PlayStation 3: Il D-Day Italiano  6

PlayStation 3 è finalmente arrivata! Abbiamo sviscerato ogni più piccolo dettaglio, dalla dashboard all'online, passando per la confezione e la sua multimedialità!

SPECIALE di Antonio Fucito   —   23/03/2007

Confezione e contenuto

La confezione mette in bella mostra le caratteristiche salienti di PlayStation 3 e la notevole quantità di formati e tecnologie supportate, mentre per il resto mostra la console da diverse angolazioni. All'interno trovano alloggio i consueti manuali operativi, un cavo composito (ci saremmo aspettati in aggiunta almeno un cavo component o Hdmi) per il collegamento audio-video, il cavo di rete ethernet per la connessione ad Internet, quello USB per usare e allo stesso tempo ricaricare il joypad in dotazione ed infine il cavo di corrente. Ovviamente abbiamo proceduto immediatamente all'acquisto di un cavo HDMI, per sfruttare al massimo il nostro televisore HD e la miglior definizione.
La console, vista da vicino, ha sicuramente dimensioni imponenti, di molto superiori a PS2 e maggiori di Xbox 360. La scocca nera lucida che racchiude tutti i componenti interni riesce in parte a mitigare la percezione di questa cosa e a restituire un aspetto futuristico alla scocca. Le controindicazioni sono, al pari ad esempio della PSP nera, l'estrema facilità di sporcarla anche al minimo contatto con le nostre mani.
Il peso elevato (4,8 KG) si fa abbastanza sentire negli eventuali spostamenti, è da elogiare però il fatto che il trasformatore sia interno e che supporti pienamente anche il voltaggio elettrico degli impianti nostrani: abbiamo infatti collegato la console direttamente (con il cavetto standard tripolare che si usa anche per collegare i PC) alla presa di corrente e senza alcun problema siamo stati subito operativi.
Sul lato posteriore della console trovano spazio tutti i connettori d'uscita, come quello ottico, di rete e video, su quello anteriore ritroviamo invece 4 porte USB, per i joypad e per dispositivi esterni quali chiavette o altro, i led dell'hard disk e della connessione senza fili (WI-FI) e l'alloggiamento per gli slot per Compact Flash, SD e Memory Stick. I tasti di accensione/spegnimento a sfioramento, e l'ingresso per i Blu-Ray Disc di tipo slot in contribuiscono a dare alla console un look futuristico. Sul lato destro c'è infine lo sportello che permette di accedere all'Hard Disk da 2,5" presente all'interno della console, e fissato mediante viti. Ricordiamo che è possibile sostituirlo con qualsiasi altro Hard Disk presente in commercio e delle stesse dimensioni fisiche, anche di capienza maggiore.

Confezione e contenuto

Il joypad segue la linea tracciata fin dal primo Dual Shock per Playstation, apportando però alcune evoluzioni. Se il design di primo acchito pare identico (e in buona parte lo è), diverse sono le novità, a cominciare dal nome, ribattezzato in SIXAXIS. I dorsali inferiori sono stati inoltre trasformati in grilletti (e si riveleranno molto utili ad esempio nei giochi di guida) mentre la corsa dei due tasti analogici è migliorata e il loro uso ci è parso migliore. Altra aggiunta sul lato frontale è il tasto PlayStation, che permette di accedere ad alcune funzioni come lo spegnimento della console, l'uscita dai giochi o lo spegnimento del joypad stesso. Si, perchè il SIXAXIS può collegarsi senza fili alla console mediante la tecnologia Bluetooth o mediante il cavetto usb presente nella confezione, che allo stesso tempo permette di ricaricare anche la batteria al litio interna. Ultima interessante novità è la tanto decantata presenza di un sensore di tilt che permette di codificare i movimenti a 360 gradi del joypad: pensate ad esempio ad una simulazione di aerei, dove potrete governare il movimento del vostro velivolo spostando semplicemente il SIXAXIS nella varie direzioni. A fronte di questa aggiunta troviamo purtroppo l'eliminazione della funzione di vibrazione del joypad, che in compenso lo ha reso molto più leggero rispetto al Dual Shock 2.
Ultime note vanno per la confezione dei giochi, più compatte e piccole in altezza rispetto a quelle tradizionali per DVD e per le altre console, e per quelle dei film in Blu-Ray, essenziali ma molto sobrie e belle a vedersi.
Per le differenze con altre confezioni, vi lasciamo alle foto che abbiamo scattato. [C]

