Quanto mi servi? Speciale Periferiche Xbox 360  0

Arti e protesi elettroniche di un essere che cerca disperatamente di raggiungerci: la comunicazione. Ovviamentre senza perdere di mira la comodità.

SPECIALE di Mattia Armani —   07/04/2007

Wireless Network Adapter Voto: 3/5

Ottimo segnale, anche in appartamenti piuttosto ampi e a distanze ragguardevoli, e assenza della benché minima latenza sono una buona carta da visita, accompagnata da credenziali come il supporto di tutti gli standard wireless più diffusi, ovvero: 802.11a, 802.11b e 802.11g. Sottile, leggero e robusto l’adattatore wireless Microsoft soffre di un solo problema: il prezzo. La cifra di 80€, nonostante la qualità elevata del prodotto, e davvero troppo per una porta wireless USB. Nonostante ciò ormai le reti senza fili sono parte integrante della vita tecnologica di molti videogiocatori e sono una risorsa piuttosto utile per chi possiede diversi apparecchi elettronici, ognuno con il proprio bagaglio di cavi, concentrati in una sola stanza. Questo ufficiale offre una compatibilità rassicurante per tutti i neofiti delle connessioni, che vorranno evitare esperimenti, anche costosi.

Wireless Headset Voto 3/5

Apparato auricolare di buona qualità con in più il beneficio di essere wireless. Eliminare il cavo della cuffia permette maggiore mobilità ed elimina un fastidio concreto. Ogni tanto si riscontra qualche problema di ricezione che metallizza la voce, ma è un fenomeno che abbiamo riscontrato di rado. Non si tratta certo di un oggetto fondamentale, ma estremamente comodo ed utile soprattutto per chi passa buona parte del suo tempo connesso a Xbox Live. Viene venduto al prezzo di 49€ circa. Un po' troppo costoso.

Wireless Racing Wheel Voto:4/5

La periferica fondamentale per ogni appassionato di titoli di guida, nella sua veste made in Microsoft, si presenta solida e con un design assolutamente impeccabile. I controlli standard si trovano sull’asse orizzontale del volante e ovviamente non mancano i controlli per il cambio in stile Formula 1 posti ai lati opposti della ruota. Il force feedback, ovvero la resistenza dello sterzo simulata meccanicamente, è grintoso e verosimile e gli stessi pedali offrono una decisa resistenza, elemento in grado di incrementare ulteriormente il grado di realismo offerto dalla periferica. Nella confezione, oltre ai driver necessari per estendere la compatibilità dell’oggetto, è inclusa una versione di Project Gotham 3, opportunamente modificata per supportare a pieno il force feedback ed in grado di mostrare da subito l’elevata qualità del prodotto e l’incredibile fedeltà nella risposta dei comandi. Anche Need For Speed Carbon supporta le funzionalità della Wireless Racing Wheel e ne trae evidenti benefici nonostante non offra una giocabilità particolarmente raffinata. Attualmente non si tratta certo di una periferica fondamentale, ma con Forza Motorsport 2 e Project Gotham Racing 4 in arrivo potrebbe facilmente diventarlo, soprattutto per un appassionato di simulazioni di guida. Considerando l'elevata qualità del prodotto 129,90€ con un gioco incluso, seppur datato, sembra un prezzo più che adeguato.

Vision Camera Voto Voto:3/5

Ovviamente dedicata alla video chat e alla community di Xbox Live la webcam targata Microsoft offre una vasta gamma di possibilità che vanno al di là della video comunicazione diretta. Può essere impiegata come sensore video, similarmente all’Eye Toy Sony e ai predecessori che per anni hanno proliferato nell’ambito dei personal computers. I titoli che ne fanno uso sono in veste di controller sono Pinball FX e Totemball per quanto riguarda il Live Arcade e l’imminente Rayman Raving Rabbits la utilizza come complemento per diversi minigiochi. Inoltre Tom Clancy's Rainbow Six: Vegas, World Series of Poker: Tournament of Champions e Football Manager 2007 permettono di ricostruire digitalmente il viso di un videogiocatore integrandolo poi all’interno del videogioco stesso. E infine un discreto numero di titoli Live Arcade integra la video chat all’interno del gioco stesso consentendo una comunicazione diretta ai due contendenti. Pur non essendo un oggetto fondamentale la Live Camera è un ottimo complemento per l’Xbox Live ed è in grado di apportare un contributo, seppur minimo, alla giocabilità di qualche titolo. Il pacchetto base costa circa 49€ comprende un mese di XBox Live e l’accesso a Uno e Totemball sul Live Arcade. Sperando che in futuro gli sviluppatori si ricordino più spesso della sua esistenza, per gli amanti delle cyber relazioni è comunque un oggetto da avere, vista anche l'ottima qualità dell'immagine e la compatibilità con il PC.

