Pokémon Masters: come funzionano le micro-transazioni 3

Le micro-transazioni di Pokémon Masters sono presenti ma non sembrano invadenti rispetto al gameplay, legate soprattutto all'elemento gacha del gioco mobile.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   24/07/2019

È possibile effettuare da oggi la pre-registrazione di Pokémon Masters, con alcune informazioni che sono emerse questa mattina sul nuovo gioco mobile da parte di DeNA in collaborazione con Nintendo, in particolare per quanto riguarda le micro-transazioni.

Proprio come gli altri titoli mobile Nintendo, anche Pokémon Masters è un free-to-play con micro-transazioni, la cui entità va ancora analizzata a fondo, visto che al momento abbiamo avuto a che fare solo con un primo contatto da cui è emerso il Provato di Pokémon Masters pubblicato questa mattina da Vincenzo Lettera in esclusiva italiana su queste pagine. Gli acquisti in-app si riferiscono all'acquisto di gemme, la valuta in-game che può essere accumulata con denaro reale. Queste vengono utilizzate esclusivamente per l'elemento gacha del gioco, che è dunque l'unico in cui è possibile investire denaro reale.

Il gacha riguarda la raccolta dei Sync Pairs, ovvero le accoppiate Allenatore e Pokémon di riferimento che possono essere accumulati e utilizzati all'interno di Pokémon Masters. Ci sono al momento 65 coppie possibili nel gioco e per ottenerle tutte è abbastanza probabile che sia necessario ricorrere alle micro-transazioni: i Sync Pairs possono essere ottenuti anche giocando, ma le probabilità di ricevere tutte le accoppiate sono ovviamente basse, almeno in relazione a una quantità di tempo limitata. La cosa positiva, come fa notare GameSpot, è che questo sistema è abbastanza avulso dal gioco principale: l'elemento gacha e le micro-transazioni hanno una loro sezione nel menù ma non invadono mai l'azione di gioco, dunque non si può parlare di presenza invasiva degli acquisti in-app per Pokémon Masters, un elemento sicuramente positivo.