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Confezione dei giochi e confronto

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Interno della confezione

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Confronto di supporti, cambia la capienza, non le dimensioni

[/C]

Cross Media Bar (Dashboard, per gli amici XMB)

Chi è possessore di PSP, non faticherà ad ambientarsi con la Dashboard di PlayStation 3 (ribattezzata XMB), visto che sia esteticamente che come organizzazione è del tutto simile a quella presente sul portatile Sony.
Ogni macrocategoria è infatti disposta in maniera orizzontale ed adiacente con le altre, mentre è possibile scorrere in verticale tra i sottomenu. Una volta accesa la console, sarà possibile creare uno o più profili di uso della stessa, ognuno con le proprie impostazioni riguardanti l'account online e il filtro dei contenuti, con relative password. E' possibile inoltre selezionare il login automatico di un particolare utente, in modo da velocizzare l'accesso ai menu per la persona che utilizza più di frequente la macchina.
La prima cosa da fare, una volta creato il proprio utente, è quella di configurare le numerose impostazioni, a partire dall'orario e dalla data. A tal proposito il colore dello sfondo, al pari di PSP, cambierà in base al mese, mentre ci saranno tonalità di colore differente a seconda dell'orario, fino ad arrivare ad un quasi bianco e nero per lo sfondo durante la notte.
Sotto la voce impostazioni è possibile aggiornare inoltre il sistema, modificare lingua (è presente da subito anche l'Italiano), sottotitoli e formato video dei film in Blu-Ray, decidere ancora in che formato importare i CD Audio in proprio possesso. In questo caso la scelta ricade tra AAC, MP3 e ATRAC, con diversi bitrate disponibili. [C]

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Scelta e creazione di un utente personalizzato

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Scelta del tipo di importazione da CD

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Aggiunta di dispositivi Bluetooth e di Videocamere

[/C] La serie continua con la possibilità di formattare il disco fisso o le schede di memoria presenti negli appositi slot, di avere informazioni sul sistema e di installare un altro sistema operativo.
E ancora, in questa parte della XMB si possono aggiungere dispositivi Bluetooth come auricolari e microfoni, gestire eventuali mouse e tastiera collegati via usb, e telecamere come EyeToy. Soprattutto per i possessori di TV HD e di impianti Home Theatre è possibile scegliere l'uscita video (HDMI, composito, component, scart rgb, d-terminal), la risoluzione, fino a 1080p, e il tipo di uscita audio, che comprende anche quella ottica ed è indipendente da quella video. Ultima opzione è dedicata alle impostazioni di rete, sia mediante ethernet che senza fili. La scelta può ricadere su un indirizzo IP statico o dinamico per il collegamento, come altri parametri quali la connessione remota con PSP, per visualizzare i video e alcuni film in streaming.

Questo menu lo abbiamo creato per non farvi perdere tutti i numerosi articoli che abbiamo scritto in questi ultimi giorni in occasione del lancio PS3:

- Speciale FAQ PS3
- Recensione Resistance: Fall of Man
- Recensione Motorstorm
- Recensione Virtua Fighter 5
- Recensione Blast Factor (PSN)
- Recensione Genji: Days of The Blade
- Recensione Call of Duty 3
- Recensione Recensione NBA Street Homecourt
- Recensione Tony Hawk's Project 8
- Recensione Sonic the Hedgehog
- Filmato della confezione e la console con tutti gli ingressi, i cavi e gli accessori
- Filmato della XMB (Dashboard) in ogni dettaglio, opzione e funzioni
- Filmato dell'integrazione tra PS3 e PSP

Foto, Musica, Video

Queste tre parole racchiudono gran parte delle capacità multimediali di PlayStation 3, e ad ognuna corrisponde un menu apposito di gestione. La maniera più veloce per visualizzare foto, musica e video sulla console è quella di inserire una chiavetta USB oppure ancora una scheda di memoria nell'apposito lettore, e visualizzare direttamente i contenuti. In questo caso però bisogna utilizzare alcune accortenze per fare in modo che la console legga tutto, come succedeva un po' anche su PSP. Nel caso di foto scattate da una fotocamera, PS3 riconoscerà immediatamente il contenuto nella solita cartella DCIM; se volessimo invece visualizzare dei file presenti sul nostro computer, dovremo creare rispettivamente le cartelle MUSIC, PICTURE e VIDEO, per fare in modo che vengano letti dalla console. In questo ultimo caso non dovremo rinominare i file video come accadeva su PSP, ma basterà inserirne uno compatibile come formato (MP4).