Play and Charge Kit Voto:4/5

Si tratta di una pura e semplice comodità che permette di ricaricare il joypad wireless del 360 senza interrompere la sessione di gioco. E’ possibile controllare il livello di carica della batteria, secondo le dichiarazioni Microsoft intorno alle 30 ore, attraverso la dashboard della console. Il pacchetto comprende il cavo di riproduzione e ricarica e un gruppo di batterie ricaricabili NiMH ed è acquistabile per 20€. Questo tipo di battery pack solitamente ha una vita che supera abbondantemente i 18 mesi, se adoperato correttamente. Questo fattore, per chi fa largo uso del controller wireless, determina un risparmio tutt’altro che trascurabile sia in rapporto alle costosissime batteria usa e getta, sia facendo un confronto con il costo delle ricaricabili comuni che molto spesso non raggiungono l’anno di vita. Soprattutto consente di continuare a giocare, quando ci si è scordati di ricaricare le pile nel bel mezzo di un match su Xbox Live!

HD DVD 2/5

La comodità di avere un lettore esterno, oltre al non doverlo comprare, risiede più che altro nell’utilizzo esclusivo come lettore multimediale e si traduce in un’aspettativa di vita più lunga rispetto a quella di un lettore costretto a lunghe sessioni di gioco e cambi frequenti di disco. Nonostante ciò resta un lettore di prima generazione, seppur offerto ad un prezzo competitivo similarmente al Blue Ray PS3, il che suggerisce ponderazione al momento dell’acquisto, poiché è inevitabile che la qualità della componentistica cresca col tempo. Inoltre la stessa Microsoft non ha mai smentito un futuro lettore Blue Ray o compatibile con entrambi i formati, nessuno dei quali è ancora standard ne gode di completo supporto da parte delle major cinematografiche. Venduto a 199€ è consigliato solo a chi non può aspettare per godere dell’alta risoluzione nei film e, ovviamente, possiede uno schermo in alta definizione. Anche se in misura decisamente inferiore rispetto al lettore DVD della console e a un qualsiasi lettore per personal computer anche la periferica HD DVD è più rumorosa rispetto alla media dei lettori HD.

Wireless Gaming Receiver 2/5

Anche se non si tratta di una periferica destinata direttamente al 360 si tratta di un oggetto esclusivamente utile ai possessori di questa console o almeno delle sue periferiche. Il Wireless Gaming Receiver, al costo di 20€, permette infatti di utilizzare tutte le periferiche Wireless destinate alla console Microsoft anche su personal computer dotato di sistema operativo Windows. Non tutti i driver sono ancora disponibili ma Microsoft garantisce supporto futuro completo. Molti avrebbero preferito una periferica in grado di funzionare al contrario ma questa formula è decisamente più congeniale alle vendite di accessori made in Microsoft. Sicuramente utile a quelli che posseggono un personal computer e lo utilizzano per giocare.

Memory Unit Xbox 360 1/5

Un tempo era l’insostituibile custode dei nostri record e la sacra guardiana dei nostri “saves”, oggi solo un complemento assai poco conveniente reso obsoleto dall’hard disk rimovibile e da XBox Live. Certo è necessario averla se siete proprietari una Core e non avete intenzione di acquistare il disco fisso, ma per avere un’idea di quanto sia poco conveniente è sufficiente confrontare i 35€ da spendere per 64 megabytes contro i 100€ per 20 gigabytes.

Un tempo, nemmeno troppo lontano a dire il vero, le console erano oggetti di forma solitamente rettangolare esclusivamente dedicate alla riproduzione di videogiochi. Dopo non molto tempo furono accompagnate da periferiche più o meno efficaci come il controller a forma di guanto chiamato Power Glove o la pistola Zapper la cui evoluzione ha portato nelle nostre bramose mani bazooka, canne da pesca, chitarre e oggetti di ogni sorta esclusivamente dedicati a sfruttare le possibilità offerte da determinati titoli. Alternativamente, partendo dai portatili che si mantenevano distanti dal videogaming da divano, nacquero periferiche dedicate al semplice miglioramento del grado di comodità o all’aumento delle capacità multimediali della console. Qualcuno ricorda sicuramente la lente di ingrandimento dotata di luce o l’altoparlante ad incastro entrambi dedicati al vecchio, non retroilluminato, Gameboy, e qualcun altro avrà sicuramente ceduto alla tentazione di acquistare il sintonizzatore tv che trasformava il GameGear in un televisore portatile. Ebbene le console odierne, che si presentano come centri multimediali assoluti, necessitano di periferiche multiuso in grado di supportare videogiochi, trasferire dati e in genere migliorare un’esperienza che vuole rappresentare il top in ambito multimediale. Ormai sul mercato da oltre un anno l’XBox 360 può vantare un discreto numero di periferiche, alcune delle quali sono destinate a bilanciare gap tecnologici o supportare le potenzialità della console e del Live, ormai parte integrante dell’offerta XBox.

Vi presentiamo le principale con un indice da 1 a 5 per segnalarne il grado di utilità e convenienza.