Un veterano degli FPS dice basta con la monotonia 30

E con la violenza come unico tema

NOTIZIA di Mattia Armani —   22/04/2013

Charles N. Cox, veterano del genere FPS e sviluppatore di titoli come SWAT e SOCOM, ha chiuso con gli sparatutto in prima persona ed è convinto che sia il momento di pensare a qualcosa di nuovo.

Secondo Cox il profitto non giustifica un mercato videoludico a senso unico che tra l'altro è incentrato su orrori e violenza. Lo sviluppatore ha raccontato di un collega che dovendo portare la figlia sul luogo di lavoro ha mascherato uno sparatutto da nascondino, volendo evitare brutte influenze per la bambina. Per questo Cox ha deciso di cambiare aria anche se sa benissimo che il successo degli shooter difficilmente consentirà un cambiamento radicale nell'industria, ma è convinto che l'impegno di una parte degli sviluppatori e dei giocatori possa portare verso nuovi orizzonti.

Fonte: VG247