Il controller è un mezzo, dice David Cage  19

L'importante sono i contenuti

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   06/07/2010

Il capo di Quantic Dream, David Cage, dice la sua sul recente interesse catalizzato dai nuovi controller nell'industria videoludica.

Secondo il game designer, il contoller è soltanto un mezzo, uno strumento in grado al limite di allargare l'utenza abbattendo certe barriere imposte dall'utilizzo dei controller più "tecnici", ma la vera sfida nello sviluppo dei videogiochi risiede esclusivamente nei contenuti.

Questi e i nuovi controller "possono essere compatibili tra loro, ma portare più persone a giocare ai party games non supporterà in maniera particolare la creatività a meno che non vengano creati diversi tipi di contenuto per questo strumento". "Quello che importa veramente", dice Cage a Eurogamer.net, "è quello che succede nella mente dei giocatori" e dunque "il controller è solo un mezzo, non risolverà i problemi del portare l'interattività allo status di medium creativo e mainstream". Tra l'altro, Cage ha una sorta di conto in sospeso proprio con Move, poiché, come rivelato recentemente, il lavoro richiesto dall'adattamento di Heavy Rain al nuovo controller ha bloccato lo sviluppo degli episodi aggiuntivi del thriller di Quantic Dream.