon inizio di Polaris vanificato dalla crisi delle memorie e dalla decisione di puntare su ben due refresh. Anzi, nel secondo caso, quello delle RX 500X, si tratta di un rebrand che non potrà di certo confrontarsi con le nuove GPU NVIDIA, a quanto pare decisamente più potenti di quelle attualmente in circolazione. E stiamo parlando della fascia media. In quella alta la situazione per AMD si prospetta complessa dopo il tonfo di Vega che tra consumi e problemi con le memorie HBM2 potrebbe addirittura saltare il tanto atteso refresh che avrebbe dovuto dare un senso all'architettura grafica AMD. Si parla infatti del terzo trimestre del 2018 per l'arrivo di Navi che, comunque, non dovrebbe stravolgere più di tanto il panorama. Questo a meno che, lo abbiamo già detto in passato, non si tratti di processori grafici modulari sviluppati, come le CPU, per lavorare con più o meno core dello stesso tipo. Un approccio del genere permetterebbe di creare tutte le varianti desiderate a partire da un solo chip, con il vantaggio di risparmiare come è stato per Ryzen che impiega la medesima tecnologia sia nel settore consumer che in quello professionale. Non sembra invece destinata a cambiare, almeno sul breve termine, la strategia di NVIDIA, a quanto pare pronta a lanciare sul mercato, nel mese di luglio, la GeForce GTX 1080.

Il chip al centro della scheda dovrebbe essere il GT104 il cui nome è compatibile con i rumor sull'architettura Turing, la prima che dovrebbe montare le nuove memorie GDDR6. Sembrerebbero confermarlo nuove indiscrezioni Wccftech che ci portano all'altro argomento caldo della settimana. La protagonista dei rumor, lo abbiamo anticipato, è la GeForce GTX 1180, presumibilmente destinata a costare 699 dollari anche nel caso delle versioni custom. Questo fattore dovrebbe influenzare il prezzo dei modelli prodotti dai partner che potrebbe risultare più elevato rispetto al passato, riducendo però la svalutazione della GeForce GTX 1080. Ci riferiamo, ovviamente, al prezzo consigliato che speriamo non venga alterato tanto dai problemi di reperibilità e di costo delle memorie, a quanto pare in via di risoluzione, quanto dalla pressione dei minatori digitali che finalmente hanno a disposizione hardware appositamente dedicato alla "raffinazione" delle criptovalute. In quanto a potenza la nuova GPU promette un salto importante, con 3584 CUDA core e circa 13TFLOP di potenza che le permetterebbero di superare, sebbene di un soffio, la GeForce GTX Titan Xp. Parliamo di un 50% in più rispetto alla GTX 1080 liscia che sarebbe quindi inferiore di circa un terzo rispetto alla nuova arrivata. Abbastanza per giocare a Battlefield 1 in 4K a 60fps e abbastanza per guardare alla futura Titan, anch'essa presumibilmente basata su architettura Turing, come la prima scheda in grado di non scendere, in Ultra HD, al di sotto dei 30fps con titoli come Metro: Last Light Redux. Per quanto riguarda il quantitativo di memoria le indiscrezioni relative alla GTX 1180 parlano di una forbice tra gli 8 e i 16GB, con una banda di 16Gbps che, combinati con un bus a 256-bit, dovrebbero essere sufficienti per lasciare la nuova scheda libera di esprimere tutta la sua potenza. Per ciò che concerne la finestra di uscita, lo abbiamo detto, le indiscrezioni parlano del terzo trimestre, indicando la fine di luglio come il periodo più probabile. Come al solito i prezzi iniziali potrebbero risultare elevati, per poi diminuire avvicinandosi gradualmente al prezzo consigliato, sempre che le problematiche del mercato GPU vengano effettivamente risolte.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

L'arrivo delle nuove CPU Ryzen non riguarda ancora la fascia bassa, con i modelli Ryzen 3 basati su processo produttivo a 12 nanometri che devono essere ancora annunci. Restiamo quindi vincolati alle soluzioni già esistenti che includono il Core 8100, ora più appetibile grazie all'arrivo delle schede madri Coffee Lake. Ma lo abbiamo già scelto la scorsa settimana e cogliamo quindi l'occasione per dare ancora uno spazio all'ottimo Ryzen 5 2400G.

