EA Sports Nintendo Wii  0

I videogames sportivi di Electronic Arts realizzati per Wii necessitano di uno spazio a parte per quelle che sono le notevoli differenze non solo tecniche, ma anche legate al gameplay, capace di sposare appieno la filosofia della console Nintendo.

ANTEPRIMA di La Redazione  —   10/07/2007

Tiger Woods 2008

Uno dei pericoli maggiori per Tiger Woods 2008 potrebbe essere almeno sul fronte del gameplay, di non offrire nulla rispetto al golf presente in Wii Sports. Basta tuttavia un singolo colpo per capire che qui suona tutta un’altra musica e di come il titolo sia molto più divertente. Utilizzando al meglio il Wiimote è possibile eseguire traiettorie decisamente più precise non solo al momento del tiro, ma anche quando la pallina si trova in aria. Scuotendo il controller, si può far abbassare la palla, soprattutto quando ci si rende conto che è stata data troppa potenza. Il risultato finale può sembrare troppo semplicistico, ma alla fine chi cerca simulazioni accurate e realistiche, non le va sicuramente a cercare sul Nintendo Wii. Come per NBA Live 2008, sono presenti numerosi minigiochi e la possibilità d’importare i propri Mii. E’ possibile anche utilizzare una foto per creare il proprio giocatore, ma il risultato finale non è comunque minimamente all’altezza della versione per PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Esteticamente questa versione per Nintendo Wii presenta un buon compromesso tra grafica e fluidità, che non è mai un male, viste le risorse a disposizione della console.

NBA Live 2008

La prima differenza che salta nell’occhio nella versione per Wii di NBA Live 2008 è l’utilizzo di una visuale diversa rispetto alle atre console, dove la telecamera si muove ai lati del campo, seguendo l’azione lateralmente. Su Nintendo Wii invece la visuale è alle spalle del portatore di palla, scelta questa un po’ inusuale ma che trova il suo perché nell’utilizzo del sistema di controllo. Innanzitutto il gioco può funzionare in modalità family con il solo Wiimote o professional con l’ausilio anche del Nunchuku per orientare meglio spostamenti e passaggi. L’immediatezza rappresenta il punto di forza del gioco e anche chi è a digiuno di titoli cestistici, impiegherà pochi minuti ad eseguire efficacemente passaggi e tiri. Il Wiimote permette infatti con la massima semplicità di eseguire ogni azione possibile orientando il controller nella direzione del compagno quando vogliamo passar lui palla o alzando e abbassando quando desideriamo eseguire un tiro. Qualche piccolo problema riguarda le difese, visto che le marcature sono un pò difficili così come lo è sottrarre palla all'avversario. Oltre ai normali match, giocabili in modalità carriera, campionato e partita singola, sono presenti anche una serie di mini-giochi e la possibilità d’importare i propri Mii. Il risultato finale è un titolo sportivo arcade davvero bello da giocare e che potrebbe rappresentare una piacevole sorpresa per i possessori del Nintendo Wii. La versione mostrata presenta ancora qualche indecisione per quanto riguarda grafica e animazioni (a tratti davvero legnose), ma mancando ancora almeno tre mesi all’arrivo nei negozi, gli sviluppatori hanno tutto il tempo per porvi rimedio. Manca infine il multiplayer online.