Foto, Musica, Video

Tra le caratteristiche comuni abbiamo la possibilità di copiare i contenuti dalle schede esterne sull'hard disk in dotazione (singolarmente o per selezione) e riversarli nuovamente su altre schede. Nel caso delle foto, dopo l'importazione la console creerà delle cartelle in base al mese e metterà a disposizione alcuni controlli di visualizzazione come la risoluzione, il tipo di transizione tra una foto e l'altra e la possibilità di visualizzare le immagini con diversi tipi di gallerie fotografiche, alcune delle quali molto carine. La musica viene copiata mantenendo tutte le impostazioni, anche l'eventuale cover dell'album allegata e creando una cartella per ogni album salvato ad esempio su Itunes, anche qui è possibile scegliere varie impostazioni di ascolto, alla stregua dei più classici lettori musicali presenti su PC e Mac. Nessun problema da segnalare per i video, sia per quelli compatibili inseriti che quelli scaricati dal PlyStation Store, in qualità HD o Full HD. [C]

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Selezione di un video scaricato

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Copia del contenuto multimediale su una delle periferiche di memorizzazione disponibili

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Altra canzone in esecuzione

[/C]

Periferiche Supportate

Sapevamo già che PlayStation 3 sulla carta supportava una gran quantità di periferiche esterne di tutti i tipi, ma abbiamo voluto provarne diverse in prima persona e saggiare la bontà delle connessioni. Nessun problema riscontrato con diversi tipi di tastiera e mouse USB. Nel primo caso è possibile immettere testi più velocemente in qualsiasi punto del sistema, nel secondo si può sfruttare il mouse per navigare in Internet mediante il browser integrato o sul PlayStation Store. La stessa ottima compatibilità è stata riscontrata con diversi tipi di auricolari e microfoni Bluetooth, sempre perfettamente riconosciuti e subito operativi. Niente da fare invece per mouse e tastiere dotati di questa tecnologia, che diventeranno compatibili mediante uno dei prossimi aggiornamenti. Sul fronte periferiche di memorizzazione abbiamo già accennato al fatto che il sistema riconosce tranquillamente schede di memoria e chiavette USB, basterà inserirle per accedere immediatamente alle operazioni di copia o al loro contenuto multimediale. Abbiamo provato anche a collegare un Ipod Video in modalità disco, ma per adesso non viene riconosciuto. Per quanto riguarda il collegamento con PSP, leggete i prossimi paragrafi.
Ultima menzione va fatta per la videocamera, nel caso nostro specifico l'EyeToy, che ci ha permesso di intrattenere una sessione di chat video con uno dei nostri colleghi presenti nella lista amici.

Finalmente Online! PlayStation Store e Account

Assoluta novità, almeno per gli utenti PlayStation, è la piattaforma online che Sony ha messo a disposizione dei propri acquirenti. In questo caso è proprio il produttore Giapponese che si trova a dover rincorrere Microsoft, che con il suo Live dispone di una struttura di gioco e di navigazione online consolidata e ben strutturata. Le prime contromosse le ritroviamo quindi nel gioco online completamente gratuito e nel browser integrato per la navigazione su Internet.
Ma andiamo con ordine, la prima cosa da fare è quella di creare un account, che verrà utilizzato in maniera univoca per tutti i giochi online e per navigare sul PlayStation store, ovvero un portale gestito dalla stessa Sony per scaricare demo giocabili, trailer o acquistare giochi ed altro. In fase di creazione bisogna possedere, per il momento, un indirizzo di residenza Giapponese o Americano (e siamo riusciti facilmente a reperirne uno) mentre non è necessario inserire i dati della propria carta di credito, richiesti solo se si vuole acquistare qualcosa.
Dopo aver inserito i propri dati è possibile scegliere quindi l'avatar e connettersi. Per magia comparirà la propria lista amici, che sarà possibile accrescere ricevendo inviti o richiedendo direttamente l'aggiunta. Tutte le persone presenti in lista (ordinabile secondo diversi criteri) compariranno sotto al proprio nickname, con un indicatore di stato (offline/online) e l'attività che stanno facendo in quel momento. Nel caso in cui dovesse arrivare un messaggio durante una sessione di gioco o navigazione online, comparirà un avviso in alto a destra sullo schermo, sistema che viene utilizzato anche per altre comunicazioni all'utente.