Con 150 euro di prezzo, il Ryzen 5 2400G mette in campo supporto nativo per memorie a 2933MHz e Precision Boost 2, proprio come i nuovi modelli basati su architettura Zen+, aggiungendo al tutto una GPU integrata in grado di avvicinarsi alla Radeon RX 550. Certo, alcune limitazioni ci sono, a partire dalle linee PCIe, ma hanno un peso relativo in questa fascia, soprattutto di fronte alla possibilità di equipaggiare un PC economico con un processore da 4 core e 8 thread.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 150.00
AMD Ryzen 5 2400G 3.6-3.9GHz
SCHEDA MADRE € 75.00
ASRock AB350 Pro4
SCHEDA VIDEO € 00.00
AMD Vega 11 - integrata
RAM € 100.00
Corsair Vengeance LPX 1x8GB DDR4 3000MHz CL15
ALIMENTATORE € 50.00
XFX TS 450W 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 50.00
Cooler Master MasterBox Lite 3.1 Mini Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
LG GH24NSD1
TOTALE: € 470.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Il Core i5-8400 si è appena liberato da un fardello grazie all'arrivo delle schede madri Coffee Lake destinate ai processori bloccati, ma si è subito trovato di fronte ai Ryzen 5 2600 e 2600X che oltre a vantare il doppio dei thread si sono dimostrati capaci di superare il processore Intel anche sul piano delle prestazioni del singolo core.

Alcuni giochi continuano a non girare al meglio sulle CPU AMD, ma l'offerta complessiva ci porta a scegliere il Ryzen 5 2600 che, spinto di qualche megahertz grazie al Wraith Spire incluso, si avvicina al più costoso Ryzen 5 2600X. Paghiamo però qualcosa in più come early adopter dovendo puntare su una scheda madre X470. E ci tocca pagare più di quanto vogliamo anche per la SAPPHIRE PULSE Radeon RX 580 da 8GB anche se la scheda è meno cara di qualche altro euro e in termini assoluti costa decisamente meno rispetto a quanto visto negli ultimi mesi.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 200.00
AMD Ryzen 5 2600 3.4-3.9GHz
SCHEDA MADRE € 140.00
MSI X470 Gaming Plus
SCHEDA VIDEO € 340.00
SAPPHIRE PULSE Radeon RX 580 8GB
RAM € 170.00
G.Skill Sniper X 2x8GB DDR4 3200MHz CL16
ALIMENTATORE € 70.00
EVGA 600 B1 80+ Bronze
HARD DISK € 75.00
Western Digital Black 1TB
CASE € 85.00
NZXT S340 Elite Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 1080.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

In multithread il Ryzen 7 2700X torreggia sui processori consumer, lasciando nettamente indietro il Ryzen 7 1800X e stracciando il Core i7-8700K. Quest'ultimo vanta performance single core elevatissime, risultando comunque preferibile per chi cerca il massimo framerate, ma questa settimana lascia il posto al nuovo arrivato che combina potenza, economia e interessanti prospettive di miglioramento.

In quanto a prestazioni single core, il Ryzen 7 2700X compie un bel salto rispetto al Ryzen 7 1800X, piuttosto debole da questo punto di vista, oltre a costare sensibilmente meno. Lo abbiniamo con una scheda madre in grado di sfruttarlo e con una GPU tra le più abbordabili in circolazione, anche se ci aspettiamo di veder comparire offerte interessanti, nei prossimi giorni, in vista dell'arrivo della GeForce GTX 1180. Per quanto riguarda la memoria restiamo sulle G.Skill Flare X, in attesa che siano disponibili le Sniper X da 3400MHz.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 325.00
AMD Ryzen 7 2700X 3.7-4-3GHz
SCHEDA MADRE € 250.00
MSI X470 Gaming M7 AC
SCHEDA VIDEO € 600.00
Gigabyte GeForce GTX 1080 WINDFORCE OC
RAM € 225.00
G.Skill FlareX 2x8GB DDR4 3200MHz CL14
ALIMENTATORE € 110.00
Corsair RM750x 80+ Gold
HARD DISK € 230.00
Samsung 850 EVO 500GB M.2 / Western Digital Black 1TB
CASE € 120.00
Corsair Carbide Air 540 Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 1860.00