Single player su PlayStation è amatissimo, ma i giocatori faticano a trovare il tempo

Stando a un documento interno di Sony, i giocatori PlayStation amano moltissimo il single player, ma faticano a trovare il tempo per giocarci.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   30/11/2020
173

Stando a un documento interno di Sony, i giocatori PlayStation amano molto giocare in single player, ma faticano a trovare il tempo per farlo durante le loro giornate. Lo studio risale al 2019 ed è stato distribuito soltanto a pochi sviluppatori selezionati. Dovrebbe essere stato condotto su 3.000 soggetti rappresentativi, ma non c'è certezza in merito.

Di base Sony nega quella che viene vista come una grande verità del mercato odierno: il multiplayer vende, il single player langue, a parte poche eccezioni. È lo stesso autore dello studio che scherza sulla faccenda, affermando che, al contrario di quanto si creda, sulle console PlayStation sono molti gli utenti che preferiscono giocare offline in single player.

I problemi che incontrano sono però di natura essenzialmente pratica (e spiegano anche alcune scelte fatte per PS5). Ad esempio tantissimi giocano in single player solo quando sanno di avere almeno due ore a disposizione, altri desistono quando bloccati perché costretti a fare lunghe ricerche sui video di aiuto online, altri ancora sono demotivati dai rischi di spoiler e c'è chi non potendo giocare continuativamente, dimentica ciò che ha fatto nella sessione precedente. Sostanzialmente sembra di leggere una critica ai lunghi open world che durano più di cento ore e che sono adatti solo a quella cerchia di giocatori che ha molto tempo a disposizione e che ama svolgere compiti triviali tanto per passare il tempo.

Per questo motivo Sony ha inventato un metodo per aiutare i giocatori a pianificare meglio le loro sessioni di gioco, ossia le cosiddette attività, che danno propriamente i tempi di ogni missione o segmento di gioco.

Dualsense Ps5 Controller Recensione 6