Borderlands 3, Take-Two invia degli investigatori a casa di uno youtuber per frenare le fughe di notizie 9

Take-Two ha provato a frenare le fughe di notizie su Borderlands 3 inviando degli investigatori a casa di uno youtuber dedito alla serie.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   08/08/2019

Per evitare ulteriori fughe di notizie relative a Borderlands 3, Take-Two ha inviato degli investigatori a casa di uno youtuber specializzato nella serie, chiamato SupMatto.

A svelarlo è stato lui stesso in un video pubblicato dopo un'assenza di due settimane, dove ha raccontato anche che il publisher ha provato a far chiudere il canale con diverse querele legate a problemi di copyright.

Sostanzialmente SupMatto è dal 2015 che pubblica dei video dedicati alla serie Borderlands, compresi alcuni contenenti delle indiscrezioni che spesso si sono rivelate vere. 2K Games, società sussidiaria di Take-Two, ha dichiarato in merito che in alcuni casi le azioni dello youtuber sono state illegali e dannose per la comunità di Borderlands. Stando a 2K, le azioni intraprese sono state il frutto di dieci mesi di indagini su questo creatore di contenuti che ha più volte lucrato fornendo informazioni riservate sulle sue proprietà intellettuali e violando i suoi diritti d'autore. In questo modo ha danneggiato anche altri creatori di contenuti.

2K Games non è entrata nello specifico delle singole violazioni, ma è stata abbastanza chiara su cosa ha motivato quanto successo. Insomma, ancora una volta viene a galla il problema delle fughe di notizie e di quanto possano danneggiare il lancio di un gioco, pur grande come Borderlands 3.