Finalmente Online! PlayStation Store e Account

Abbiamo detto di PlayStation Store, basterà infatti cliccare sull'apposita icona per connettersi al negozio online di Sony. Per il momento sono disponibili per il download gratuito diverse demo giocabili, tra le quali Motorstorm, Resistance, GT HD, piste aggiungtive di Ridge Racer, trailer di giochi come Lair e di film in Blu-Ray come Silent Hill, e diversi titoli pronti per essere acquistati con prezzo a partire da 4 euro, sulla falsariga del Live Arcade di Microsoft.
L'interfaccia è per adesso abbastanza scarna e povera di opzioni e contenuti, è possibile visualizzare la lista dei propri download e degli acquisti e poco altro. Presumibilmente verrà arricchita periodicamente, ma per adesso si riduce all'essenziale.
Il browser Internet fa invece abbastanza bene il proprio dovere, supporta Javascript e Flash (ma non la versione 9 al momento) e permette di essere utilizzato anche mediante mouse e tastiera. Non mancano i segnalibri e le impostazioni per i cookie, molto carina è inoltre la possibilità di aprire più finestre e di gestirle mediante opzione apposita, in maniera simile a quanto visto con Exposè per i fortunati possessori di Mac Os X. Chi dovesse possedere solo il Joypad per navigare, potrà usare le frecce digitali per scorrere tra i link presenti nelle pagine e l'analogico sinistro per muovere il cursore, simulando quindi il mouse.

I film in Blu-Ray

Un'altra delle caratteristiche sulle quali Sony punta molto è la possibilità, per PlayStation 3, di riprodurre film di tipo Blu-Ray, uno dei supporti di memorizzazione in lotta per la successione del tanto amato DVD. I benefici di questo formato si trovano nella maggiore capienza per i dati (attualmente fino a 50GB, destinati a raddoppiare) e di una vasta serie di codec audio/video supportati, benefici che in pratica si tradurranno in maggiori contenuti sul disco e una qualità e risoluzione irraggiungibile per i film attualmente venduti su DVD.
Per provare la qualità riproduttiva, come detto, abbiamo acquistato, al costo di 24€, quel capolavoro (...) di Underworld Evolution e lo abbiamo subito inserito nella console. Già per questi primi titoli si nota la differenza di qualità rispetto ad un DVD, soprattutto nella definizione dei particolari e nella resa dei colori (merito anche del cavo HDMI). Nel caso di Underworld la codifica utilizzata è Mpeg 2, con un bitrate variabile tra i 16 e 22 Mbs. Con l'arrivo dei primi film codificati in Mpeg 4, la qualità è quindi destinata solo a salire. L'interazione con il film non è molto dissimile da quanto già visto su PS2 e PSP, col tasto triangolo si accede infatti ad un menu per selezionare capitoli, formato dello schermo, suono e tornare indietro, mentre col tasto select è possibile visualizzare diverse informazioni sul film, tra le quali appunto il tipo di codifica audio/video.

Retrocompatibilità

Una caratteristica che farà di sicuro felici molti possessori futuri di PlayStation 3 è la retrocompatibilità con gran parte dei titoli usciti su PlayStation e PlayStation 2. A differenza delle versioni d'oltreoceano, Sony ha inserito all'interno della console il processore Graphic Syntetizer di PS2, per avere un'emulazione di tipo misto hardware-software. Al momento di scrivere questo articolo sono 1782 i titoli che girano su PS3, sui 2451 disponibili, e il colosso Giapponese ha assicurato che verranno rinfoltiti con i prossimi aggiornamenti del firmware. A tal proposito è disponibile un sito dedicato che contiene la lista di tutti i giochi e, nel caso di quelli per il momento incompatibili, il tipo di problema riscontrato.
Noi abbiamo provato ad inserire prima il Cd Italiano di Castlevania: Symphony of Night per PSX e il gioco è partito regolarmente, stessa cosa per Final Fantasy XII per PS2, caricato senza problemi. La console, una volta avviato il gioco, ha chiesto di creare un salvataggio compatibile su Disco Fisso e dopodichè ha riadattato la risoluzione video al titolo scelto.
Purtroppo mentre PS3 è region free per quanto riguarda i giochi, non lo è per i titoli PS2 e PSX; non sarà quindi possibile far girare giochi NTSC Usa e Jap sulla console Europea e viceversa. Abbiamo provato infatti a far partire Metal Gear Solid 3: Snake Eater, versione USA, e la XMB ci ha dato il due di picche, infrangendo i nostri cuori.

