Stadia: Journey to the Savage Planet è rotto, ma Google ha chiuso lo sviluppatore

Il port di Journey to the Savage Planet per Stadia ha alcuni grossi bug, che però non saranno mai risolti visto che Google ha chiuso lo studio di sviluppo.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   23/02/2021
54

Journey to the Savage Planet per Stadia ha diversi bug, uno dei quali blocca il gioco nel menù principale. Purtroppo è probabile che nessuno li risolva mai, visto che Google ha chiuso lo studio di sviluppo che si è occupato del gioco.

La scoperta è stata fatta da un utente di Stadia che ha chiesto assistenza alla piattaforma per poter appunto giocare a Journey to the Savage Planet. Il supporto di Google lo ha rimandato al publisher, 505 Games, che però gli ha spiegato come il codice del gioco e i dati della versione Stadia siano in mano a Google e non a loro.

L'utente ha risposto a 505 Games spiegando di averli contattati su suggerimento di Google. Al che il publisher ha dato una spiegazione più esaustiva, ossia che il colosso di Mountain View si è occupato del port in prima persona, avendo acquisito lo sviluppatore Typhoon Studios nel 2019, e pubblicandolo sotto etichetta Stadia Games and Entertainment. Sostanzialmente 505 Games non può proprio intervenire su quella versione, su cui non ha alcuni diritto. Il problema è che nel frattempo Google ha chiuso Typhoon Studios e nessuno sa come sistemare il gioco.

Quindi, per riassumere come fatto brillantemente da Shane Luis su twitter:

  • Parte 1: Google/Stadia acquisisce lo studio.
  • Parte 2: Lo studio lancia un gioco su Stadia.
  • Parte 3: Google/Stadia chiude lo studio.
  • Parte 4: Il gioco su Stadia non funziona, ma nessuno in Stadia sembra essere capace di sistemarlo, perché hanno chiuso lo studio.

Bisogna essere davvero dei colossi multimiliardari per gestire una situazione del genere in modo così dilettantesco. Comunque sia pare che Google abbia preso in carico la questione e stia cercando un modo per risolvere i problemi, come annunciato su Reddit e sul blog ufficiale della piattaforma.