Di PSP, Linux e Firmware

Una cosa che abbiamo apprezzato particolarmente è l'alta interoperabilità con le periferiche esterne. Sony ha infatti pensato bene di creare una sorta di comunicazione tra PSP e PS3, che permette di visualizzare sulla console portatile la Dashboard della sorella maggiore ed accedere a tutta una serie di funzionalità. Basta infatti settare su entrambe le console una connessione, e PS3 cambierà al volo la risoluzione e invierà a PSP la propria Dashboard in tempo reale. A questo punto potremo ascoltare la musica e vedere filmati presenti sull'hard disk di PS3 direttamente sullo schermo di PSP, mediante connessione senza fili. Un'altra possibilità di interazione è quella di poter comprare titoli per la prima PlayStation sullo store online (ad un costo di 6 euro) e scaricarli direttamente su PSP, con la possibilità di riconfigurare tutti i tasti e adattare la risoluzione video, anche in 16:9. Se volete approfondire questo particolare aspetto, abbiamo creato uno speciale video che illustra tutto quanto detto in questo righe.

Anche i più smanettoni si riterranno sicuramente soddisfatti, perchè è attivo un progetto di porting ufficiale di Linux su PlayStation 3, per la precisione Yellow Dog Linux. Noi ovviamente abbiamo scaricato questa distribuzione e ci siamo dilettati nella sua installazione, con risultati apprezzabili. Siamo riusciti infatti a collegare anche la console ad Internet mediante cavo (i driver wireless non sono ancora pronti), navigare con Firefox, utilizzare mouse e tastiera per scrivere testi in Openoffice, e fare qualche schizzo grafico con l'editor GIMP. [C]

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Comincia l'installazione di Linux

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Si passa ai settaggi

PlayStation 3: Il D-Day Italiano
Configurazione della scheda audio di PS3

[/C]

Di PSP, Linux e Firmware

Come già accade con PSP e altri dispositivi elettronici, PS3 verrà aggiornata a cadenza quasi regolare con nuovi aggiornamenti del firmware, che espanderanno le caratteristiche della console con nuove funzionalità. Fresca di rilascio è infatti la versione 1.6, che aggiungre il download dei file in background e la gestione in coda degli stessi, oltre ad altre interessanti aggiunte.

Siamo giunti finalmente alla conclusione del nostro speciale, sta a voi, dopo averlo letto e aver consultato tutte le recensioni che abbiamo pubblicato, se procedere all'acquisto della console next gen di Sony!

Finalmente è arrivata, la terza console di Sony è disponibile anche qui da noi in Italia e non potevamo quindi lesinarci dal procedere con il suo svisceramento.
PlayStation 3 è un progetto importante ed allo stesso rischioso per il colosso Giapponese, per alcuni semplici motivi. Uno dei diretti contendenti (Microsoft) ha immesso sul mercato la propria console Next Gen un anno prima e quindi si ritrova con già una discreta base installata ed un buon parco titoli; il prezzo di PS3 è inoltre sicuramente "importante" e giustificato solo in parte (almeno agli occhi dell'utente poco smaliziato) dalle caratteristiche tecniche e multimediali della console, che in questo senso non teme davvero paragoni.
Gli scopi di Sony sono principalmente tre, quello di riaffermare per la terza volta consecutiva la leadership nel mercato videoludico, spingere il formato Blu-Ray (di cui è uno dei fondatori) nella "lotta" con l'antagonista HD-DVD e nella successione del formato DVD e creare infine una vera e propria piattaforma multimediale con funzioni da Media Center, da affiancare al proprio televisore ad alta definizione.
Ma partiamo dal principio, ovvero la confezione e le specifiche tecniche!